Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 31 – 23 settembre 2020

Scritto da
23 Settembre 2020

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 31 – mercoledì 23 settembre 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


 

 

 

 

 

 

 

Auserinforma

Partita la campagna solidale “Cari Nonni” dell’azienda casearia Nonno Nanni. Sosterrà le attività di Auser
Anche quest’anno Nonno Nanni si impegna a celebrare la festa dei Nonni del prossimo 2 ottobre.  In occasione della giornata a loro dedicata, l’azienda veneta ha realizzato  l’iniziativa solidale  “Cari Nonni” per ringraziarli del loro ruolo prezioso. In occasione della Festa  Nonno Nanni si trasforma in messaggero recapitando gratuitamente lettere indirizzate ai  nonni  create appositamente dai loro nipoti. Sul sito web Nonno Nanni è disponibile una sezione dedicata all’iniziativa solidale (https://carinonni.nonnonanni.it) dove gli utenti possono scrivere una lettera personalizzata ai propri nonni, Nonno Nanni, poi, si occuperà di stampare tutte le lettere e di recapitarle gratuitamente per posta. Un messaggio d’amore non solo ai propri nonni, ma a tutti i nonni d’Italia: per ogni lettera spedita, infatti, Nonno Nanni donerà 2 euro all’Auser.
A supporto dell’iniziativa solidale, ha preso il via anche una campagna social in cui gli utenti sono invitati a scrivere ai nonni. I messaggi più belli verranno poi pubblicati sui canali social di Nonno Nanni insieme ad alcune video pillole che mostreranno la consegna delle lettere ai nonni. L’iniziativa “Cari Nonni” sarà amplificata anche grazie al contributo di alcuni influencer che, attraverso i propri canali social, parleranno di momenti speciali che li legano ai loro nonni.
Fonte: Publicom Now

Presentato il  Progetto Shubh servizi Integrati per l’autonomia socio-economica dei titolari di Protezione Internazionale
Con un Webinar sulla piattaforma Zoom il 22 settembre è stato presentato Shubh il progetto che prevede servizi integrati per l’autonomia socio economica dei titolari di protezione internazionale. Il progetto è promosso da Inca, Arci, Auser e Sunia è finanziato   dall’Unione   Europea   e   dal   Ministero   dell’Interno ed ha l’obiettivo di  aumentare   l’autonomia   socio   economica   dei   rifugiati   che   hanno   ricevuto   la   protezione internazionale  e  che  necessitano  delle  migliori  condizioni  di  integrazione  con  il  territorio.
Il Progetto, tramite percorsi individuali di formazione, accompagnamento, supporto a problematiche sul mondo del lavoro, abitabilità, approccio culturale e alla socialità, con il supporto della rete dei servizi  sul  territorio,  intende  garantire  l’inserimento  nella  società  civile  italiana  per  chi  fugge  da situazioni di conflitto, discriminazione, violenza e sopraffazione.

Firenze, vaccinazione antinfluenzale: campagna dei medici volontari dell’Auser
L’Auser Volontariato Firenze, in collaborazione con Auser Territoriale, è impegnata  da anni  attraverso il gruppo Volontari medici Auser Firenze  -in una  campagna per la vaccinazione antinfluenzale degli anziani, e non solo. Ma quest’anno l’impegno è raddoppiato per l’emergenza COVID-19 tanto da decidere di lanciare una campagna capillare  per informare sull’importanza di fare la vaccinazione contro l’influenza stagionale.
“Oramai tutti conosciamo quali sono i sintomi del COVID-19 – scrivono in una nota i medici volontari –  Sono molto simili, almeno all’inizio, a quelli dell’influenza, salvo poi peggiorare soprattutto nelle persone anziane e fragili.Come rivelato dalla ricerca di Assosalute, se nel 2019 il 55% degli intervistati dichiarava che il primo comportamento, in caso di febbre, sarebbe stato rimanere a casa, riposare e assumere farmaci da banco, oggi lo conferma soltanto il 37%. Aumentano invece coloro che si rivolgeranno subito al parere del medico di base, il 35% rispetto al 12% del 2019. Quale impatto avrà questo diverso atteggiamento della popolazione italiana sul servizio sanitario? Se anche una quota minoritaria dei milioni di cittadini con l’influenza, chiedessero consigli al proprio medico o si recassero in un pronto soccorso, il sistema andrebbe in crisi soprattutto come capacità di risposta per le patologie più gravi (COVID-19 e non solo). Ecco perchè è così importante vaccinarsi contro l’influenza e vaccinarsi subito. Prevenire l’influenza metterà al riparo dai danni alla salute connessi all’influenza, non trascurabili negli anziani; eviterà l’ansia di temere di aver contratto il COVID-19; aiuterà a non intasare i presidi sanitari”.
In Toscana il vaccino antinfluenzale sarà disponibile entro la fine del mese di settembre e dai primi di ottobre sarà possibile vaccinarsi.

Piacenza: ”poesie e serenate sotto le stelle” alla Muntà
Con tutte le precauzioni necessarie per svolgere la manifestazione in piena sicurezza, è tornata domenica 20 settembre alle ore 20:30 la festa dell’Auser provinciale di Piacenza “Poesia e serenate sotto le stelle”, un appuntamento che da anni raccoglie nella splendida cornice della Muntà di ratt pensionati, volontari Auser e cittadini per una serata di musica e parole della tradizione popolare, con la conduzione di Marilena Massarini.
 La manifestazione, organizzata da Auser Piacenza con il patrocinio del Comune di Piacenza, si è tenuta nel rispetto di tutte le misure previste per il contenimento del contagio.

Fusignano (RA), un nuovo mezzo per il trasporto dei disabili
Il circolo Auser Volontariato di Fusignano (Ravenna), con l’aiuto di sponsor locali, ha acquistato un Peugeot Boxer e lo ha fatto adeguare per il trasporto di carrozzine, in modo che possa essere utilizzato, insieme agli altri mezzi del Comune, per il trasporto di persone malate e bisognose, ai vari presidi sanitari in cui necessitino di recarsi.
Il mezzo può trasportare fino a 9 passeggeri ed è omologato per il trasporto di 4 carrozzine. Domenica 27 settembre verrà presentato pubblicamente in piazza Corelli alle ore 10.
Per info: Ufficio Stampa Deborah Ugolini 335 6934856 – press@auserravenna.it

Lecco, collaborazione solidale per la donazione di latte materno ai bimbi prematuri
A partire dal mese di ottobre, Auser Lecco e la onlus Cancro Primo Aiuto offrono al territorio un servizio di ritiro a domicilio e consegna del latte donato dalle mamme grazie ad una nuova autovettura.
“Queste donazioni – spiegano dall’ospedale  –  risultano particolarmente preziose perché permettono di coprire il 100% del fabbisogno di latte per i neonati pretermine più a rischio”.
In questa catena di solidarietà un aspetto nodale è rappresentato dalla possibilità di poter agevolare le donatrici attraverso un servizio domiciliare per la raccolta del latte, in modo da permettere a tutte di potersi più facilmente organizzare per dare questo prezioso contributo.
“Auser già svolge la sua attività di volontariato in provincia, verso anziani, bambini e disabili ed è ben felice di aderire a questa opportunità di solidarietà che ASST di Lecco ci ha proposto: un gesto di solidarietà verso i bambini prematuri – sottolinea il presidente di Auser Lecco, Claudio Dossi – Per noi e per i nostri volontari metterci a disposizione del territorio è una cosa normale e sapere che la nostra azione insieme ad altre associazioni e all’azienda sanitaria potrà essere utile per nutrire tanti bambini prematuri e critici non può che riempirci di gioia. E grazie a questa auto che ci viene donata, potremo svolgere un nuovo servizio sociale per la comunità facendo sicuramente felici tante mamme che donano il proprio latte materno a bimbi di altre mamme, proteggendo così tutti insieme il nostro futuro. In questo modo Auser porta a completamento anche un dialogo da tempo aperto con il primario di Terapia Intensiva Neonatale di Lecco che tanto auspica a questa soluzione e che grazie anche alla direzione dell’ASST oggi si concretizza”.
Fonte: lecconotizie.com

Bologna, donati oltre 1600 articoli di cancelleria alle famiglie in difficoltà
Quasi 1.600 articoli raccolti in una sola giornata. Si può dire davvero riuscita l’iniziativa di raccolta solidale di materiale didattico a favore delle famiglie in difficoltà nel territorio comunale organizzata a Castel San Pietro da Coop Alleanza 3.0, e che ha coinvolto anche Osteria Grande nel punto vendita Coop Reno nel centro commerciale della frazione, in via Grassi. Fuori dai punti vendita, un banchetto di raccolta che ha visto la presenza  di volontari Auser e di altre associazioni locali. Sono stati consegnati quadernoni, penne, matite e altro materiale di cancelleria per la gioia dei bambini e dei loro genitori.
Fonte: Il Resto del Carlino

Imperia, 10.750 chilometri di solidarietà
Di fronte all’emergenza sanitaria del Covid 19, l’Auser provinciale è rimasta in prima linea con i suoi volontari per fornire assistenza e supporto agli anziani soli e fragili. Servizi di compagnia e ascolto telefonico, segretariato sociale, consegna della spesa e dei medicinali e in alcuni casi trasporto per i dializzati e che necessitano di cure salvavita. Tra il 1° gennaio e il 31 maggio (con l’emergenza pandemica iniziata a fine febbraio) i volontari sono stati impegnati per oltre 1.200 ore, percorrendo qualcosa come 10.750 chilometri. Per il sostegno alla mobilità e l’accompagnamento protetto sono stati effettuati 175 interventi per 82 persone assistite; 112 sono i servizi per la consegna di farmaci e pasti per 63 persone; 947 interventi di compagnia telefonica per 69 persone; 10 presenze costanti presso le case di riposo con tanto di animazione sociale. Le richieste sono state elevate nei mesi di marzo, aprile e maggio, proprio in coincidenza col lockdown.
Fonte: La Stampa Savona
 

Sacile (PN), riparte l’attività con gli accompagnamenti sociali, lanciato l’appello “diventa volontario Auser”
Sono nuovamente operativi i mezzi dell’Auser in partenza dalla sede tornata operativa nei locali della Casa del volontariato dopo il lungo lockdown. Lo annuncia il presidente dell’associazione Francesco Naccari, informando i soci e le tante persone che fruiscono dei servizi che gradualmente sono riprese le attività a favore delle persone anziane che contattano i volontari che, a turno, si alternano per rispondere alle chiamate di chi ha bisogno di essere accompagnato. E subito il presidente lancia un pressante appello a quanti vogliono dare una mano: «Un problema questo – aggiunge – che si è ampliato con l’emergenza che ancora stiamo vivendo che ha colpito soprattutto le persone fragili, l’anziano che spesso vive da solo». L’appello che lancia è «diventa volontario anche tu. A Sacile da anni ormai i volontari Auser portano aiuto e sostegno ad anziani – sottolinea Naccari – disabili, minori e a tutte le persone più fragili che hanno bisogno di essere accompagnate a visite mediche, terapie e servizi pubblici». A seguire l’invito a «unirti a noi. Bastano poche ore del tuo tempo per fare la differenza; entra nella nostra squadra, ti aspettiamo». A rispondere alle chiamate ogni mattina, dal lunedì al venerdì c’è un operatore dalle 8.30 alle 11. Si sono inoltre riattivati il servizio di ritiro ricette presso gli studi medici e il ritiro in farmacia e consegna a domicilio dei farmaci.
Per conoscere le modalità dei servizi si può contattare i numeri:  0434-735060  320-3022680 o  scrivere a sacile.auser.pn@auser.friuliveneziagiuli
Fonte: Il Gazzettino Pordenone

Gallarate (VA), solidarietà tra generazioni con il doposcuola in sicurezza
Solidarietà tra generazioni: un esempio in questi giorni è offerto dall’Auser di Gallarate (VA). Nella sede in via del Popolo 3 da ogni pomeriggio, dalle 14 alle 17, non arrivano solo gli anziani, che hanno nel centro un importante punto di aggregazione, ma anche gli alunni di alcune classi della scuola media Majno. I ragazzi possono pranzare e quindi nel pomeriggio svolgere le attività di doposcuola, con la vigilanza attenta degli educatori e la collaborazione dei volontari Auser. «La richiesta di spazi ci è arrivata dall’Associazione genitori – spiega il presidente di Auser Gallarate Renato Losio – le scuole hanno dovuto riorganizzare la disposizione delle classi, modifiche conseguenza delle regole da rispettare per contrastare il virus, noi come associazione abbiamo dato la nostra disponibilità a collaborare all’amministrazione comunale, quindi siamo stati ben contenti di poter rispondere alla richiesta dei genitori e della scuola Majno». La sede in via Del Popolo è stata quindi organizzata in modo da separare i due ambienti, quello che accoglie 46 alunni e quello per le attività socio ricreative dei “nonni”. Nella sala sono stati disposti i tavoli per il doposcuola, uno per ogni ragazzo, è rispettato il distanziamento fisico, ci sono gel igienizzanti, si effettuano interventi di sanificazione, dunque tutto è nel rispetto delle disposizioni sanitarie. Per Auser un’esperienza nuova, ma proprio la disponibilità dello spazio in sede concesso dall’associazione ha permesso di avviare da subito il servizio di doposcuola, che continuerà per tutto l’anno scolastico, dal lunedì al venerdì, dalle 14 alle 17.
Fonte: Il Giorno

Forlì, nuovo mezzo dell’Auser: “Non solo autisti, ma amici degli anziani e disabili che trasportiamo”
Arriva un nuovo mezzo di trasporto per anziani e disabili al servizio di Meldola, Predappio e Castrocaro. Nei giorni scorsi  c’è stata l’inaugurazione. A rendere disponibile il mezzo sono stati i fondi dei “Progetti del Cuore”.
Il servizio di trasporto sociale gratuito avrà una durata di due anni, durante i quali il servizio sarà garantito e gestito in maniera integrale: dall’allestimento del mezzo per il trasporto disabili, alla gestione delle spese come ad esempio l’assicurazione compresa di copertura kasko.
Fonte: Forlitoday

Legnano (MI), 22 aziende per sostenere l’Auser
Ventidue aziende del territorio di Legnano (MI) si sono alleate con Auser Ticino Olona per il comodato d’uso un nuovo pulmino. È stato inaugurato, giovedì 18 settembre, a Palazzo Malinverni il mezzo che sarà dedicato ai servizi di trasporto delle persone fragili del territorio. L’iniziativa rientra nel progetto “Noi con voi” promosso da Auser in collaborazione con GMS srl e il Comune di Legnano.
Un momento inaugurale che ha segnato ufficialmente la chiusura del mandato di presidenza di Pinuccia Boggiani che commossa ha ringraziato tutti gli sponsors che hanno partecipato tra cui il Lions Club non solo a parole, ma anche con un attestato.
«Con quest’inaugurazione chiudo in maniera ufficiale il mio percorso di presidente Auser – afferma commossa Boggiani -. Sono stati anni straordinari e il merito è di tutti i volontari che hanno sempre dato il massimo per migliorare questa realtà. Quelli appena trascorsi sono stati mesi particolarmente difficili a causa della pandemia, ma nonostante tutto siamo riusciti a dare risposte concrete ai numerosi richieste di aiuto. Non ci fermiamo mai anche grazie a tutti i sostenitori».
Fonte: legnanonews.com

Conegliano (TV), nuovo anno accademico in sicurezza per L’Università Aperta
Si sono aperte lo scorso lunedì 7 settembre le iscrizioni all’Università Aperta Auser, con sede in via Maset a Conegliano (TV): si tratta del 18esimo anno di vita di questa realtà, che inaugurerà la nuova annata martedì 13 e sabato 17 ottobre alle 16.30 in auditorium “Dina Orsi” a Paré di Conegliano, con uno spettacolo dedicato al pittore Ricardo Perucolo, bruciato al rogo nel 1568.
Quest’anno gli oltre 50 incontri e le lezioni si svolgeranno all’insegna delle precauzioni dovute alla pandemia e si terranno il martedì e il giovedì: tra i temi più trattati ci saranno la questione della pandemia, vista da differenti angolazioni, l’immagine di Venezia nella polemica ambientale, fino al centenario dantesco in programma per la prossima primavera 2021.
Arte, psicologia, musica, salute, storia, diritto, scienza e letteratura saranno alcune delle materie proposte, oltre a laboratori di informatica, lingue straniere, musica, cucina, ginnastica, teatro, astronomia, fotografia e al nuovo corso dedicato alla comunicazione in partenza quest’anno.
Ma non mancherà il gruppo di lettura, impegnato nel discutere il libro del mese, mentre la convenzione con la palestra Free Sport di via Piutti consentirà ai soci di praticare balli, Tai Chi, educazione posturale e altre attività motorie.
Saranno garantite, inoltre, uscite e visite guidate, camminate in montagna e in collina: per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.auseruniaperta.it.
Fonte: qdpnews.it

Castelnovo Monti (RE), riprendono gli incontri de “La Lanterna di Diogene”
Sono ripresi sabato 19 settembre a Castelnovo Monti (RE) gli incontri del ciclo “La lanterna di Diogene – Università del Sapere permanente” al Caffè del Teatro, che puntano a mettere in circolo competenze e conoscenze con incontri su filosofia, storia e storia dell’arte, medicina, letteratura.
L’iniziativa vede la collaborazione di Auser, Centro sociale Insieme, LiberaMente Montagna e Legambiente Appennino. Sarà attivato anche un servizio di navetta in caso di difficoltà di trasporto (informazioni e prenotazioni tel. 347 8974780).
Per tutte le informazioni è  possibile contattare la Biblioteca Crovi, tel. 0522 610204, biblioteca@comune.castelnovo-nemonti.re.it. È inoltre possibile seguire i profili Facebook, Instagram e Youtube de La lanterna di Diogene.
Fonte: redacon.it

Asti, tutti allo stadio per dire Grazie ai Volontari
Lo stadio Censin Bosia di Asti  ha accolto  sabato pomeriggio 19 settembre, una cerimonia pubblica di grande emozione dal titolo “Per ora Grazie”. L’evento è stato organizzato per ringraziare tutti i volontari e le associazione che durante l’emergenza Covid sono stati in campo aiutando gli anziani e le persone fragili nell’affrontare i difficili giorni del lockdown. Un lavoro ininterrotto, spesso silenzioso, ma di estrema utilità che ha permesso ai cittadini più a rischio di restare al sicuro in casa, con la spesa portata a domicilio, i farmaci consegnati ” porta a porta ” , ma anche le mascherine. Uomini e donne che, anche rischiando in prima persona, hanno dedicato agli altri parecchie ore del loro tempo libero.
L’evento è stato  promosso dall’assessorato alle politiche sociali del Comune in collaborazione con l’ANA di Asti, il Centro Servizi di Volontariato Asti e Alessandria, la Banca del Dono.
Auser è stata presente con i suoi volontari che hanno ricevuto la pergamena simbolo del Grazie di una intera comunità.
Fonte: La Provincia di Asti

Bagno a Ripoli (FI): una nuova auto per il trasporto sociale in ricordo di Luigi, volontario Auser per oltre 20 anni
Luigi Cirri aveva una gran voglia di dare una mano al suo territorio e alla sua gente: da Tavarnuzze, nel Comune di Impruneta, si recava quasi quotidianamente nella vicina Bagno a Ripoli come volontario di Auser. Continuerà a farlo anche dopo la sua morte, avvenuta un anno fa: la moglie Anna Maria e i figli hanno donato all’associazione alla quale Luigi aveva dedicato tante energie dei fondi raccolti durante il funerale. Quei soldi sono stati usati dall’Auser come contributo fondamentale per l’acquisto di un’automobile: sarà dedicata al trasporto sociale degli anziani. «La useremo – dice Fiorella Barucci, presidente della sezione ripolese di Auser – per accompagnare le persone alle visite in ospedale e dai medici, alla posta, in banca». Servirà anche per portare i pasti e la spesa a domicilio, servizi che Auser ha proseguito anche durante il lockdown grazie all’aiuto di tanti giovani che nel momento del bisogno si son dati da fare per i più fragili. Il signor Luigi, ricorda commossa Fiorella, è stato attivo nell’associazione per oltre 20 anni. «Ci ha aiutato a far nascere e crescere il progetto ‘Un volontario e un libro per amico’, di cui ha continuato ad occuparsi fino a poco prima della morte».
Fonte: La Nazione

Massa, tornano i preziosi Nonni Civici
A vigilare sugli alunni più piccoli all’orario di entrata di uscita tornano quelle sentinelle silenziose che portano sulle spalle il valore dell’esperienza, sempre con un sorriso e una carezza in più per i bambini: i Nonni Civici. Anziani che hanno deciso di dedicare un po’ del loro tempo per garantire la sicurezza dei più piccini: davanti ai cancelli delle scuole smistano il ‘traffico’, aiutano a capire come muoversi e il loro contributo sarà ancora più importante in questo anno scolastico segnato dall’emergenza Covid-19, fra mascherine, distanziamento sociale e percorsi separati per le varie classi. Il Comune di Massa ha deciso di rinnovare il progetto che va avanti da alcuni anni e che si era fermato proprio a marzo in occasione del lockdown, in collaborazione con le associazioni Ada, Auser e Anteas, impegnate nella promozione di iniziative atte a favorire la partecipazione delle persone anziane alla vita civile e sociale nonché a favorire il loro benessere psicofisico, contribuendo a contrastare forme di emarginazione ed esclusione sociale. Le scuole interessate sono dieci.
Fonte: La Nazione

Pieve di Cadore (BL), i chilometri della solidarietà
Assemblea dei soci per il circolo Auser di Pieve. Numeri importanti, quelli snocciolati venerdì scorso nella sala Cosmo: nel 2019 l’associazione ha effettuato 360 interventi, percorrendo 18.941 chilometri a bordo dei tre mezzi a disposizione. Parole di ringraziamento per l’attività svolta dall’associazione sono state espresse durante la riunione dal sindaco di Pieve Giuseppe Casagrande. L’Auser di Pieve  può contare su 54 soci, 44 autisti e 10 accompagnatori. Tutti impiegati gratuitamente per quel compito, il trasporto solidale, che si presenta come un servizio fondamentale per la comunità.
Per quanto riguarda il futuro, l’obiettivo del sodalizio di Pieve è consolidare un rapporto di collaborazione con l’azienda Usl 1 Dolomiti, soprattutto con la parte ambulatoriale che, tradotto, significherebbe per l’Auser «meno viaggi lunghi verso ospedali limitrofi, Belluno e Feltre in primis».
Fonte: Il  Corriere delle Alpi


Anziani e dintorni

Gli anziani e il Vaccino antinfluenzale: in Europa solo il 41% si vaccina
Durante la stagione invernale, il vaccino contro l’influenza può rappresentare un’arma in più contro il Coronavirus. Il Servizio sanitario nazionale lo offre gratuitamente agli over 65 e a tutte le categorie a rischio. Eurostat ha recentemente pubblicato i dati sugli anziani che si vaccinano nei diversi paesi europei. Risulta che solo il 41% degli over 65 ha deciso due anni fa di farsi vaccinare contro l’influenza.
Il paese più virtuoso è il Regno Unito con il 71% di anziani coperti da vaccinazione, peggio di tutti fanno i paesi baltici e la Macedonia dove le percentuali oscillano fra il 7 e il 10 per cento. In Italia nel 2018 si è vaccinato il 52% degli anziani.
Fonte: Eurostat

Molto anziane e molto sole: in Veneto oltre 180.000 ultraottantenni vivono senza nessun’altro
“Regione e Comuni non possono abbandonarle, servono politiche adeguate”, dice  il sindacato dei pensionati della Cgil, lo Spi. Perché la solitudine innesca “conseguenze a volte drammatiche, come testimoniato anche dall’emergenza Covid”. E in Veneto la questione è delicata se si considera appunto che le ultraottantenni che in Veneto sono circa 227.000 e otto su 10 (l’83%, oltre 180.000) vivono da sole perché nubile, vedova o divorziata. E siccome sono “numeri destinati a crescere di anno in anno”, lo Spi chiede iniziative per assicurare regalare una vita dignitosa a questo spaccato di popolazione veneta. “La solitudine cui sono costretti molti anziani- commentano Elena Di Gregorio e Rosanna Bettella dello Spi del Veneto- colpisce soprattutto le donne over 80 che sono in numero nettamente maggiore rispetto ai colleghi maschi e prendono una pensione drasticamente inferiore a causa della discontinuità del lavoro o all’assenza della vita lavorativa extrafamiliare. Un gap che tra l’altro continua anche ai nostri giorni nonostante le ragazze abbiano una scolarità alta e con risultati migliori dei ragazzi”. Le anziane sole, evidenziano ancora dallo Spi, “sono anche le prime vittime delle truffe, in primis quelle porta a porta, e delle violenze, un tema scabroso, che tocca corde molto sensibili, di cui si preferisce non parlare e che avvengono talora purtroppo sia in famiglia che nelle strutture residenziali”. È un tema di cui non si discute, frutto di una cultura dello ‘scartò, quando non sei più utile ti butto via”, avvisano infine Di Gregorio e Bettella.
Fonte: Redattore Sociale


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Quale futuro vogliamo costruire? Ansa e ASviS lanciano “Voci sul futuro”, 10 Forum per capire il mondo che verrà
Quale sarà il futuro dell’economia e del lavoro, della ricerca scientifica, della società, della politica e dei sistemi giuridici e sanitari? E quali saranno le sfide ambientali e l’evoluzione delle città e delle telecomunicazioni? Sono alcuni dei temi di “Voci sul futuro”, 10 Forum per discutere di futuro e di sostenibilità con famosi esperti italiani e internazionali, organizzati dall’ANSA (redazione economica) e dall’ASviS e che verranno trasmessi online durante il Festival dello sviluppo sostenibile su ansa.it, asvis.it, festivalsvilupposostenibile.it e relative pagine Faacebook. Durante ogni puntata, verranno approfonditi con gli esperti vari aspetti dei sistemi socioeconomici alla luce della pandemia che ha sconvolto il mondo, per capire il futuro che ci aspetta e contribuire a scegliere il futuro tra i tanti possibili. Gli ospiti dei Forum saranno: Fabiola Gianotti (Cern), Maximo Ibarra (Sky Italia), Irene Kahn (Onu), Enrico Letta (Università Sciences Po), Mariana Mazzucato (University College London), Mario Monti (Università Bocconi), l’architetto Carlo Ratti, Salvatore Rossi (Tim), Stefano Scarpetta (Ocse), Paola Severino (Università Luiss).
I Forum “Voci sul futuro” verranno trasmessi a partire dal 23 settembre al 7 ottobre (escluso il 1 ottobre) tutti i giorni feriali alle 14.
Per info: Claudia Caputi comunicazione@asvis.it   www.asvis.it  www.futuranetwork.eu
www.festivalsvilupposostenibile.it

 
Webinar il 30 settembre per parlare di povertà educativa

La povertà educativa minorile è una emergenza sociale che tocca l’intera comunità nazionale. Dopo la pandemia rafforzare l’alleanza tra scuola e comunità locale è una necessità per fronteggiare l’emergenza derivante dal rispetto delle norme di prevenzione del contagio e, al tempo stesso, rappresenta un’opportunità per una maggiore valorizzazione delle risorse educative del territorio. Uno strumento importante è il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile destinato al sostegno di interventi sperimentali finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.
Mercoledì 30 settembre ore17.00 si terrà  un webinar per parlare di povertà educativa minorile e le tematiche connesse. Per partecipare
Meeting ID: 954 8403 3735
Per info: forumterzosettore.it

La mostra “Com’eri vestita?” e la violenza sessuale in provincia di Padova
Dal 14 al 24 settembre si può visitare è a Padova la mostra “Com’eri vestita?” che espone 17 abiti di 17 donne e bambine che hanno subito violenza sessuale, accompagnati dalle loro riflessioni. Leggere la violenza dal punto di vista di chi la subisce mette il fenomeno in prospettiva, lontano dalla spettacolarizzazione della violenza, finalmente per capirla.
La mostra “Com’eri vestita?” è un’attività del progetto “Step 4 Young: conoscere per riconoscere”, finanziato dalla Regione Veneto e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, che comprende una serie di attività educative, formative e di sensibilizzazione dedicate alle scuole, alla comunità educante e all’intera cittadinanza, per costruire consapevolezza e solidarietà sociale. Secondo l’indagine Istat del 2014, circa il 20% delle donne italiane, ovvero 4 milioni 353 mila donne, subisce o una subito una forma di violenza sessuale nel corso della propria vita, mentre 69 donne, l’11% delle accolte dal Centro Veneto Progetti Donna tra gennaio e agosto 2020, hanno riferito di aver subito violenza sessuale. L’indagine evidenzia come il 40% di coloro che hanno risposto all’indagine pensi che le donne che non vogliono un rapporto sessuale riescono a evitarlo, mentre il 24% pensa che le donne provochino la violenza sessuale con il loro modo di vestire. Questi pregiudizi sono radicati nella nostra cultura e nella società e si ripercuotono in maniera feroce nelle vite delle donne in tutti gli ambiti che le coinvolgono: condizionano il modo in cui vengono considerate e assistite dalle Forze dell’ordine, dai servizi territoriali e nei Tribunali, da parte della propria cerchia di conoscenti. Spesso condizionano il modo di esprimere la propria personalità nel ricordare e rivivere una violenza subita, che spesso è seguita da un profondo senso di responsabilità. Si tratta di quella che viene chiamata ‘vittimizzazione secondaria’ riconosciuta e vietata anche dalla Convenzione di Istanbul.
La mostra è a Padova fino a giovedì 24 settembre. Gli orari dal 14 al 23 settembre sono 10:00-18:00, mentre il 24 settembre saranno 10:00-14:00.Il 25, 26 e 27 settembre la mostra si sposta a Vigodarzere a Villa Zusto (Via Ca’ Pisani, 74) con i seguenti orari: 25 settembre: 16:00-19:00 26 e 27 settembre: 9:00-12:00.
L’ingresso è gratuito.
Per informazioni: Mariangela Zanni, comunicazione@centrodonnapadova.it – 3459948956 www.centrodonnapadova.it


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *