Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 24 – 8 luglio 2020

Scritto da
8 Luglio 2020

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 24– mercoledì 8 luglio 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


Auserinforma

Larino (CB), nasce l’ambulatorio solidale dei medici in pensione
Nasce a Larino (CB) un nuovo ambulatorio solidale per garantire un supporto alle persone che hanno difficoltà ad accedere alle cure in un momento particolarmente difficile a causa dell’emergenza Covid.
L’iniziativa è stata resa possibile grazie all’impegno di Auser e dell’amministrazione comunale e a quello dei medici in pensione che hanno dato la loro disponibilità gratuita e volontaria ad effettuare visite ad anziani e a persone in difficoltà economica o a rischio di emarginazione sociale.
Nei giorni scorsi infatti è stata approvata la delibera comunale con cui sono stati concessi in comodato d’uso gratuito all’Auser i locali della ex scuola materna, che diventerà presto la sede del nuovo presidio sanitario.
La regione Molise finanzierà il progetto con un contributo di 15mila euro che serviranno per l’allestimento dei locali e l’acquisto di strumenti e apparecchiature.
Fonte: isnews.it

 
Firenze, oltre 500 interviste per capire come gli anziani hanno affrontato l’emergenza
In che modo la comunità degli anziani di Firenze ha vissuto i mesi di emergenza dovuta al Covid? Auser Volontariato Firenze lo ha voluto chiedere ad una popolazione  composta dai propri soci e da soggetti che sono soliti usufruire dei propri servizi. I primi dati emersi sono interessanti. Sono stati intervistati telefonicamente circa 500  cittadini di Firenze, età media 77 anni (tra 65 e 100 anni), con netta prevalenza (61%) delle donne.  Si tratta di persone che vivono sole (39%) o in coppia (48%).
“Il quadro che scaturisce dalla nostra indagine – sottolinea il presidente Giovanni Dell’Olmo –  è di una coorte di anziani dinamica e ben attrezzata. Infatti, il 60% dichiara di aver avuto poca o nessuna paura del COVID. L’altro dato di grande interesse, e in qualche misura inatteso, è che ben il 40% degli intervistati dichiara di non aver risentito molto della mancanza dei rapporti familiari e/o sociali durante la segregazione. In tale periodo il computer è stato di abbastanza o molta utilità per il 50% degli intervistati, mentre circa un terzo del campione si è dedicato particolarmente alla lettura. Poiché solo il 20% degli intervistati  giudica insufficienti  o appena sufficienti le proprie condizioni economiche, è  verosimile che quello da noi raggiunto sia un campione discretamente abbiente oppure è possibile che, per pudore, alcuni abbiano sopravvalutato il proprio reale status socio-economico. Questa indagine, che non pretende di avere rigore scientifico, fotografa una popolazione anziana meno fragile di quanto, forse, immaginavamo probabilmente perché molti di loro hanno nel bagaglio di vita l’esperienza difficile del dopoguerra”.
A  settembre Auser Firenze ha intenzione di organizzare una manifestazione chiamando esperti, strutture auser e amministrazioni pubbliche  per discutere e approfondire le tematiche sociali emerse nella ricerca che si arricchirà di nuovi dati.
 
 
Monza Brianza: “Istantanee del presente”, i volontari Auser e i loro oggetti al tempo del Covid si raccontano in un progetto fotografico
Auser Monza Brianza partecipa al progetto “Istantanee del presente – Testimoni al tempo del Covid-19” promosso dal  Memoriale Veneto della Grande Guerra. Grazie alla collaborazione con il fotografo e volontario Jordan Angelo Cozzi verrà creato un fondo “Auser Monza Brianza” con le storie dei volontari dell’associazione e i loro oggetti si racconterà  come è cambiata in questi mesi la visione del presente.
“Il Covid-19 ha profondamente mutato e sconvolto le nostre vite – si legge in una nota –  Noi, animali sociali, abbiamo dovuto rinunciare agli amici, agli affetti, alle relazioni che caratterizzavano le nostre giornate. Le scuole sono state chiuse all’improvviso e il mondo del lavoro ha subìto profonde e spesso drammatiche trasformazioni. Siamo stati privati di gesti profondi, come dare l’ultimo saluto ai nostri cari. Abbiamo dovuto fare i conti con nuove preoccupazioni nei confronti delle persone a cui vogliamo bene, soprattutto per chi lavora nelle strutture sanitarie o nei servizi essenziali. La convivenza con la pandemia ci ha imposto di rinunciare, per il bene della collettività, a libertà per noi considerate scontate e inviolabili.”
Una volta scelti gli oggetti sarà il fotografo a realizzare lo scatto. Tutto il materiale raccolto entrerà a far parte dell’Archivio storico del MeVe – Memoriale Veneto della Grande Guerra e verrà valorizzato nell’ambito di mostre e iniziative pubbliche.
Per saperne di più

Fabbrico (RE), riparte l’Università del sapere permanente di Auser
Dopo lo stop imposto dal Covid-19, le lezioni dell’Università riprendono all’aperto, ogni martedì sera a cominciare da martedì 7 luglio, presso il Cortile Cinema Cristallo di Fabbrico. Le lezioni avranno cadenza settimanale e si terranno ogni martedì, alle ore 21.15. L’inaugurazione degli appuntamenti si è svolta il  7 luglio con la lezione – a cura di Sergio Nasi – dedicata al Mercante di Venezia di William Shakespeare; martedì 14 luglio sarà proiettato il docufilm “Di madre in figlia”, dedicato alle mondine e ai canti delle risaie, e se ne parlerà con Pietro Marmiroli; martedì 21 luglio Gabriele Magnani tratterà il tema della guerra dei Balcani; martedì 28 luglio Luca Bagni discuterà di ambiente e, in particolare, dell’Oasi Lipu “Celestina” di Campagnola Emilia. Il programma di agosto è in via di definizione. Le conferenze saranno organizzate in completa sicurezza, nel rispetto della normativa anti-Covid. Sarà previsto il distanziamento fisico fra i partecipanti, ciascuno dei quali dovrà indossare la mascherina.
Gli appuntamenti sono aperti agli iscritti all’Università 2019-2020 e a tutti i soci Auser (a questi ultimi sarà chiesto un piccolo contributo di 10 euro). È possibile iscriversi all’associazione e richiedere maggiori informazioni rivolgendosi alla sede Auser di Fabbrico dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 – tel. 347/3187357.

 
Consegnate due borse di studio Auser a Lugo (RA)

In un periodo caratterizzato da grandi difficoltà anche per la scuola e la didattica, i volontari del circolo Auser volontariato di Lugo hanno voluto ribadire, anche quest’anno, il loro sostegno ai ragazzi.Ieri pomeriggio sono state consegnate due borse di studio, del valore di 300 euro l’una, a due studenti che hanno concluso brillantemente il primo ciclo di istruzione distinguendosi all’esame finale della scuola secondaria di primo grado.
I beneficiari sono Lara Alberani e Hamza Morsaline, che potranno utilizzare il buono per acquistare libri e materiali scolastici per la scuola superiore.
 

Cardano al Campo (VA), una panchina rossa per ricordare Laura Prati
Lo scorso 2 luglio, nel settimo anniversario dell’agguato in municipio che costò la vita all’indimenticata sindaca di Cardano al Campo (VA) Laura Prati, l’amministrazione comunale le ha dedicato in piazza Mazzini la panchina rossa, simbolo della lotta contro la violenza di genere.
Sette anni dopo amici, concittadini, amministratori del territorio, compagni e avversari politici, ma soprattutto tante persone comuni si sono ritrovate per ricordare Laura. «C’è una pagina di storia di Cardano al Campo che nessuna pandemia può cancellare», ha detto il sindaco Maurizio Colombo durante la commemorazione ufficiale. «Siamo qui per non dimenticare una mamma e una donna delle istituzioni che ha sempre lottato per i valori della giustizia e della legalità. Idee e istituzioni sono più forti di follia e criminalità». Colombo ha rivolto un saluto anche a Costantino Iametti, presente in piazza Mazzini, sopravvissuto ai colpi di pistola che gli si conficcarono in pancia il 2 luglio del 2013.
Nel 2006 Laura Prati, ai tempi vicesindaco con delega alle Pari opportunità, aprì a Cardano il primo centro di ascolto per donne vittime di violenza domestica a livello provinciale, Auser Filo Rosa.
Fonte: malpensa24.it

 
Terni, “Nessuno escluso” fino al 31 dicembre
Il progetto “Nessuno escluso”, che Auser Terni ha portato avanti dai primi di marzo durante tutta l’emergenza Covid, andranno avanti fino al 31 dicembre.
Grazie al sostegno  della Fondazione Carit infatti, proseguiranno i servizi di consegna della spesa e dei farmaci e il sostegno psicologico agli anziani fino alla fine dell’anno.
Nei due mesi di lockdown Auser Terni ha svolto più di 200 servizi di consegna della spesa e dei medicinali  e servizi di ascolto psicologico e telefonico.
“La fase critica non è terminata. Crediamo che ancora ci vorrà molto tempo per tornare ad una situazione di semi normalità – dice il presidente Alessandro Rossi – noi ci siamo e ci saremo”.
Le tante richieste di aiuto al numero verde Auser hanno dato il via al progetto “Grandi storie in piccoli spazi: Testimonianze ai tempi del Covid-19”.
L’associazione sta raccogliendo, via mail o al telefono, storie, poesie, ricette, uno spaccato dell’emergenza o ricordi del passato che diventeranno un libro, una memoria storica di una quotidianità che, grazie a tanti volontari, ha comunque regalato la speranza.
“Le persone possono contattarci, dice Rossi, per raccontare come hanno trascorso il periodo dell’emergenza, per condividere una poesia o una ricetta”.
Per partecipare, per chiedere la consegna della spesa e dei farmaci o usufruire del sostegno psicologico basta scrivere una mail a auser.terni@umbria.cgil.it oppure telefonare ai numeri 800 995 988 e 0744 496218.
Fonte: terniinrete.it

 
Oliena (NU), Auser in campo contro gli incendi

Ad Oliena (NU) è partita la campagna antincendio 2020 targata Auser. Ogni primo luglio da oltre quindici anni scatta il reclutamento dei volontari disponibili, e sono davvero tanti, per formare le pattuglie antincendio che monitorano il territorio. Come gli anni scorsi, alla chiamata del presidente Dionigi Loi, hanno risposto diversi anziani. «Partiamo come sempre con tanto entusiasmo per dare un servizio anticendio alla cittadinanza che l’Auser organizza da diversi anni, servizio che si protrae dal primo luglio fino al 31 agosto e sempre con risultati molto soddisfacenti. Un impegno che per gli anziani dell’Auser si ripete da qualche anno e che sicuramente ha portato un valido contributo alla guerra di contrasto degli incendi che vede impegnati diversi corpi. Era stato lanciato quando presiedente era Andrea Canudu e adesso, per il quindicesimo anno consecutivo il piccolo esercito di ultrasettantenni è pronto ad andare in trincea armato della proverbiale pazienza e saggezza contro chi si è messo in testa di distruggere in pochi attimi ciò che la natura ha creato nel corso di centinaia di anni. Quello dei volontari Auser non è un servizio di intervento diretto per l’eventuale spegnimento delle fiamme ma di prevenzione, controllo e monitoraggio in quelle zone cosiddette, a rischio, del territorio olianese. Zone dove in particolare si concentrano le coltivazioni tipiche di oliveti e vigneti. La loro anche quest’anno sarà una presenza costante e discreta ma “scomoda” per i piromani che sono sempre in agguato. Alla campagna antincendi partecipa anche la Protezione civile di recente costituzione, i cacciatori e i barracelli. Quattro gruppi che si alterneranno nelle varie zone sensibili del territorio olianese, coordinate e con la supervisione degli uomini dell’Ente foreste e della guardie della forestale.
Fonte: La Nuova Sardegna

 
Grugliasco (TO), riparte il progetto “Solidarietà in movimento”
Riaccende i motori a Grugliasco (TO) il progetto “Solidarietà in Movimento” che, sostenuto dal Comune e proposto da Astra, garantirà l’utilizzo dell’automezzo attrezzato con pedana elettroidraulica per il trasporto delle persone con problemi di mobilità.
Il progetto, realizzato in diversi Comuni del Piemonte e d’Italia, permetterà all’Auser di Grugliasco di poter disporre gratuitamente, per ulteriori quattro anni, di un mezzo dotato di tutti i comfort per rendere più comodi e sicuri gli spostamenti di tutti coloro che lo utilizzeranno ma, soprattutto, dotato di piattaforma mobile e sollevatore elettroidraulico per le carrozzine. E saranno in tantissimi ad usufruire di questo automezzo visto l’importante servizio già svolto per il territorio nei precedenti 4 anni.
L’automezzo è stato utilizzato e verrà utilizzato nuovamente per accompagnamenti “solidali” per visite, controlli medici e terapie presso presidi ospedalieri, centri territoriali e ambulatoriali.
Fonte: grugliasco24.it

 
Lecco, le iniziative di Auser per contrastare l’emergenza caldo

 Nel periodo estivo l’Auser Provinciale di Lecco, tramite i punti di telefonia di Lecco, Bellano, Auser Filo d’Argento Meratese, Auser Brianza Casatese e Auser Colico, conferma la propria vicinanza alle persone over 75 attraverso il servizio di compagnia telefonica “Emergenza caldo”, effettuato in convenzione con Ats Brianza.
Nei mesi più caldi infatti, anche per via delle vacanze dei familiari, la solitudine diventa ancor più isolamento. Auser monitora gli anziani attraverso il contatto telefonico, una “voce amica” che recepisce una serie di informazioni utili a conoscere la condizione di vita, lo stato di benessere o di disagio/fragilità della persona anziana attivando, ove necessario, le comunicazioni con il sistema dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari territoriali. Le telefonate vengono effettuate con maggior frequenza rispetto alla norma, per offrire consigli pratici e informazioni necessarie a prevenire gli effetti delle ondate di caldo intenso. Contestualmente, la sede di Lecco resta “aperta per ferie”: gli uffici saranno sempre operativi anche nel mese di agosto.
L’invito quindi, per gli anziani che hanno bisogno di un aiuto in più durante l’estate, è di rivolgersi al numero verde 800 995 988 da telefono fisso, oppure allo 0341 286563 da cellulare, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Con una semplice chiamata è possibile ricevere informazioni per meglio affrontare il periodo estivo, comunicare con una persona amica e uscire dalla solitudine, essere accompagnato a visite o a esami medici all’ospedale, ricevere pasti a domicilio, farmaci o spesa (laddove previsto).
Fonte: lecconotizie.com
 

Budrio di Longiano (FC), “Non r…estate in ombra”
Ha riaperto nei giorni scorsi, con la presentazione del cartellone estivo, il centro Auser di Budrio di Longiano (FC), all’interno del Rio Parco. Per i relatori, quello di Auser “vuole diventare un centro di socialità di prossimità, non solo come polo di svago, ma come centro di promozione sociale, al fine di ridurre condizioni di fragilità e di disagio, vecchie e nuove”. Non solo attività per la terza età, ma rivolte a tutta la famiglia, la proposta.
L’obiettivo è di fare dell’Auser di Budrio il “baricentro di una rete di socialità” che comprende il Comune, il Quartiere, la parrocchia e le aziende, coltivando buoni rapporti con gli altri Auser del territorio.
“Non un centro dove ci si rinchiude dentro – ha sottolineato il presidente del quartiere Fratellanza – ma è il centro che va fuori, sfruttando anche gli spazi del Rio parco, garanzia di rispetto dei protocolli anti-Covid”. “Con un nuovo coordinamento fortemente al femminile – ha aggiunto Fratellanza – è offerto a tutti il massimo dell’ospitalità”.
Fonte: corrierecesenate.it

 
Prato, il corso di inglese è online
L’Auser circolo culturale Anna Fondi di Prato organizza un corso di inglese a distanza. Si chiama «English on line» ed è l’occasione per avvicinarsi alla lingua inglese. Sono previste 12 Lezioni on line di un’ora e mezzo per 8 settimane da settembre a novembre prossimi. Il corso è fruibile da smartphone, tablet o PC.
Per informazioni: 0574 38826.
Fonte: La Nazione

 
Bologna, il giorno del Ringraziamento al Volontariato
In questi mesi di emergenza sanitaria l’Auser Bologna ha portato avanti diversi progetti a supporto delle persone fragili che si sono trovate in forte disagio nella situazione che siamo stati costretti a vivere. A Bologna, San Giovanni in Persiceto, Castel Maggiore, Grizzana Morandi e diversi altri territori dell’Area Metropolitana, Auser ha garantito ai cittadini più vulnerabili, in prevalenza anziani, di ricevere a casa spesa, farmaci, beni di prima necessità e un po’ di compagnia telefonica per spezzare la solitudine quotidiana. Per condividere e dar modo alle associazioni, ai volontari e al mondo del volontariato di raccontare quanto hanno fatto durante la fase più acuta dell’emergenza, il Comune di Bologna ha organizzato lo scorso 5 luglio, al Parco della Montagnola la Giornata del Ringraziamento al Terzo Settore. Auser era presente con volontari, soci e un banchetto informativo aperto dalle 10 alle 18.
Macerata. Gli orti della solidarietà
L’Auser provinciale in collaborazione con il Comune di Macerata, lancia un’iniziativa fra coloro che hanno la possibilità di coltivare gli “orti Sociali”: promuovere una raccolta di ortaggi da destinare al Centro di Ascolto e di Prima Accoglienza ODV. Basta veramente poco, si possono donare pomodori, zucchine , piante di insalata, o qualsiasi altro ortaggio di stagione. Tutti in prodotti raccolti fra i conduttori degli Orti Sociali verranno consegnati ai destinatari nel corso di un appuntamento fissato per il  6 agosto 2020 alle ore 16.30.

 
Traversetolo (PR), “C’è una chiamata per te”
Si chiama «C’è una chiamata per te!» il nuovo progetto rivolto alla cittadinanza ideato dall’amminiztrazione comunale di Traversetolo (PR) insieme ad Auser volontariato Parma. Un progetto che nasce dalla consapevolezza che la pandemia ha portato, e porterà nel tempo, dei cambiamenti nelle vite di ognuno, con misure precauzionali da osservare, come il distanziamento fisico e l’utilizzo della mascherina. Cambiamenti che si rifletteranno anche nella somministrazione dei servizi, in particolare al rientro a scuola dei bambini e ragazzi a settembre. L’amministrazione vuole quindi coinvolgere la cittadinanza nel progetto che si rivolge alle persone dai 18 ai 99 anni, perché possano dedicare un po’ del loro tempo ad attività di volontariato, di supervisione e vigilanza, in primis in ambito scolastico, perché i servizi comunali si svolgano in condizioni di sicurezza e nel rispetto delle norme. Attività di semplice «sorveglianza» – come assicurarsi che i ragazzi nei pulmini stiano seduti distanziati, escano ed entrino da scuola con le mascherine e in mensa stiano seduti nei loro posti – che non richiedono titoli di studio o esperienze specifiche. Ci si potrà impegnare anche per portare i libri della biblioteca in prestito ad anziani o fare opera di presenza durante un evento o una mostra.
Per informazioni: Lorena e Ilaria ai numeri 0521-344545/559.
Fonte: La Gazzetta di Parma

Cesena, due automezzi donati da Pmg ad Auser per il trasporto sociale
Forme di autonomia e integrazione sociale, aumentando i servizi di trasporto sociale e accompagnamento. Le promuove Pmg Italia, impresa nel settore della mobilità garantita, che ha consegnato due nuovi automezzi all’associazione  Auser Cesena. Una donazione che vede protagoniste diverse imprese del territorio che hanno contribuito all’acquisto degli autoveicoli necessari all’accompagnamento di persone sole, anziane e che presentano difficoltà motorie. “Ringrazio Auser e il presidente di Pmg Italia Accorsi – dice il sindaco Lattuca – e le imprese promotrici di un’iniziativa solidale”. “Con questi due nuovi mezzi – dice il presidente Auser Cesena Carlo Sarpieri – contiamo 35 automezzi attrezzati per persone con handicap”.
Fonte: Il Resto del Carlino

Parma, scattato il piano anticaldo
Scatta anche quest’anno il piano caldo del distretto di Parma, in vista dell’avvicinarsi del periodo a maggior rischio di ondate di calore, per fornire supporto a persone anziane e disabili e, in generale, a persone in condizioni di fragilità.  Per l’estate 2020, in considerazione dell’emergenza sanitaria causata dalla pandemia da Covid 19, le azioni individuate all’interno dei programmi locali sono state programmate tenendo conto dell’evolversi della situazione epidemiologica, al fine di contrastare e contenere il diffondersi del virus. Il piano prevede per il Comune di Parma di dare continuità al call center per le emergenze (attivato durante il lockdown), attraverso due numeri telefonici dedicati h 24, 339 6859982/ 0521218970 sino al 15 settembre per raccogliere le segnalazioni degli anziani e di persone fragili; la divulgazione di locandine con tutti i consigli utili per difendersi dal caldo; il monitoraggio degli anziani soli, anche tramite i medici di famiglia; la collaborazione con il volontariato a supporto dei servizi.
Anche quest’anno importanti realtà del volontariato garantiscono la collaborazione con i Servizi per fornire interventi di supporto agli anziani soli, soprattutto per il disbrigo delle pratiche della vita quotidiana. Fra queste l’Auser filo d’Argento di Parma.
Fonte: La Repubblica

Nuovi alberi e panchine al parco Piave di Massa Lombarda (RA)
Il Parco Piave di Massa Lombarda si arricchisce di nuovi alberi e si colora con nuove panchine. Le novità che hanno interessato il parco massese negli ultimi mesi sono stati presentate sabato 4 luglio alle 10.30 alla presenza di rappresentanti dell’amministrazione comunale e dell’associazione Auser. In questa occasione sono stati presentati i nuovi alberi piantumati a marzo, a cura dei volontari di Auser e le due panchine colorate già sistemate nell’area verde, una rossa e una viola. Entrambe le panchine hanno colori simbolici: il rosso in ricordo delle donne vittime di violenza e il viola, il colore della gentilezza, per creare un “angolo gentile”.
Fonte: ravennatoday

Bagni di Lucca (LU), riparte il mercatino del riuso
A Bagni di Lucca (LU) ha riaperto il “Mercatino del Riuso – Ponte29” allestito dall’Auser nel rispetto delle regole imposte dall’emergenza sanitaria. Intanto nell’atrio Palazzo del Comunale, alla presenza del sindaco Pietro Michelini e della consigliera Maria Barsellotti, la presidente dell’associazione Lucchesi nel Mondo, Ilaria Del Bianco, ha consegnato alla vice presidente dell’Auser Bagni di Lucca, Tina Birri, un assegno con il ricavato di offerte donate dai tanti cittadini della Lucchesia residenti all’estero, oltre a un gagliardetto emblema dei Lucchesi nel Mondo da esporre nella sede Auser. Per far ripartire il mercatino le volontarie dell’Auser hanno lavorato con impegno, volontà e determinazione per offrire a chi verrà a trovarle quanto di meglio da proporre.«Tutti sono invitati: potrete constatare personalmente la grande varietà di articoli esposti – dicono le volontarie – . Il negozio è aperto tutti i sabati e le domeniche al mattino dalle ore 10 alle ore 12 e il pomeriggio dalle ore 15 alle ore 18». I locali sono quelli aperti la scorsa estate in via Vittorio Emanuele a Ponte a Serraglio e vi si possono trovare oggetti di arredamento, soprammobili, mobili e anche capi di abbigliamento. Intanto le persone in difficoltà possono ora contare anche sulla cifra raccolta dai Lucchesi nel Mondo, una somma considerevole suddivisa tra associazioni benefiche delle città di Lucca, Borgo a Mozzano e Bagni di Lucca. La donazione sarà destinata alla Rete di Solidarietà Alimentare, per aiutare le famiglie in difficoltà, che in questo periodo di crisi economica provocata dall’emergenza sanitaria da Covid-19, sono aumentate sensibilmente.
Fonte: Il Tirreno

Emilia Romagna: sul sito di Auser regionale si possono rivedere le video interviste del progetto sperimentale delle aree periferiche
Sul sito www.auseremiliaromagna.it sono disponibili  le registrazioni delle prime due conferenze del progetto sperimentale delle aree periferiche con Romano Prodi intervistato da Silvia Giannini, Carlo   Piazza intervistato da Gabriella Cioni e mercoledì 8 luglio Raffaele Tomba interloquisce con Barbara Lori Assessora della Regione Emilia Romagna sul tema “vivere nelle aree interne” Il link per collegarsi ad Auser e seguire la conferenza è https://zoom.us/j/5886985490?pwd=UEhsVE9ubFl4R0xiQjh3WDdDY1lWQT09


Dal Sindacato

Pierpaolo Bombardieri è il nuovo segretario generale della UIL
Lo ha eletto all’unanimità il Consiglio confederale nazionale riunito a Roma nei giorni scorsi. Bombardieri prende il testimone da Carmelo Barbagallo, che ha lasciato dopo quasi sei anni la guida del sindacato di via Lucullo ed è passato al vertice della Uil pensionati.
“È ora di rinnovare i contratti, tutti privati e pubblici, di cominciare a discutere della riduzione dell’orario di lavoro a parità di trattamento economico”. Così il neo-eletto segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, rivolgendosi anche a Confindustria. “Discutiamo di una diversa concezione del tempo di lavoro e del tempo di vita, del tempo di utilizzo degli impianti, della produttività magari redistribuita su più persone con una maggiore autonomia del singolo”, afferma. Perché, prosegue, “noi pensiamo, se effettivamente vogliamo guardare al futuro, che gli orari rigidi, l’uniformità e la stabilità dei modelli vada riaffrontata”.
Fonte: Ansa


Anziani e dintorni
 

Rapporto Annuale Istat: Italia sempre più anziana
Nel 1980 un uomo era anziano a 66 anni e una donna a 70, nel 2000 l’anzianità arrivava a 70 anni per gli uomini e 74 per le donne. L’età anagrafica, però, non è più indicativa della terza età, merito soprattutto dell’aspettativa di vita che si è allungata, per cui oggi un uomo è anziano da 73 anni e le donne da 76.Nel 2060, stando alle previsioni, si potrebbe arrivare rispettivamente a 76 e a 79.L’analisi è contenuta nel Rapporto annuale dell’Istat che nel capitolo dedicato alle condizioni di vita degli anziani rileva come non valga più neanche «lo stereotipo di persone isolate e bisognose di assistenza continua tanto da rappresentare un peso per la società e per le famiglie». La qualità della vita, ovviamente, è correlata alle condizioni di salute – osserva l’Istituto di statistica – e anche quando non sono ottimali, si esprime un grado «buono» di soddisfazione per la vita. “Quasi il 50% degli ultraottantenni vive un’ottima qualità della vita, dimostrando di essere molto attivo, di avere una rete di relazioni estesa e una partecipazione culturale discreta, a volte anche intensa», sottolinea l’Istat precisando che nelle aree metropolitane, vive «circa l’11,9% degli ultraottantenni, che hanno un livello di istruzione mediamente più elevato, che si associa a una più intensa partecipazione sociale: l’88,5% prende parte ad attività culturali, il 93,9% si interessa di politica, oltre il 70% si dedica alla lettura ed è molto più attivo della media rispetto all’utilizzo di internet» e nell’insieme «svolgono più spesso attività fisica». Circa il 33% di questa fascia della terza età (cioè 2 milioni e 137mila), gode di buona salute, risiede soprattutto nel Nord e dichiara risorse economiche ottime o adeguate. Quindi «esprime elevati livelli di soddisfazione per la vita nel complesso, frequenta gli amici assiduamente, ha una rete anche di parenti e e conoscenti su cui può contare in caso di bisogno». C’è però anche una quota di anziani, pari al 27%, che si trova in condizioni svantaggiate: sono persone affette da una o più patologie croniche, con gravi limitazioni nelle funzioni e risorse economiche quasi sempre scarse o insufficienti. Quelle che vivono in piccoli centri sono in forte isolamento sociale, senza una rete di amici o di conoscenti su cui contare, in prevalenza donne, vedove e vivono nel Mezzogiorno.

Don Vinicio Albanesi: “Basta con le Rsa, è il momento di trasformarle”
Il presidente della Comunità di Capodarco è da tempo convinto della necessità di cambiare radicalmente la gestione della terza età, andando oltre l’istituzionalizzazione. “L’epidemia ha mostrato i limiti terapeutici ed esistenziali che le persone anziane sono costrette a vivere. Occorre cambiare, senza far prevalere la logica del risparmio”
“La vita dell’anziano è la vita di tutti. Gli anziani solo più fragili, meno veloci, meno efficienti. Ma non è che a 85 anni non servono più! Accudirli e trattarli con dignità è un dovere e un riconoscimento per quello che hanno fatto per la società nel corso della loro vita. Il rischio, invece, è che sia passato ormai il messaggio secondo cui in questa società possono vivere solo coloro che sono efficienti”. Parte da queste considerazioni la riflessione di don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco di Fermo, a proposito della condizione degli anziani. Una riflessione che ha ricevuto uno scossone violento sul piano emotivo dalle vicende verificatesi in questi mesi di Covid-19, con le numerose morti all’interno delle strutture di accoglienza e le relative indagini. Uno spaccato che ha portato da subito don Albanesi a dire: “Le Rsa vanno chiuse. O, comunque, profondamente trasformate”.
Fonte: La difesa del popolo

Video tutorial per avvicinare gli anziani alle tecnologie
WindTre  in partnership con Federanziani ha lanciato una serie di video tutorial per spiegare il funzionamento di alcuni tra i più diffusi servizi online, utili per rimanere in contatto con le persone care e per semplificare le attività quotidiane. L’iniziativa “Più vicino a chi ami” presenta diversi video, pubblicati sul canale YouTube di WINDTRE, che illustrano con voce chiara e un linguaggio semplice tutti i passaggi necessari per utilizzare App di messaggistica e social network, gestire la posta elettronica per avere accesso ai servizi digitali e fare ordinazioni a domicilio tramite servizi di delivery, con l’obiettivo di fornire una guida puntuale e di immediata comprensione.


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Dal Dl Rilancio scomparsi gli emendamenti Salva-Terzo settore in discussione alla Camera
 “È sconfortante l’evoluzione del dibattito parlamentare in merito agli emendamenti al Dl Rilancio di rilievo per il Terzo settore, a partire da quello per estendere l’accesso al credito agevolato al Terzo settore. Nonostante le tante rassicurazioni e il ruolo indiscutibile svolto dalle organizzazioni del Terzo settore già prima della crisi nella loro costante azione di aiuto a tantissime persone fragili, in condizioni di esclusione sociale o di povertà, non si è passati dalle parole ai fatti. Siamo preoccupati per le ricadute sociali di questa scelta.” Claudia Fiaschi, portavoce del Forum nazionale del Terzo Settore accoglie così la notizia che nella discussione in corso alla Camera sulla conversione in legge del decreto “Rilancio” sono scomparsi gli emendamenti riguardanti le misure di sostegno al Terzo settore e in particolare l’emendamento che estendeva anche a tutti gli enti di Terzo settore la garanzia dello Stato per l’accesso al credito, già prevista per le imprese.“Forse è bene ricordare che il Terzo settore – continua Fiaschi – è anche un pezzo importante dell’economia del Paese: dà lavoro a più di 800mila persone, delle quali oltre la metà sono impiegate dalle associazioni che non svolgono attività di impresa. Si tratta tuttavia di organizzazioni fragili e poco patrimonializzate, con storiche difficoltà di accesso al credito. Se queste organizzazioni non vengono messe nelle condizioni di continuare a svolgere il loro prezioso impegno ci sarà un aumento drammatico del numero delle persone in difficoltà, un incremento della disoccupazione ed avremo comunità più fragili e meno coese.”
Nella discussione alla Camera sono stati accantonati anche gli emendamenti riguardanti il rifinanziamento del Servizio Civile Nazionale e il sostegno alla Cooperazione allo sviluppo, due temi su cui il Forum aveva chiesto un impegno maggiore.
“Ci sono ancora degli spazi di manovra per trovare una soluzione a questa problematica – Conclude Fiaschi – Ci auguriamo di assistere ad un ripensamento da parte del Parlamento”.
Fonte: Forum Terzo Settore


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

I commenti sono chiusi