Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 18 numero 28 – 22 luglio 2015

Scritto da
22 Luglio 2015

Agenzia settimanale – Anno 18 numero 28 – mercoledì 22 luglio   2015
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


AuserInforma

EMERGENZA ESTATE 2015. SUL SITO WWW.AUSER.IT TUTTE LE INIZIATIVE IN CAMPO DALLA A ALLA ZETA
L’Auser è impegnata  anche quest’anno ad aiutare gli anziani, soprattutto quelli che vivono da soli, ad affrontare con serenità i disagi legati all’estate. Protagonista è il servizio di Telefonia Sociale e aiuto alla persona Filo d’Argento, dotato di un Numero Verde Nazionale gratuito 800-995988, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20. Il Piano dell’Auser prevede una risposta articolata e diversificata che viene  incontro ad  esigenze di aiuto concreto, di compagnia e socializzazione, di informazione e prevenzione. Sul sito www.auser.it  è  attiva    la sezione speciale “Emergenza Estate”  nella quale  trovare tutte le notizie utili per aiutare gli anziani e le loro famiglie ad affrontare con serenità il periodo estivo.   Inoltre nella sezione “dalla A alla Z le iniziative dei comuni e del volontariato” sono inserite tutte i servizi attivati dagli enti locali e dal terzo settore  per fronteggiare i disagi legati al caldo e alla solitudine, oltre 45 i comuni già inseriti in elenco.

A MARSALA E PETROSINO I “LUMI DELLA SOLIDARIETA’, UN PROGETTO SOSTENUTO DA FONDAZIONE CON IL SUD
“I lumi della solidarietà” è il titolo del progetto finanziato dalla Fondazione con il Sud che vede impegnati l’Auser di Petrosino come soggetto responsabile insieme ad altre associazioni partner del territorio. Il progetto, della durata di 21 mesi,  prevede attività di riqualificazione dei quartieri San Giuseppe e Via Gioberti di Petrosino e del quartiere popolare Strasatti di Marsala piazza Padre Pio –  con il coinvolgimento delle famiglie, degli anziani, dei disabili e degli stranieri.  Le attività in programma si muovono lungo due binari: da un lato il potenziamento di servizi che la rete ha già offerto in passato (Filo d’Argento, alfabetizzazione per donne straniere, sostegno scolastico per i minori) e dall’altro la riqualificazione territoriale attraverso interventi di Urban Painting, street art, orti sociali e segretariato itinerante. Il confronto con il territorio è avvenuto attraverso 3 momenti di Open day presso i quartieri in oggetto, in cui gli abitanti sono venuti a conoscenza  delle azioni e hanno potuto iscriversi alle varie attività proposte.  Le azioni sono partite con il potenziamento del Filo D’argento, attraverso ‘attività di promozione presso  medici generici, geriatri, farmacie e attraverso la formazione di nuovi volontari, avvalendosi inoltre della competenza di n. 3 psicologici di cui uno esperto in processi cognitivi, sia presso il punto di ascolto sia con interventi domiciliari.
Per info: ilumidellasolidarieta@gmail.com  la pagina su Facebook o contattare 328-6541725
320-0956347.

BOVALINO (RC). UN PROGETTO PER RIQUALIFICARE GLI SPAZI PUBBLICI
Il 18 luglio a Bovalino, presso i locali del Brico Center si è svolta la selezione degli interventi proposti per il bando “insieme per il tuo Quartiere”. Si tratta di una iniziativa lanciata da Brico Center per interventi di piccola manutenzione o riqualificazione di aree pubbliche o private ma di interesse generale. Tra le tante associazioni ammesse al Bando c’è anche l’Auser Noi ci siamo di Bovalino con il progetto dal titolo “Il posto delle storie” che coinvolgerà il gruppo di giovani e meno giovani volontari  dell’associazione e i ragazzi diversamente abili. Tutti armati di pennelli disegneranno sui muri storie coloratissime.
Per info: http://progettiausernoicisiamo.altervista.org/gallery/

 NOTO. L’AUSER DEI SUPER SENIOR E DEI SUPER JUNIOR
E’ un bilancio positivo quello fatto dall’Auser nel corso dell’ultima assemblea che si è tenuta nella sede di via Cirillo. L’Auser, che si rivolge principalmente agli anziani, ha esteso le attività anche ai minori come racconta il presidente: “La nostra è un’associazione che si occupa prevalentemente di anziani – ha detto Santo Boscarino – ma che promuove lo scambio intergenerazionale, lo dimostra in questo periodo l’impegno che i nostri volontari stanno producendo in un progetto estivo denominato Estate Insieme 2015, patrocinato dal comune di Noto, che vede coinvolti quasi un centinaio di bambini dai cinque ai tredici anni. Insomma riusciamo a mettere in campo iniziative che spaziano dai super senior ai super junior, senza mai abbassare l’asticella della qualità”. Oltre l’attività intergenerazionale l’Auser ha sviluppato una serie di azioni volte all’impegno civico che ha visto i volontari e gli iscritti impegnati in occasioni di mostre ed eventi. L’associazione non ha mai messo da parte l’aspetto ricreativo e i volontari saranno impegnati anche in una rappresentazione teatrale del gruppo teatro della nostra compagnia amatoriale denominata “Happy Auser” ,che sono impegnati nelle prove di un nuovo progetto che culminerà con la rappresentazione di una commedia brillante dell’autore Santo Capizzi, il prossimo 28 Agosto”.
Fonte:gazzettadelmediterraneo.it

ESTATE SICURA PER GLI ANZIANI IN VALDARNO E VALDISIEVE
Un numero di telefono, dedicato alle persone con più di 75 anni, al quale chiedere sostegno ed aiuto. Anche quest’anno fino al 30 agosto nei comuni dell’Unione Valdarno Valdisieve è attivo il progetto «Estate Sicura Anziani», realizzato in accordo con la Conferenza dei Sindaci e dell’Azienda Sanitaria di Firenze zona Fiorentina sud – est per la salute degli anziani nel periodo estivo. Per gli anziani che ne avessero necessità due sono i numeri da chiamare: 3480013051 per i comuni di Reggello e Rignano sull’Arno e 3457380765 per i comuni di Pontassieve, Rufina, Pelago, Londa e San Godenzo. Con i due numeri si vuole offrire ai cittadini una serie di interventi per contrastare il disagio legato alle condizioni climatiche estive. Contattando gli operatori si possono avere informazioni di ogni tipo, sorveglianza attiva per gli ultrasettantacinquenni a rischio e la possibilità di sbrigare alcune pratiche, per chiedere la spesa o la consegna di pasti e medicinali a domicilio. L’iniziativa è possibile anche grazie all’impegno dei medici di famiglia, delle associazioni di volontariato, le cooperative sociali e le reti di solidarietà.
Fonte: firenzepost.it

MILANO. EMERGENZA ESTATE IN CITTA’, UN NUMERO VERDE PER CHIEDERE AIUTO
Il Comune di Milano ha predisposto interventi a sostegno della popolazione anziana e fragile: con particolare attenzione ai 24.000 anziani assistiti dall’amministrazione, di cui 7.000 con più di 75 anni, che vivono soli e hanno gravi problemi di salute. Gli interventi, partiti nel mese di giugno, entrano nel vivo nelle giornate di allerta caldo  classificata dal Ministero della Salute con livello di allerta 3 (la più alta in una scala da 0 a 3). Chiunque necessiti di informazioni e assistenza – continua il comunicato – può chiamare, tutti i giorni dalle 8 alle 20, il numero verde gratuito 800.777.888, per accedere vari servizi a disposizione: dai pasti a domicilio agli accompagnamenti, dalla pulizia della casa e igiene della persona alla teleassistenza. Chiamando il numero verde si può anche segnalare la presenza di anziani non autosufficienti che vivono soli o di persone con disabilità, che in questa particolare situazione potrebbero trovarsi in difficoltà.
Fonte: Lapresse

SARZANA. LUOGHI CLIMATIZZATI PER RIFUGIARSI DAL CALDO
Per far fronte all’emergenza caldo l’assessorato ai servizi sociali di Sarzana ha deciso di aprire una corsia preferenziale per gli anziani soli che possono così trovare sollievo alle alte temperature rifugiandosi nel Centro diurno anziani di via Paci 1 dal lunedì al sabato e nella Rsa «Sabbadini» di via Falcinello la domenica. Nel frattempo sono iniziati a circolare nei luoghi dove gli anziani si riuniscono di solito dei volantini che contengono indicazioni su come comportarsi in caso di caldo torrido, come quello che sta colpendo il nostro paese in queste ultime settimane. Nozioni semplici ma che danno consigli sugli orari di uscita da casa e sulla necessità di utilizzare deumidificatori al posto di condizionatori

IL CORRIERE DI SIENA DONA 500 LIBRI ALL’AUSER
Nei 20 anni di vita del Corriere di Siena sono stati raccolti dalla redazione centinaia di libri, oltre 500. In occasione delle celebrazioni del ventennale del giornale, i giornalisti hanno deciso di donare l’intera collezione affinchè possa essere a disposizione della città. I volontari dell’Auser di Siena hanno contribuito a catalogare, incasellare, suddividere questo grande patrimonio di libri. Parte dei libri andranno negli espositori della Coop, chiunque potrà prenderli a fronte di una piccola donazione per la Fondazione “il cuore che si scioglie”, la più parte andrà ad arricchire la biblioteca dell’Auser Comunale di Siena e verranno messi a disposizione  di altre associazioni, parrocchie, circoli o offerti nella bancarella della Bottega della Solidarietà e dell’Accoglienza che raccoglie fondi da destinare alle persone svantaggiate della comunità.

VOGHERA (PV), TUTTI I CONSIGLI CONTRO IL CALDO
L’assessorato alla famiglia del Comune di Voghera (PV) ha predisposto una serie di interventi per fronteggiare l’emergenza caldo.
E’ stata aggiornata l’anagrafe della fragilità nell’ambito degli interventi previsti dal Piano di tutela della persona fragile dell’Asl di Pavia, inserendo in questo elenco le persone più a rischio per condizioni sociali e di salute.
Inoltre è stata realizzata una piccola guida con l’elenco dei numeri telefonici utili e delle farmacie di turno in città nel periodo estivo.
I numeri da chiamare sono lo 0383.45666 della Cri cittadina, attivo 24 ore su 24 e l’800.034933 dell’Asl di Pavia dedicato all’emergenza caldo.
Per ogni difficoltà ci si può rivolgere al circolo Auser, presso cui è possibile trovare l’opuscolo del Comune con tutte le indicazioni pratiche contro il caldo.
Fonte: La Provincia Pavese

LEGNANO (MI): UNITI CONTRO IL GIOCO D’AZZARDO
A Legnano (MI) 35 paesi del territorio dichiarano guerra al gioco d’azzardo unendo le forze. Sono tre i progetti che Regione Lombardia finanzierà per  combattere il gioco d’azzardo patologico e in ognuno di questi confluiranno i paesi del territorio. Su un campione di 93.621 abitanti, 25.676 rischiano di sviluppare una ludopatia; i progetti prevedono attività formative per medici, Polizia locale, volontari di associazioni come la Caritas o l’Auser, anche attività informative e di sensibilizzazione attraverso campagne con pubblicità progresso.
Si prevede anche un piano per le scuole: una serie di incontri specifici con gli studenti che trasmetteranno a loro volta ad altri le competenze acquisite per realizzare video, foto o prodotti musicali sul tema del gioco.

VARESE, UN SUPPORTO PER L’ESTATE
Auser Filo d’argento di Varese non si ferma per l’estate: la sede sarà chiusa solo la settimana di Ferragosto, ma sarà sempre attivo il numero verde al quale chiamare per le emergenze legate al caldo e per le necessità da parte delle persone anziane.
I volontari in questi giorni di grande canicola sono operativi e vigilano sulla popolazione anziana. Le richieste più frequenti riguardano spesa e farmaci a domicilio, ma anche accompagnamento per visite specialistiche e un po’ di compagnia in queste settimane di caldo che costringe gli anziani a restare in casa.

CASTIGLIONE D’OTRANTO (LE): “IL PANE E LE ROSE” CON SAPORI A CHILOMETRI ZERO
“Il pane e le rose” è un esperimento che ha l’obiettivo di provare a ricostruire i vincoli di solidarietà attraverso il cibo.
A Castiglione D’Otranto (LE) si è tenuta nei giorni scorsi una cena solidale basata sul concetto di dono e di scambio: nulla è stato acquistato, ma tutti i prodotti donati da contadini locali. Dalla raccolta degli ortaggi alla decorticazione del farro, fino alla cucina e alla messa in condivisione delle pietanze.  Tra gli organizzatori c’è anche l’Auser.
Il rito antico della condivisione come motore essenziale per ripartire e ridare prospettiva alle piccole realtà.
Fonte: La Gazzetta di Brindisi

QUARRATA (PT): 14 PROFUGHI IMPEGNATI NELLE ASSOCIAZIONI SUL TERRITORIO
14 profughi tra i 25 e i 35 anni provenienti da Senegal e Gambia hanno trovato ospitalità da circa de mesi a Quarrata (PT).
Un’integrazione possibile che inizia innanzitutto dallo studio della lingua, che il gruppo sta apprendendo con grande impegno.
L’obiettivo è poi quello di inserirli in contesti di lavori socialmente utili con la collaborazione delle associazioni sul territorio: Auser, ma anche Caritas, Emmaus e Misericordie.
Fonte: La Nazione

CAVA MANARA (PV): IL PIANO PER GLI ANZIANI CONTRO IL CALDO    
Un piano contro il caldo destinato agli anziani a Cava Manara (PV) con la collaborazione del circolo Auser “Le Querce”.
Gli interventi vengono realizzati presso il centro diurno di via Conti  e quello della frazione Mezzana: le strutture sono dotate di condizionatori e per gli anziani della zona è possibile soggiornare e usufruire dei servizi disponibili.
Il circolo Auser è disponibile per servizi di trasporto per raggiungere le strutture e per il servizio di accompagnamento per la spesa.
Per informazioni e contatti: 0382/5575211

AUSER CESENA RACCOGLIE DUEMILA EURO PER IL NEPAL
Auser Cesena, attraverso una raccolta fondi, ha donato duemila euro all’associazione Apeiron per sostenere il Nepal dopo il terremoto dello scorso aprile.
Il denaro raccolto servirà ad acquistare 10 moduli abitativi precari, rifugi temporanei per contrastare la stagione dei monsoni.
Un piccolo aiuto in un momento critico, per avviare un percorso di solidarietà anche nei prossimi mesi.

Anziani e dintorni

GENOVA. NELLA CITTÀ PIÙ ANZIANA D’ITALIA PARTONO ALCUNE SPERIMENTAZIONI DI COHOUSING
«Sono soluzioni che permetteranno ai privati di condividere spazi e servizi, riducendo i costi e migliorando la qualità della vita – spiega Elisa Liddonici, assistente sociale impegnata nel gruppo a fianco di architetti, avvocati e studenti – Sulla carta ci sono sale letture, cucine e lavanderie condivise in uno stesso stabile ma anche servizi che vanno dalla badante di condominio alla fisioterapia o attività mirate per evitare il ricovero garantendo assistenza a domicilio a malati ancora attivi. C’è già un gruppo di over 65 che vorrebbero costituirsi in cohousing ma il progetto può essere destinato anche a chi si trova in una situazione di fragilità, genitori anziani con figli disabili che cercano soluzioni stabili e sicure per il futuro dei propri cari». Ma come si passa dalla teoria alla pratica? L’associazione ha già individuato proprietà di demanio pubblico o terreni di fondazioni e terzo settore che potrebbero essere riconvertiti con il supporto di fondi europei mentre con la Regione sta organizzando giornate di formazione. E tra gli entusiasti dei cohousing c’è anche il direttore dei Sert di Genova, Giorgio Schiappacasse: convinto che sia uno strumento terapeutico, oltre che sociale, esorta il Comune a istituire una graduatoria per case popolari in condivisione. Tra i disagi da contrastare c’è anche quello di chi ha vissuto l’esperienza del carcere. Ci ha pensato don Giacomo Martino, cappellano dell’istituto penitenziario di Pontedecimo, che si è battuto per avviare un progetto di cohousing per i detenuti che hanno finito di scontare la pena. E ci è riuscito: ha trovato due alloggi che sono in ristrutturazione e saranno pronti a settembre.
Fonte: Repubblica.it

TERLIZZI (BA), LABORATORIO DI CERAMICA PER NONNI E NIPOTI
Il 22, 23 e 25 luglio a Terlizzi (BA) si terrà, presso il museo della Civiltà contadina, il laboratorio di ceramica, un evento a cui bambini e ragazzi sono invitati a partecipare assieme ai loro nonni e che si svilupperà in due fasi: una prima in cui saranno illustrati gli antichi mestieri e mostrati gli strumenti di lavoro dell’antichità, una seconda in cui i più piccoli saranno chiamati a realizzare con le proprie mani piccoli oggetti di ceramica.
La prenotazione è obbligatoria chiamando il numero  080.3517577.
Fonte: terlizziviva.it

Associazionismo Volontariato Terzo Settore

UNA DELEGAZIONE DEL FORUM IN VISITA AL CARA DI MINEO
Una delegazione del Forum Nazionale del Terzo Settore, accompagnata dal Forum Regionale della Sicilia, si è recata nei giorni scorsi a  Mineo (Ct) per una visita ad uno dei luoghi più emblematici per l’accoglienza in Italia, il CARA. “Abbiamo trovato quasi 4000 persone, per lo più giovani, per lo più maschi, parcheggiati per anni nel pieno della campagna catanese, lontano dai centri abitati, in attesa di poter ricevere il diritto di asilo. Ragazzi che sono fuggiti da condizioni drammatiche, e che già hanno alle spalle viaggi durati anni.”  – Questo il primo commento della delegazione del Forum composta da: Pietro Vittorio Barbieri, portavoce nazionale; Pippo Di Natale, portavoce regionale; Gianfranco Cattai, Enzo Costa, Maurizio Gubbiotti, Maurizio Mumolo e Stefano Tassinari del Coordinamento nazionale del Forum Terzo settore; Mohamed Saady, della Consulta Welfare  e Giovanni Lattanzi della consulta Affari europei e internazionali presso il Forum. “Così concepiti, i Centri di accoglienza non possono essere la soluzione, ma possono diventare un potenziale altro problema. Diventano infatti grandi spazi di raccolta per numeri molto ampi di persone, che si trovano però sempre ad una certa distanza dai centri abitati. L’integrazione ed una accoglienza degna di questo nome non ci sembrano essere garantite. E’ urgente realizzare micro strutture di accoglienza,  utilizzando risorse già presenti sui territori, già impegnate nel lavoro con i migranti, senza disperdere quanto di positivo fatto, ma creando condizioni di maggiore umanità e più gestibili.” In conclusione della giornata la delegazione ha incontrato il sindaco di Catania, Enzo Bianco, che ha mostrato interesse a stabilire con il Forum ulteriori forme di collaborazione, ed ha proposto un incontro per il mese di settembre, insieme ai sindaci interessati e con il presidente dell’Anci, per discutere insieme di politiche migratorie, accoglienza, inclusione, gestione dell’emergenza.
Per info: stampa@forumterzosettore.it www.forumterzosettore.it

PAESTUM LE GIORNATE DELLA LEGALITA’
Da venerdì prossimo, 24 luglio, prenderà il via a Paestum il Campeggio Studentesco ‘Revolution Camp’, organizzato dalle Associazioni Studentesche UDU – Unione degli Universitari e Rete degli Studenti Medi. Nei primi tre giorni, fino a domenica 26, si terranno ‘Le giornate della Legalità’ promosse dalla Cgil nazionale per rilanciare il percorso intrapreso quest’anno dalla confederazione con la campagna ‘Legalità una svolta per tutte’. Tante le iniziative previste nello spazio verde adiacente al Lido Nettuno (via Laura mare, 53, Paestum – Capaccio). Si comincia venerdì, alle ore 21, con un incontro sul tema “Ruolo dell’informazione e lotta alle Mafie”, a cui parteciperanno il giornalista de L’Espresso Giovanni Tizian e il direttore di Telejato Pino Maniaci, che per il loro impegno straordinario e le loro inchieste hanno subito minacce da parte della criminalità organizzata, il vicepresidente della Commissione parlamentare  Antimafia Claudio Fava e il portavoce dell’associazione ‘Da Sud’ Danilo Chirico.
La mattinata di sabato 25 luglio sarà dedicata ad una riflessione interna, parteciperanno i segretari confederali Nino Baseotto e Gianna Fracassi. Quest’ultima, alle ore 21, incontrerà Rosario Cantelmo, Procuratore Capo di Avellino, e Davide Mattiello, parlamentare della Commissione Antimafia e relatore della legge di iniziativa popolare “Io Riattivo Il Lavoro”, un’occasione per fare il punto sulla legge e per approfondire le tematiche che legano corruzione, mafie, affari e politica.
Nell’ultima delle Giornate della Legalità, il 26 luglio, dopo una discussione sul fenomeno della corruzione nello sport (ore 18) e a conclusione della tre giorni, il segretario generale della Cgil Susanna Camusso racconterà, insieme ad alcuni dirigenti sindacali territoriali, delegati e studenti “Storie di illegalità nel lavoro e buone pratiche”.
Fonte: ufficiostampa cgil nazionale

IL BILANCIO SOCIALE DI CSVNET
Sul sito del Csvnet www.csvnet.it è possibile scaricare il Bilancio sociale di CSVnet 2014 . Il documento  offre un’ampia e dettagliata descrizione delle attività svolte e dei risultati ottenuti dal Coordinamento dei CSV nell’anno appena trascorso. Vengono presentati l’ identità, la mission e il contesto di riferimento, oltre che la dimensione economica e sociale di CSVnet: programmazione, aree d’intervento, sistema di relazioni e molto altro.Da questa edizione, grazie alla collaborazione con il Centro di Servizio per il Volontariato di Torino, il Bilancio Sociale di CSVnet assume una nuova veste grafica più snella, in un’ottica di rendicontazione sempre più trasparente delle attività svolte.

Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa Auser
Nazionale Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
E-mail ufficiostampa@auser.it Sito internet: www.auser.it

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

I commenti sono chiusi