Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 30 – 16 settembre 2020

Scritto da
16 Settembre 2020

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 30 – mercoledì 16 settembre 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


 

 

 

 

 

 

 

Auserinforma

Partita la Campagna di Nonno Nanni a favore di Auser. Una iniziativa di solidarietà  in vista della Festa dei Nonni del 2 ottobre
L’azienda di prodotti caseari  Nonno Nanni in vista della prossima Festa dei Nonni del 2 ottobre 2020, ha lanciato una campagna a favore di Auser.
Collegandosi al link https://carinonni.nonnonanni.it/  è possibile  inviare una lettera dono ai propri nonni. Si può raccontare un ricordo, condividere un pensiero, una storia o un aneddoto, è anche possibile inviare una foto di un episodio vissuto insieme. Per ogni lettera inviata l’azienda donerà 2 euro all’Auser, fino ad un massimo di 10mila euro.
Una bella iniziativa, concreta e creativa, per continuare ad essere vicino ai Nonni del nostro Paese.

Time to care: il bando per 1.200 giovani al servizio degli anziani
Auser partecipa con numerosi progetti al Bando Nazionale “Time to care” rivolto ai giovani tra i 18 e i 35 anni che potranno impegnarsi in iniziative locali per la durata di 6 mesi, svolgendo attività di supporto e assistenza al servizio della propria comunità, in particolare in aiuto agli anziani. Emanato congiuntamente dal Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio civile universale e dal Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei ministri, il bando vuole promuovere lo scambio intergenerazionale e favorire l’inclusione delle persone anziane nella vita sociale, anche in considerazione del fatto che rappresentano la categoria più esposta al contagio del Covid-19.  Verranno selezionati 1.200 giovani i quali verranno impegnati, attraverso le reti associative del territorio, in servizi di supporto a persone anziane o fragili per la durata di 6 mesi svolgendo attività come: assistenza a domicilio, compagnia telefonia, disbrigo di piccole faccende quotidiane. C’è tempo fino al 31 ottobre per candidarsi e partecipare al progetto. Una volta selezionati dall’Ente di riferimento, i ragazzi verranno contattati per firmare il contratto di collaborazione coordinata e continuativa e sarà loro riconosciuto un assegno mensile pari a 375,00 euro netti, oltre ai contributi previdenziali; avranno una copertura assicurativa relativa ai rischi connessi allo svolgimento delle attività e saranno dotati di adeguati dispositivi di protezione individuale. Inoltre, riceveranno una formazione ad hoc per essere impiegati nelle azioni progettuali degli Enti del Terzo settore e al termine delle attività verrà loro rilasciato dall’Ente un attestato di riconoscimento delle competenze.
A questo link l’elenco in ordine alfabetico delle  realtà Auser che partecipano al Bando.  

“Puliamo il mondo dai pregiudizi”: Auser aderisce alla campagna di Legambiente
Auser aderisce all’iniziativa “Puliamo il mondo dai pregiudizi”organizzata da Legambiente per i 25, 26 e 27 settembre prossimi.
Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato ambientale di Legambiente sulla gestione sostenibile dei rifiuti e sulla promozione dell’economia circolare, giunge quest’anno alla sua 28esima edizione: la campagna da sempre unisce tanti piccoli gesti di pulizia per la tutela e la valorizzazione dei beni comuni, attraverso azioni di cittadinanza attiva, per promuovere la vivibilità e la bellezza dei luoghi, e negli ultimi anni si è caratterizzata anche come occasione di integrazione e di abbattimento delle barriere culturali e sociali. Nel 2019 “Puliamo il Mondo dai pregiudizi” è stata promossa da un Comitato organizzatore formato da 38 associazioni, con il patrocinio della Commissione europea. Sono state realizzate numerose pulizie con attività comuni tra i Circoli locali di Legambiente e le associazioni che si occupano di migranti, comunità straniere, richiedenti asilo politico, detenuti, disabilità, salute mentale, discriminazione basata sull’orientamento sessuale, insieme a scolaresche, gruppi scout e non solo.
“ I temi dell’abbattimento delle “barriere”, dell’accoglienza e l’inclusione sono assolutamente centrali e di grande attualità per Auser”, ha dichiarato il presidente nazionale Enzo Costa. “Per questo rinnoviamo la nostra adesione a questa iniziativa”. L’edizione 2020 di Puliamo il Mondo si terrà da venerdì 25 a domenica 27 settembre: sarà la prima grande iniziativa di volontariato ambientale in programma nell’Italia uscita dal picco dell’emergenza Covid-19 e attraverso la quale vogliamo lanciare un messaggio di speranza e futuro sostenibile al Paese in forte difficoltà, continuando nell’opera di solidarietà che ha contraddistinto il Paese negli ultimi mesi.

La settimana di prevenzione contro l’invecchiamento mentale
Dal 21 al 26 settembre si terrà la settimana di prevenzione dell’invecchiamento mentale, evento patrocinato anche da Auser. Specialisti in tutta Italia offriranno check up gratuiti e daranno utili informazioni sui corretti stili di vita da adottare per prevenire  l’invecchiamento mentale.
Sul sito www.assomensana.it  tutte le informazioni sull’evento e l’elenco delle località dove poter fare la valutazione gratuita da parte degli esperti.

Cosenza: Dramane si è laureato, grazie al progetto Auser “Adozione in vicinanza”
Si è laureato Dramane, il ragazzo del Mali assistito dal progetto di Auser Cosenza “Adozione in vicinanza”. Una laurea triennale che Dramane ha concluso in due anni ed una sessione. Ora prosegue con la magistrale.
Il progetto è rivolto a ragazzi e ragazze migranti che vogliono proseguire o intraprendere un percorso di studi e formazione fino alla laurea. Non è solo un sostegno economico, ma il gettare le basi  per un progetto di vita condiviso. “La laurea di Dramane  è una grande soddisfazione ed emozione per chi ha creduto e sostenuto il progetto  – sottolinea Luigi Ferraro presidente di Auser Cosenza – “Adozione in Vicinanza” continuerà ad assistere Dramane e altri ragazzi grazie ai soci ed amici che vorranno contribuire”. Per chi fosse interessato contattare Luigi Ferraro al numero: 328 3444148.

Ravenna, premiato il volontario Auser aggredito mentre portava i farmaci agli anziani
Durante il lockdown, mentre rientrava dal consueto giro di consegna di medicinali a persone particolarmente fragili, è stato aggredito e picchiato. Quattro minorenni  di 14 e 17 anni volevano rubargli soldi. I ragazzini sono andati a processo, lui, ha ricevuto il premio ‘Cittadino solidale speciale’ durante l’annuale Festa del volontariato, in piazza del Popolo. Si chiama Marco Forza, ha 24 anni e fa volontariato presso l’Auser.
Durante l’emergenza sanitaria Marco si è occupato del servizio Pronto Farmaco, un servizio che Auser garantisce tutto l’anno ma che durante l’emergenza sanitaria era vitale per tanti anziani che non potevano uscire di casa. “Andavo a casa delle famiglie – racconta – in particolare di anziani e consegnavo medicine, mascherine, prodotti di parafarmacia. Credo che tutti i ragazzi dovrebbero fare volontariato. Conoscere da vicino le realtà più difficili, aiutare le persone fragili, ricevere un sorriso che viene dal profondo del cuore provocano sensazioni che ti aiutano a vivere bene ”.
“Mi dispiace per quei ragazzini che mi hanno aggredito.  E capisco anche che sia siano fatti guidare dalla logica del branco. Ma loro mi hanno aggredito, picchiato e derubato. Ho saputo che sono stati condannati a due anni e a una multa salata, e arriverà anche il processo civile. Mi hanno scritto una lettera di scuse, ma a me non basta. Devono capire bene cos’hanno fatto, spero che i loro genitori li mandino a lavorare per procurarsi i soldi per la multa e per il mio risarcimento. Forse così avranno modo di riflettere su ciò che hanno fatto pur essendo così giovani”.
Fonte: Il Resto del Carlino

Estate Gentile a Legnano (MI), ascoltati e aiutati 142 anziani
In poco meno di due mesi sono stati ascoltati e aiutati 142 anziani. Intenso il lavoro svolto dai volontari che quest’anno hanno aderito ad Estate Gentile l’iniziativa, avviata a luglio inoltrato, a favore delle persone anziane, promossa dai Servizi Sociali del Comune di Legnano e dall’Auser. Nonostante la carenza di volontari, da luglio ad oggi sono stati effettuati 71 servizi trasporto tra cui 24 per la spesa e 10 per il trasporto in Ospedale. Oltre 35 poi i servizi di compagnia telefonica. In questo conteso i volontari hanno toccato con mano situazioni disagiate che sono state prontamente segnalate ai Servizi Sociali del Comune. Estate Gentile 2020 si è chiusa sabato 12 settembre.
Il progetto, nonostante sia stato avviato in versione ridotta a causa dell’emergenza sanitaria, è risultato un punto di riferimento per le persone fragili rimaste a casa. «Sono numerosi gli utenti che considerano questo servizio utile – racconta il professor Cesare Vedani con i giovanissimi volontari Andrea, Nicole e Gaia -. Numerosi anziani hanno spiegato di non essere rimasti soli, in quanto, a causa della pandemia, i famigliari hanno preferito non andare in vacanza. Ma Estate Gentile, così come Auser, risulta un servizio utile per rendersi indipendenti». Come spiega Pinuccia Boggiani, il Covid-19 non ha di certo favorito il “reclutamento” di giovani volontari, ma alcuni ragazzi volonterosi hanno deciso lo stesso di dedicare parte della propria estate ad aiutare il prossimo. Fra questi molti ragazzi della squadra di Giacomo Pigni  insignito dell’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica. Parallelamente anche le attività di Auser non si sono mai fermate: i volontari, oltre alla telefonia, hanno effettuato ogni giorno diversi servizi di trasporto sia per anziani che per disabili.
Fonte: legnanonews.com

Poggio a Caiano (PO), Auser rafforza i suoi servizi grazie ad un nuovo veicolo donato da una famiglia
Una Fiat Punto  è stata regalata, all’Auser di Poggio a Caiano dalla famiglia Margiacchi, per potenziare il servizio che garantisce ad anziani e persone sole di sbrigare piccole commissioni. Grazie all’attività dei volontari ogni anno vengono svolti dai 100 ai 150 servizi a supporto degli anziani soli, con oltre 5000 km percorsi.
“Ringraziamo per averci donato un mezzo così utile al servizio di supporto che ormai da anni svolgiamo sul territorio – ha commentato il presidente Roberto Baldi – un altro grande grazie va anche ai volontari che si spendono al servizio di tutta la comunità. Anche con piccoli servizi come accompagnare un anziano a fare la spesa, o a una visita medica, si può dare un segnale forte di vicinanza a tutti, senza che nessuno si senta mai solo”.
L’inaugurazione del mezzo è avvenuta il 12 settembre all’Oasi apistica Le Buche nell’ambito dei festeggiamenti organizzati per celebrare l’anno trascorso dall’inaugurazione del Ponte Manetti.
Fonte: notiziediprato.it

Colturano (MI), riattivati i servizi per le persone più “fragili”
Sono ripresi, a partire dall’1 settembre scorso, i servizi mirati a garantire sostegno, supporto e consulenza a persone in difficoltà, con particolare attenzione ad anziani che necessitano di essere accompagnati per visite o prestazioni sanitarie. Il servizio, che viene gestito dall’Ufficio Gestione Servizi alla Persona e si avvale della collaborazione dell’attivissimo gruppo Auser locale, che fornisce sostegno logistico per rispondere alle domande pervenute, richiede un adeguato preavviso, per poter permettere la programmazione degli interventi. Per informazioni, prenotazioni e richieste è così possibile contattare l’apposito numero messo a disposizione dal Comune di Colturano (0298170118 interno 2) attivo tutte le mattine, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12. Per poter assicurare una adeguata programmazione – che deve tener conto anche delle limitazioni e degli obblighi di legge previsti in materia di prevenzione della diffusione del virus Sars Cov-2 – dei servizi di accompagnamento, è richiesto che la prenotazione avvenga almeno una settimana prima della data prevista.
Fonte: Il Cittadino di Lodi

Imola (BO), le passeggiate dell’Auser
Tornano da martedì 15 settembre le ‘Passeggiate in compagnia’ organizzate dall’Auser Imola. Ogni martedì e venerdì, si parte alle 9 dal Boschetto DinAmico (lo spazio attrezzato che si trova lungo la via pedonale dietro il Giardino degli Angeli) e si cammina in compagnia per circa un’ora, nel rispetto delle procedure di protezione dal contagio da Covid 19. Si seguono percorsi adatti a persone di ogni età, con l’obiettivo di favorire l’attività fisica e la socializzazione, migliorare la salute e l’umore, in accordo con la filosofia della Cittaslow. Le passeggiate proseguiranno fino al 6 novembre  per poi riprendere in primavera con l’arrivo della bella stagione.  L’iscrizione è gratuita. Per partecipare occorre la tessera Auser, che garantisce la copertura assicurativa.
Fonte: Il Resto del Carlino
Reggio Emilia. Volontari Auser in campo per la raccolta di materiale didattico da donare alle famiglie in difficoltà
Aiutare le scuole in una ripresa così diversa dagli anni scorsi. E’ tornata  anche quest’anno l’iniziativa di Coop Alleanza 3.0 “Dona la spesa- Materiale didattico”, che sostiene concretamente le famiglie in difficoltà con bambini in età scolare. I volontari Auser e delle associazioni che hanno aderito,  affiancati dal personale Coop, lo scorso sabato sono stati presenti in 193 punti vendita (compresi quelli nel Reggiano) per invitare soci e clienti a donare. Nel 2019 sono stati raccolti oltre 290mila articoli.
Fonte: Reggionline

Parma,  “Nonni vigile” davanti alle scuole. A dar man forte una ventina di giovani volontari richiedenti asilo
I volontari Auser che con l’arrivo del Covid 19 hanno dovuto sospendere per diversi mesi tutte le attività sono pronti ad indossare di nuovo i gilet arancione brillante e a presentarsi puntali all’ingresso dei plessi scolastici. Prima della riapertura si è tenuto un momento di ritrovo presso il Comando di Polizia Locale dove ha avuto inizio il corso di formazione di nuovi giovani volontari che andranno ad incrementare il servizio che per questo anno avrà nuove modalità e adempimenti particolari per rispondere alle misure di prevenzione previste.
I 1700 volontari dai capelli d’argento (400 a Parma e i restanti sparsi nella Provincia) tornano quindi a dare il loro contributo. Oltre che davanti alle scuole, sono presenti nei mercati a ricordare le norme di comportamento, a distribuire medicine e spese a chi ne necessita e presso Università, Azienda Ospedaliera, USL e diversi Musei cittadini. A loro si aggiungono dopo i corsi di formazione una ventina di giovani di altre nazionalità. Per lo più richiedenti asilo, appartenenti alle Associazioni San Cristoforo e Svoltare.
Una presenza che ricalca i valori di Auser, di partecipazione alla vita del territorio, di disponibilità verso la collettività e anche di integrazione.
Fonte: La Repubblica

Montale (PT), contro la solitudine “T’accompagno io”
L’Auser di Montale (PT) ha inaugurato un pulmino per il servizio «T’accompagno io» che consiste nell’accompagnare persone anziane, sole o con problemi di mobilità a fare la spesa, dal medico o in farmacia, ma anche dal parrucchiere, a cinema o a teatro, in pasticceria come a un museo. Gli autisti sono dieci volontari che avevano già iniziato il servizio prima del lockdown con le proprie auto. Il pulmino è stato acquistato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e della Regione. «L’obbiettivo è contrastare la solitudine – dice il presidente Auser Montale, Franco Pessuti – e permettere di mantenere i rapporti sociali e le proprie abitudini anche a chi è solo o ha problemi a camminare». «Abbiamo sostenuto il progetto – dice il presidente di Fondazione Caript, Lorenzo Zogheri – perché è importante ricostruire i legami di comunità interrotti dalla pandemia». Con il nuovo pulmino l’Auser ha presentato una nuova App con cui prenotare la visita dei medici di famiglia eliminando le code ed evitando assembramenti nelle sale di attesa. Oltre alla applicazione, l’Auser ha fornito agli studi medici dei Totem con dispositivi per la prenotazione direttamente dall’ambulatorio e ha allestito un servizio di segreteria per i cittadini che non abbiano familiarità con l’informatica.
Fonte: La Nazione

Gallarate (VA): “A casa con te”, per non sentirsi soli durante e dopo il lockdown
Nonostante la chiusura del centro di via del Popolo 3, per i volontari di Auser di Gallarate (VA) quelli del lockdown sono stati mesi intensi. «Da sempre siamo al fianco degli anziani e delle persone più deboli per questo anche durante la pandemia non abbiamo fatto mancare il nostro sostegno e la nostra vicinanza», afferma il presidente di Auser Gallarate Renato Losio. Ed ora l’associazione è pronta a riaprire le porte «in sicurezza».
Si chiama ” A casa con te ” il servizio telefonico realizzato dall’ associazione gallaratese in collaborazione con gli assessorati ai servizi sociali e alla cultura durante i mesi dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Un servizio a disposizione dei gallaratese e non solo. Come evidenziato anche dalla responsabile operativa di Auser Gallarate Federica Carraro sono state più di cento le chiamate ricevute e gestite da cinque volontari. «Con 50 di loro continuiamo a mantenere un rapporto e i volontari presenti durante il lockdown hanno continuato a venire in sede», racconta a Carraro. Le telefonate rappresentavano un modo per sentirsi meno soli e per avere risposte a dubbi, risposte che possono sembrare banali ma che in una pandemia erano importanti.
Durante la pandemia c ‘ è anche un altro servizio che non si è mai fermato: quello dei trasporti. «Nonostante la chiusura forzata abbiamo continuato ad assistere i pazienti oncologici e chi doveva fare delle terapie specifiche – ricorda Losio – abbiamo preso tutte le precauzioni per garantire la massima sicurezza». Una volta al mese i mezzi vengono interamente santificati dai tecnici specializzati e poi, dopo ogni trasporto, con un apposito macchinario i volontari di Auser sanificano la vettura. «Abbiamo una media di 90 trasporti alla settimana – evidenzia Carraro – solo per i bambini per la metà di settembre abbiamo già programmato 29 trasporti per visite e terapie».
Da questa settimana il centro riapre prima con una formula sperimentale e, se non ci saranno intoppi («e se anche la situazione generale lo permetterà») a ottobre Auser riprenderà a pieno ritmo. Per il momento le porte di Auser apriranno il martedì e il giovedì (il 15, 17, 22, 24 e 29 settembre) dalle 15 alle 18.
Fonte: La Prealpina

A Capannori (LU) tornano i Nonni Vigile
Al via a Capannori già da lunedì 14 settembre il servizio Nonno vigile, voluto dall’amministrazione comunale per garantire un’entrata e un’uscita da scuola sicura per i bambini e i ragazzi degli istituti scolastici del territorio comunale. Si tratta di ‘nonni’ volontari delle associazioni Auser  e Anteas della Piana est e che, muniti di palette e pettorine catarifrangenti, si occuperanno anche per l’anno scolastico 2020-2021 della vigilanza degli attraversamenti pedonali nei due momenti di maggiore afflusso della giornata. I volontari, oltre a contribuire alla sicurezza stradale vigilando gli attraversamenti pedonali e altri punti sensibili, possono inoltre fare segnalazioni alla polizia municipale su tutto quello che accade attorno alla scuola. Accanto ai nonni volontari, quest’anno, ci saranno i volontari della Protezione civile, per aiutare genitori e ragazzi a rispettare le normative anti-Covid anche nei momenti in cui potrebbero crearsi degli assembramenti.
Il servizio assicurato dalle due associazioni si svolge ai plessi scolastici che si trovano vicino ad alcune delle strade più transitate.
Fonte: luccaindiretta

Cadelbosco di Sopra (RE), i volontari Auser vigileranno il mercato contro il virus
È stata deliberata dalla giunta dell’Unione Terra di mezzo l’assegnazione ad Auser del compito di vigilanza sul mercato settimanale del mercoledì a Cadelbosco Sopra (RE). Il progetto si è reso necessario in attuazione del protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus “Sars Cov2”, come decretato dalla Regione Emilia Romagna. I volontari, riconoscibili con apposita pettorina fluorescente, avranno il compito di controllare i flussi di entrata e uscita; inoltre, vigileranno sui corretti comportamenti delle persone. La misura sarà vigente fino al termine della situazione emergenziale stabilità dal governo, recentemente prorogata ad ottobre. L’amministrazione comunale ha ringraziato l’Auser e i suoi volontari, sempre disponibili durante quest’epidemia, nel prestare il loro servizio in aiuto a tutta la comunità. «Un aiuto fondamentale – ha detto il sindaco Luigi Bellaria – per l’ente nel garantire servizi alle persone e presidio delle attività sul territorio».
Fonte: Gazzetta di Reggio

Fucecchio (FI), volontari civici Auser a fianco del Comune
Prosegue il gioco di squadra fra amministrazione comunale e associazione Auser Verde Argento di Fucecchio per la gestione di piccole manutenzioni e servizi al cittadino, anche in caso di eventi e iniziative promosse sul territorio. Il Comune ha deciso di rinnovare per l’anno 2020 la collaborazione con l’associazione fucecchiese per lo svolgimento di progetti di pubblica utilità e interesse sociale integrativi di alcuni ambiti di attività di competenza comunale, e quindi di vari indirizzi. Quali sono? Piani operativi di pubblica utilità negli ambiti di attività di competenza comunale relativi ad attività di integrazione ai servizi manutentivi o ad attività di supporto alla polizia municipale: saranno concordati dai dirigenti interessati con l’Auser, spiega il Comune, in coerenza con la definizione delle azioni gestionali per l’anno 2020, nel rispetto del carattere di sussidiarietà e di integrazione delle attività svolte dal personale dipendente e dei servizi affidati agli operatori economici.
Fonte: La Nazione

Benevento, all’Auser Uselte la presentazione del libro sull’Italia del Dopoguerra
Proseguono a Benevento gli incontri culturali dell’università Sannita della Terza Età, dopo le iniziative estive. Giovedì 17 settembre alle ore 18.30 presso i giardini della Libreria Masone, si terrà la presentazione del libro “Strada facendo – Viaggio tra il virus della povertà e il contagio della solidarietà” del giornalista Bruno Menna.
Il volume, ambientato nel 1945, racconta la vicenda di tre bambini che da Benevento vengono accolti a Forlì dalle famiglie di una delle tante e operose province “rosse” del Nord, monitorate e mobilitate dal Pci e dall’Unione donne italiane, in grado di ospitare i minori del Sud più derelitto.
Introduce Adriana Pedicini, presidente Uselte, interviene la giornalista Annalisa Ucci. Sarà presente l’autore.


Dal Sindacato

Cgil, Cisl e Uil, 18 settembre mobilitazione nazionale ‘Ripartire dal Lavoro’
‘Ripartire dal Lavoro’, con queste parole prosegue la mobilitazione di Cgil, Cisl e Uil, dopo ‘La notte del Lavoro’ del 29 luglio scorso. Le tre confederazioni organizzano per il 18 settembre una giornata di mobilitazione nazionale con iniziative regionali per rilanciare il protagonismo sociale e rappresentativo del sindacato confederale, avanzare proposte e partecipare attivamente alla costruzione del futuro del Paese che deve, appunto, ripartire dal lavoro.
Mercoledì 16 settembre, alle ore 14.30, si terrà a Roma presso la sede nazionale della Uil in Via Lucullo 6, la conferenza stampa dei Segretari Generali di Cgil, Cisl, Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan, Pierpaolo Bombardieri per illustrare gli obiettivi e le modalità della giornata di mobilitazione.
Tante le questioni che verranno portate in piazza: la proroga degli ammortizzatori sociali e le vertenze aperte; la riforma fiscale e la lotta all’evasione; il rinnovo dei contratti nazionali pubblici e privati che riguarda oltre dieci milioni di lavoratori; il diritto all’istruzione e ad una scuola sicura; sanità pubblica, sicurezza sul lavoro, conoscenza e cultura; investimenti, politiche industriali, digitalizzazione, lavoro stabile e sostenibile, mezzogiorno; legge per la non autosufficienza, previdenza e inclusione sociale.
Le manifestazioni si potranno seguire in diretta sul sito di Collettiva.it.
Per informazioni: www.cgil.it
 


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Il Registro unico nazionale del Terzo settore è più vicino
La Conferenza Stato-Regioni nella seduta dell’11 settembre, ha trovato l’intesa sul decreto ministeriale che disegna le modalità di iscrizione degli enti e le modalità della tenuta del Registro stesso. A questo punto si attende solo il via libera definitivo del Ministero del Lavoro, con la pubblicazione del relativo decreto che nelle intenzioni del governo dovrebbe andare in Gazzetta Ufficiale entro il mese di settembre. Nella seduta si è dunque trovata la quadra, già attesa in realtà un mese fa, all’inizio di agosto, quando l’intesa in Conferenza Stato Regioni era stata però rinviata in seguito ad alcune osservazioni avanzate dalla Provincia autonoma di Bolzano. Il Registro sarà unico a livello nazionale, ma vi saranno varie sezioni a seconda della natura giuridica dei diversi enti: sostituirà i tanti registri nazionali e locali che oggi vedono iscritte oltre 300 mila diverse organizzazioni del non profit. L’iscrizione non sarà obbligatoria, ma sarà la porta di ingresso necessaria per usufruire anche di una serie di vantaggi fiscali. Con la pubblicazione del decreto attuativo e la sua entrata in vigore si sarà finalmente compiuto uno dei punti più rilevanti del cammino avviato nel 2016 con l’approvazione della legge delega sulla riforma del Terzo settore. Nel dettaglio il decreto disciplina: le procedure per l’iscrizione e per la cancellazione degli enti nel Registro Unico Nazionale del Terzo settore, nonché i documenti da presentare ai fini dell’iscrizione, al fine di garantire l’uniformità di trattamento degli Enti del Terzo Settore sull’intero territorio nazionale; le modalità di deposito degli atti; c) le regole per la predisposizione, la tenuta, la conservazione e la gestione del Registro Unico; le modalità di comunicazione dei dati tra il Registro Imprese e il Registro Unico di cui alla lettera a) con riferimento agli Enti del Terzo settore iscritti nel Registro delle imprese.
Fonte: Redattore Sociale

Presentati i dati della prima indagine post emergenza sullo stato di salute del terzo settore in Toscana
L’emergenza Covid ha colpito profondamente il terzo settore in Toscana. Oltre il 70% degli enti ha dovuto ridurre le proprie attività, e il 14,2% addirittura ha chiuso o sospeso qualunque tipo di operazione. Questo è il quadro che emerge con grande evidenza dall’indagine condotta da Sociometrica per conto di Cesvot, dedicata appunto a valutare l’impatto dell’epidemia sugli enti del terzo settore in Toscana. C’è anche una parte di enti che, al contrario, ha incrementato le attività, sono le associazioni di volontariato che lavorano nel campo della sanità. L’impatto territoriale è molto differenziato: la situazione più critica è quella di Siena, dove a chiudere è stato oltre un quarto degli ets (27,8%); situazione difficile anche a Pistoia e Grosseto. L’impatto è stato irrilevante solo nella provincia di Prato. L’aspetto che ha messo in maggiore difficoltà gli enti del terzo settore è quello economico: molte associazioni non hanno modo di finanziare neppure le spese ordinarie. Un colpo particolarmente negativo è stata la cancellazione degli eventi che funzionano sia per la promozione del volontariato sia per finanziare le singole attività. L’indagine, accanto alle forti difficoltà economiche, ha messo in evidenza anche la grande capacità di resilienza delle associazioni, che sono totalmente determinate a continuare le attività, nonostante la crisi di oggi. Le associazioni, secondo gli esiti della ricerca, sono comunque pronte a integrare i loro servizi a quelli pubblici per dare ai cittadini toscani servizi sanitari e di assistenza sempre migliori.
Per info: cesvot.it

Motivati e attivi, ma trascurati dallo Stato. La fotografia dei ragazzi in servizio civile con ASC Aps. XV Rapporto Annuale
Da questo XV Rapporto emerge un dato eclatante e sconsolante: il numero dei giovani che vorrebbero svolgere il servizio civile è più del doppio dei posti che le risorse statali riescono a  far mettere a disposizione. Infatti nel periodo di validità del bando, in ASC Aps sono state ricevute oltre 5.000 domande, a fronte dei circa 2000 posti disponibili. Questo dato, rapportato ai 50mila posti disponibili globalmente nel 2018 significa migliaia di ragazzi cui è preclusa l’opportunità di fare un anno al servizio della comunità.
La distribuzione appare sostanzialmente equilibrata tra nord e sud (34%), mentre si conferma la maggioranza femminile (60%) anche se la differenza si è ridotta di poco meno del 10% negli ultimi 10 anni.  L’area che vede il maggiore impegno nelle attività si conferma la promozione culturale che comprende anche le attività educative e sportive (oltre il 57% del totale). Seguono Assistenza (27%), Patrimonio artistico (9%), Ambiente (5%) Protezione civile e Estero (1%), in cui però ASC Aps ha presentato un numero ridotto di progetti. Significativo l’aumento (+2% sul 2017) dei volontari con la sola licenza media (9%) a fronte di una diminuzione, che si verifica già dal bando 2015, dei laureati (scesi al 33%).
La condizione professionale vede prevalere la quota di studenti, la componente più significativa tra i volontari (37%); sono sempre pochi gli occupati (8%), superati di gran lunga da chi svolge lavori saltuari (18%). Un dato che non sorprende visto l’impegno richiesto dal servizio civile in termini di tempo. Pochi anche i disoccupati (14%), segno che sempre meno giovani hanno lavorato in precedenza. Sorprende la continuità delle motivazioni di scelta del servizio civile espresse dai volontari: da 10 anni sono predominanti le motivazioni di crescita (62%) e in particolare il desiderio di crescita personale. Per circa un quarto dei giovani le ragioni della scelta sono legate a ragioni utilitaristiche, il guadagno (13%) e la possibilità di entrare nel mondo del lavoro (12%).   
Il rapporto completo è disponibile a questo link

Sostenibilità: l’ASviS bandisce il Premio “Giusta transizione” nell’ambito dell’Earth Prize
L’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (ASviS) bandisce un concorso per assegnare il premio “Giusta transizione” nell’ambito dell’Earth Prize. Il riconoscimento verrà attribuito alla persona, all’associazione o all’impresa che maggiormente ha contribuito a promuovere una “giusta transizione”, cioè l’evoluzione a un’economia ambientale sostenibile che tenga conto degli aspetti sociali collegati a questo processo.
Le caratteristiche della “giusta transizione” sono state enunciate in un decalogo messo a punto dal Gruppo di lavoro dell’ASviS sui Goal 7 e 13 (Energia e clima) dell’Agenda 2030 dell’Onu. Tra i suoi principi, la giustizia intergenerazionale, la partecipazione democratica, la riqualificazione professionale, la formazione, ricerca e sviluppo.
Earth Prize è un premio internazionale, promosso dal Segretariato permanente del World Environmental Education Congress (WEEC network) e dall’Amministrazione di Luino (Varese) destinato ogni anno alle istituzioni e alle persone che si sono distinte nel campo dell’educazione ambientale.
L’ASviS, che con i suoi oltre 270 aderenti è la più grande rete di organizzazioni della società civile mai creta in Italia per diffondere la cultura della sostenibilità a tutti i livelli e la conoscenza dell’Agenda 2030, partecipa all’Earth Prize dal 2019.
Le candidature, corredate da una breve motivazione, devono pervenire entro il 20 settembre all’ASviS, all’indirizzo segreteria@asvis.net, segnalando nell’oggetto: “Premio Giusta transizione”.
Una giuria selezionerà gli elaborati e assegnerà il premio che verrà consegnato a Luino il 10 ottobre nel corso dell’Evento Earth Prize 2020.
Per info: www.asvis.it


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *