Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 32 – 30 settembre 2020

Scritto da
30 Settembre 2020

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 32 – mercoledì 30 settembre 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


 

 

 

 

 

 

 

Auserinforma

Firenze, la rivincita delle mascherine: i consigli dei medici volontari di Auser
Il gruppo dei medici volontari di Auser Firenze sono impegnati  in una campagna di comunicazione per spiegare l’importanza di alcune buone pratiche per difendersi dal Covid. La prima nota ha riguardato l’importanza della vaccinazione antinfluenzale, ora tocca all’uso delle mascherine. “Sono state introvabili per lungo tempo – scrivono –  quando la pandemia stava scoppiando, ora si trovano facilmente in farmacia e al supermercato. Ma quali usare? Le mascherine chirurgiche – spiegano – sono riconoscibili perché nella confezione c’è la dicitura: “dispositivo medico” o “dispositivo di protezione individuale”) sono quelle che garantiscono una sufficiente protezione per gli altri e per noi in gran parte delle condizioni della vita quotidiana. Adesso che, con l’arrivo dell’autunno, il virus sta progressivamente aumentando la sua presenza anche nei nostri territori, è preferibile riservare l’uso di quelle di comunità (ad esempio quelle distribuite gratuitamente e meritoriamente dalla Regione Toscana nei mesi scorsi) solo all’aperto quando è difficile mantenere il distanziamento di almeno 1 metro (come nelle strade affollate o nei mercatini rionali). Negli ambienti a maggior rischio (come ambulatori medici, ospedali), fermo restando che le raccomandazioni ufficiali suggeriscono di usare le mascherine chirurgiche, le FFP2 (o FFP3) danno una maggiore protezione e sicurezza. Ricordiamoci – concludono i medici dell’Auser –  che la mascherina nasce per essere utilizzata per un periodo limitato (fino ad un massimo di 8 ore), dopo di che perde la sua efficacia e va buttata nell’indifferenziata”.

Vaiano (PO): 30 volontari e mille servizi, il bilancio del progetto “T’accompagno io”
Oltre 1.000 servizi svolti, 24mila chilometri percorsi, 30 volontari impegnati tra autisti, accompagnatori e centralinisti, e 4 auto. Sono i numeri emersi dal bilancio dei primi 8 mesi di attività di “T’accompagno Io”, il servizio di accompagnamento sociale dedicato alle persone fragili della Valbisenzio, come anziani o persone sole, promosso da Auser Vaiano e Auser Valbisenzio col supporto dei Comuni di Vaiano, Vernio e Cantagallo. Il progetto è partito lo scorso febbraio, con l’obiettivo di aiutare i soggetti in difficoltà a svolgere quelle piccole commissioni quotidiane che sembrano semplici ma che invece per qualcuno rappresentano un ostacolo: recarsi in farmacia, andare alle poste, a fare la spesa, dal medico, dal dentista e tante altre. Il servizio non si è fermato nemmeno durante i difficili mesi del lockdown, anzi: sono state 270 le consegne a domicilio di medicine o cibo durante il periodo della chiusura, in cui “T’accompagno Io” è stato un valido aiuto per molti. T’accompagno Io” ha anche una sede operativa, messa a disposizione dalla Farmacia Cooperativa di Vaiano: si trova in via Braga 197 ed è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Per prenotare il servizio basta chiamare il numero 370 3565393. «Avevamo rilevato questo tipo di bisogno nella nostra comunità – spiega la presidente di Auser Vaiano Sandra Ottanelli – ma i risultati sono andati al di là delle aspettative. Siamo felici di aver dato una mano a soddisfare questa necessità». «Grazie a tutti i volontari, che si sono dati da fare in modo eccellente» aggiunge Fiorella Magazzini, presidente di Auser Valbisenzio. «Non si tratta solo di accompagnamento ma anche di ascolto delle persone e delle loro necessità» spiega Andrea Cambi di Auser provinciale.
Fonte: Il Tirreno
 

Auser Fusignano (RA) festeggia il suo 25esimo anniversario regalando un nuovo mezzo al Comune
Il circolo Auser Volontariato di Fusignano festeggia, quest’anno, 25 anni di attività e per ribadire la propria vicinanza alla cittadinanza, ha fatto dono di un nuovo mezzo all’amministrazione comunale. Si tratta di un Peugeot Boxer, 9 posti appositamente adeguato per il trasporto di 4 carrozzine, che potrà essere utilizzato, insieme agli altri mezzi del Comune, per il trasporto di persone malate e bisognose, ai vari presidi sanitari in cui necessitino di recarsi.  Il mezzo, che è stato presentato pubblicamente  in Piazza Corelli, alla presenza dei volontari Auser, degli sponsor, delle autorità locali e del parroco, Don Marco, che ha dato la sua benedizione.
Il Circolo Auser Volontariato di Fusignano si è fatto carico delle spese d’acquisto e di quelle per l’adeguamento del mezzo, con il contributo di diversi sponsor locali.
Adriano Matulli e Laura Nuvoli, responsabili Circolo Auser Volontariato Fusignano hanno ribadito: “su questo nuovo mezzo, come su altri da noi sponsorizzati, c’è scritto “Perché noi ci siamo”; vuol dire che noi di Auser ci siamo per gli accompagnamenti, ma non solo, noi ci siamo per il paese, per l’amministrazione, per le strutture di cura, per la parrocchia, per le scuole, noi ci siamo ormai da 25 anni e continueremo ad esserci per tutti i cittadini, per chiunque abbia bisogno di noi. È il nostro modo di festeggiare un anniversario così importante, insieme a tutta la comunità che ci sostiene e a cui teniamo tanto”.

Cornaredo (MI). “Grazie per ciò che avete fatto e che farete ancora” il Comune ringrazia l’Auser
“A nome di tutta l’amministrazione e dell’intera comunità di Cornaredo, vi ringraziamo di cuore per i servizi che anche quest’anno svolgerete a favore delle scuole e dei nostri alunni. E’ proprio il caso di dirlo neanche il Covid ha fermato le buone pratiche che vengono svolte da diversi anni dai volontari dell’Auser”. L’Amministrazione Comunale di Cornaredo ha voluto ringraziare così, con una lettera,  i volontari dell’Auser da tempo impegnati in attività a favore della comunità e dei cittadini più fragili.
“Una iniziativa che ci ha fatto molto piacere – sostiene il responsabile dell’associazione – e che ci sprona a continuare il nostro cammino con maggiore impegno ed entusiasmo”.

 
Oscar livornesi tra  musica e poesia a chi si è dedicato all’emergenza Covid
Un lungo elenco di associazioni, fra queste anche l’Auser territoriale Livorno, hanno ricevuto la scorsa domenica 27 settembre , l’Oscar livornese, quest’anno completamente dedicato a chi – durante l’emergenza Covid- ha svolto un ruolo fondamentale per la comunità e per i cittadini più soli e fragili.
Un evento intenso e commovente, segnato da momenti di ricordo, racconti, musica e poesia.
Fonte: Il Tirreno

Montechiarugolo (PR): i nonni civici rientrati in servizio dopo l’emergenza Coronavirus
Dopo la lunga sosta dovuta al Covid 19, con la riapertura delle scuole  è ripartito l’impegno dell’Auser, in appoggio al mondo della scuola. «Devo dire che, fortunatamente – spiega Vittore Romani, coordinatore Auser di Montechiarugolo – la pandemia ha risparmiato tutti quanti noi, volontari e familiari. I volontari sono sensibilizzati ad attenersi ai comportamenti in linea con le leggi vigenti, allo scopo di evitare eventuali contagi». A Basilicanova sono presenti 2 nonni vigili che regolano l’ingresso e l’uscita degli alunni della scuola elementare. Mentre altre volontarie si occupano dello Spazio bimbi del Centro Le Ghiare, già da inizio settembre e alcune sono presenti nella ludoteca, dello stesso Centro, dal mese di luglio. A Monticelli una volontaria svolge il servizio di assistenza in mensa e durante il doposcuola nei pomeriggi dell’intera settimana. In caso di bisogno, questa persona si sposterà anche al Polivalente Pasolini. Tre nonni vigili svolgono l’attività di vigilanza stradale a Basilicagoiano, in occasione dell’ingresso e dell’uscita dei bambini e dei ragazzi sia della elementare sia della media. Per i bimbi che frequentano la scuola materna, due volontari sono presenti sul pulmino, più precisamente uno al mattino e l’altro al rientro pomeridiano. «Altri volontari – conclude Romani – si occupano della manutenzione del verde pubblico, della pulizia delle vasche delle due «fontane del sindaco», una a Basilicanova e l’altra a Monticelli. Altri, con la loro presenza regolano l’ingresso ai mercati settimanali di Monticelli e Basilicanova.
Fonte: La Gazzetta di Parma

Cerveteri (RM), un incontro sull’importanza del vaccino
Si terrà il 5 ottobre alle 17 a Cerveteri (RM), presso il Granarone, la seconda conferenza Auser in collaborazione con la biblioteca comunale di Cerveteri.
Titolo dell’incontro:  “Benefici e limiti delle vaccinazioni antinfluenzale, antipneumococco e coronavirus”, relatore il dottor Valter Lucenti. “Questa conferenza -spiegano dall’Auser – è importantissima dato il periodo che stiamo trascorrendo”.  Data l’emergenza covid, i posti all’interno del Granarone saranno limitati (massimo disponibile 40). Per questo motivo sarà necessaria la prenotazione. Per informazioni e per prenotare il proprio posto si potrà contattare il numero 389.1389342.
Fonte: baraondanews.it

Rovigo, con #AnzianiAlCentro per l’invecchiamento attivo e la socializzazione
L’Auser provinciale Rovigo si prepara ad un anno di nuove attività, grazie ad #AnzianialCentro: condividere, coinvolgere, connettere le comunità per un Invecchiamento attivo, finanziato dalla Regione del Veneto, nell’ambito del bando per l’invecchiamento attivo.
“Abbiamo ideato un progetto – afferma Marinella Mantovani, presidente di Auser provinciale Rovigo – che vuole incrementare la socializzazione e incoraggiare il ruolo attivo dell’anziano nella propria comunità, aumentando le opportunità formative in un’ottica di apprendimento continuo. Un progetto ampio, che racchiude nel nome l’essenza del proprio essere: #Anzianialcentro dell’interesse, delle attenzioni e delle attività per un invecchiamento attivo e al centro quale luogo dove avvengono le attività di socializzazione per il contrasto all’isolamento sociale. Sono infatti previste diverse iniziative di educazione e cultura in materia di salute e benessere fisico e psichico, promosso in collaborazione con numerosi circoli Auser e comuni polesani”.
Rispettando le misure e le precauzioni anti Covid sono moltissime quindi le attività previste: alcune legate al tema del gusto e del cibo, con la riscoperta delle radici con il territorio, ricercata anche attraverso visite ai principali comparti alimentari del Polesine, per comprendere meglio cosa e come si produce nei vari distretti. Ancora, attività  assistite con gli animali, per la loro efficacia sul piano affettivo-relazionale e per i benefici su circolazione e tono muscolare, ma anche cure presso i più vicini centri termali. Grande spazio infine a corsi di alfabetizzazione informatica, per approfondire la conoscenza dello smartphone, oltre a laboratori artistici e incontri di stimolazione cognitiva, per esercitare la mente. Chi è abituato all’esercizio mentale, infatti, ha minore probabilità di ammalarsi di demenza senile e pertanto allenare le capacità mentali può contribuire a migliorare la qualità di vita, riducendo il rischio di deterioramento cognitivo. I partecipanti, poi, dimostrano interesse non solo nei confronti del corso in sé, ma anche per le occasioni di socializzazione e confronto che inevitabilmente si creano quando ci si ritrova in gruppo. Auser sta anche lavorando, visto le restrizioni all’assembramento, per adattare le attività a distanza e online.
Fonte: rovigooggi.it

Monasterolo del Castello (BG), nasce una nuova Auser
E’ nata una nuova sede Auser a Monasterolo del Castello (BG).
“Auser Solidarietà Monasterolo” ha illustrato nei giorni scorsi le sue future attività e presentato il pulmino attrezzato anche per il trasporto delle persone con disabilità. Il mezzo è stato acquistato con una raccolta fondi cui hanno partecipato le aziende locali (in questo particolare periodo un segno tangibile di consapevolezza e responsabilità di fronte ai bisogni dei cittadini più fragili). Sono state anche raccolte adesioni di nuovi associati.
Il Comune di Monasterolo, tramite una convenzione, ha concesso in comodato d’uso la sede (in Piazza Papa Giovanni XXIII, 5) e ha aperto una collaborazione con l’associazione.
Fonte: myvalley.it

Cerreto Guidi (FI), riparte il progetto Nonni Vigili
E’ tornato il progetto ‘Nonni Vigili’, servizio partito in forma sperimentale nel maggio del 2018. Ha raccolto un diffuso consenso venendo incontro alle esigenze manifestate dalle famiglie in molte assemblee pubbliche, perciò il servizio torna con entusiasmo. I ‘Nonni Vigili’ sorveglieranno i bambini nell’attraversamento della strada, al momento dell’arrivo e al momento dell’uscita dalla scuola; saranno forniti di tutti gli strumenti necessari allo svolgimento del servizio e saranno riconoscibili dalla pettorina, dal cappellino e dalla paletta.
Per rendere possibile il servizio, l’amministrazione comunale ha attivato una convenzione con l’Auser di Empoli.
Fonte: La Nazione

Canaro (RO), Auser pilastro della comunità
Nel 2019 sono stati trasportate circa 550 persone e percorsi quasi 25mila chilometri.  Gli iscritti  erano 266, di cui 25 volontari che svolgono attività sopratutto di trasporto sociale. Sono i  numeri della solidarietà presentati  dall’Auser Canaro in occasione dell’Assemblea annuale che si è tenuta  nei giorni scorsi.  ““Il circolo Auser in questi ultimi anni è notevolmente cresciuto – ha sottolineato il presidente Giuseppe Zogno –  Per rendere ancora più efficiente il servizio svolto da autisti e volontari, il nostro impegno per il futuro sarà quello di reclutare nuovi volontari. Ringrazio il Comune che ci sostiene e con il quale collaboriamo fattivamente e ringrazio tutti i volontari che si impegnano con una dedizione straordinaria”.
Fonte: Il Gazzettino di Rovigo

Fano (PU), riapre l’aula studio del Cubo
Dopo un lungo periodo di chiusura dovuto al Covid-19 e ai protocolli sanitari che di fatto hanno impedito l’autogestione, è stata riaperta l’aula studio del Cubo di San Lazzaro. La stessa resterà accessibile tutti i giorni, esclusi i festivi, dalle 9 alle 19. Per accedervi occorre prenotare al numero 366 6789787 e munirsi di mascherina per l’accesso. Anche se la riapertura della sala studio costituisce un segno di ritorno alla normalità, la situazione sanitaria non consente di abbandonare le precauzioni con le quali si intende ostacolare il diffondersi della epidemia.
«Grazie alla collaborazione con l’Auser i cui volontari sono stati formati da enti certificatori, per questo servizio specifico – ha dichiarato l’assessore Sara Cucchiarini – siamo riusciti finalmente a garantire gli standard necessari per la prevenzione e la lotta al nuovo Coronavirus. Ora si torna a studiare!». L’aula studio Cubo vuole essere prototipo di un nuovo progetto per Fano: un percorso per aprire nuove aule studio in tutto il territorio, non solo in centro, ma soprattutto in periferia, facendo diventare questi spazi giovanili dei luoghi di aggregazione per far crescere e rinascere i quartieri periferici. «Non sempre le biblioteche dispongono di orari fruibili da tutti, quindi l’aula studio fornisce un servizio essenziale».
Fonte: Corriere Adriatico

Corniglio (PR), servono volontari per il servizio di trasporto sociale, forte aumento del bisogno
Il Comune di Corniglio è alla ricerca di nuovi volontari per il servizio di trasporto sociale. Obiettivo: potenziare l’organico per poter far fronte all’aumento delle richieste da parte degli utenti. Il “Taxi sociale” è un servizio di assistenza domiciliare, gestito in collaborazione con l’Auser, attivo da anni sul territorio cornigliese, che tuttavia necessita di potenziamento e interventi complementari in relazione al moltiplicarsi dei bisogni. Destinatari di questo servizio sono gli anziani, i disabili e le persone con particolari difficoltà familiari, sociali, di distanza e collegamento. A queste persone viene garantito il trasporto verso presidi sanitari, uffici e servizi o il collegamento tra frazioni e capoluogo. Il tutto svolto con un mezzo di proprietà del Comune. Per aderire al servizio come volontari è possibile contattare il Comune al numero 0521/881221.
Fonte: La Gazzetta di Parma

San Bonifacio (VR), l’Università itinerante riparte dalla pandemia
L’Università itinerante dell’Auser riparte dall’attualità, ovvero dalla pandemia: è proprio all’emergenza sanitaria, infatti, con un approccio a 360 gradi, che l’Auser di San Bonifacio ha deciso di dedicare il primo degli otto incontri del nuovo anno formativo che si aprirà ufficialmente mercoledì 30 settembre alle 15.30, al teatro Centrale. Relatore d’eccezione del primo incontro, che servirà anche a formalizzare le iscrizioni e a scoprire tutto il programma dell’Università Auser, che si chiuderà il 21 aprile del 2021, sarà infatti Pietro Girardi, il direttore generale dell’Ulss 9 «Scaligera». Il presidente Stefano Vignola ha chiesto infatti al dirigente Girardi di inaugurare il primo degli incontri tematici che si terranno all’Università: il responsabile, nelle sue due ore a disposizione per parlare ai corsisti, spiegherà come operi l’Ulss 9 nello scenario dell’emergenza sanitaria. Nei mercoledì successivi, col trasferimento del corso nella sua sede tradizionale, ovvero nella sala «Barbarani», lo stesso tema verrà trattato illustrando l’operatività dell’Auser in tempo di Covid 19. Quindi, negli incontri successivi, si parlerà del rapporto tra Stato e Regione, nella gestione della sanità per poi passare al servizio prestato dall’Arma dei carabinieri durante l’emergenza Covid-19, nonché alle fragilità del sistema economico del Nord-Est, minacciato dalle infiltrazioni mafiose anche dopo la crisi economica post lockdown. Poi si parlerà ancora di pandemie, ma attraverso la letteratura, quella de «I promessi sposi» di Alessandro Manzoni e de «La peste» di Albert Camus. Dal 25 novembre al 20 gennaio ci sarà spazio per celebrare Dante Alighieri e lo scrittore per bambini – ma non solo – Gianni Rodari, oltre a ragionare sulle diverse dimensioni che procurano il benessere fisico, scoprire il tango di Astor Piazzolla e la figura del regista Ken Loach, nonché parlare del senso del viaggio.Il 27 gennaio, inoltre, inizierà il percorso alla scoperta dell’epoca dell’Illuminismo, con appuntamenti su vari temi, una visita guidata e tre viaggi di una intera giornata, fino ad arrivare a parlare della Cantoria veneta, il 21 aprile.
Fonte: L’Arena di Verona

Occhiobello (RO), l’Università popolare riprende in sicurezza
Dopo lo stop per il Covid 19, riparte in sicurezza l’anno accademico dell’università popolare di Occhiobello (RO). In questi giorni, invece, dopo un serrato e attento lavoro del presidente Gianni Cavalieri e dei componenti del direttivo, gli organizzatori sono riusciti a stilare un ricco programma di lezioni. Queste si terranno come di consueto all’auditorium di via Amendola a Santa Maria Maddalena, il lunedì e il giovedì dalle 15,30 alle 17. L’anno accademico dell’università popolare ‘Dante Alighieri’, promosso dall’Auser, inizierà il prossimo 5 ottobre per la prima parte di programma che terminerà il 21 dicembre. Le prime due lezioni affronteranno il tema del Coronavirus. Nel dettaglio il 5 ottobre si parlerà di vaccinazione antinfluenzale e della pandemia. Il relatore sarà il dottore Florio Ghinelli, mentre l’8 ottobre per psicologia si parlerà di resilienza al Covid, con la dottoressa Marisa Antollovich. Il 12 novembre, invece, i corsisti dell’università popolare hanno programmata una visita al palazzo Roverella di Rovigo, per la mostra ‘Marc Chagall-anche le mia Russia mi amerà’. L’università popolare, nel corso delle lezioni, tratta vari argomenti di cultura generale e organizza incontri dove intervengono esperti quali docenti universitari, primari ospedalieri, medici e storici. A Santa Maria Maddalena l’Auser e l’università popolare hanno aderito al progetto denominato ‘Taci – Teatro, Arte, Cultura, Inclusione contro la violenza sulle donne’, finanziato dalla Regione Veneto con risorse statali del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.
Fonte: Il Resto del Carlino

Bibbiano (RE), inaugurato un nuovo mezzo per il trasporto sociale
Grande festa a Bibbiano, per la consegna ad Auser di un nuovo automezzo: un Fiat Doblò monovolume, dotato di una pedana di carico per i disabili. L’acquisto è stato possibile grazie alle donazioni dell’Avis locale, del circolo Arci del Ghiardo di Bibbiano e delle numerose iniziative sportive organizzate in ricordo di Davide Errante, il 33enne bibbianese deceduto nel 2016 a causa di una malattia genetica rara degenerativa.
Il mezzo si va ad aggiungere ad un parco macchine composto da un pulmino e da una Fiat Dacia, utilizzati per trasportare i cittadini che ne fanno richiesta a visite mediche, a fare esami in ospedale, consegnare i pasti a domicilio agli anziani soli.
Fonte: Il Resto del Carlino

 
Altopascio (LU), davanti alle  scuole entrano in azione di Nonni Vigile
Ad Altopascio arrivano i nonni vigile. Sono volontari Auser, indossano le classiche pettorine catarifrangenti per essere ben riconoscibili, stanno davanti alle scuole e si occupano di far entrare e uscire in sicurezza i bambini e i ragazzi, garantendo un presidio sul territorio in stretta collaborazione con l’amministrazione comunale. Per rispondere ancora meglio alle esigenze di sicurezza dovute anche alla gestione dei protocolli anti-Covid, l’amministrazione ha come obiettivo quello di potenziare ulteriormente il progetto, sulle scuole che hanno più bisogno, la primaria di Badia Pozzeveri e la media di Altopascio. Dal 2017 il progetto dei ‘nonni vigile’ ha coinvolto tanti volontari, che sono diventati un punto di riferimento per le scuole, per i ragazzi e per i genitori stessi. Figure fondamentali che accompagnano ogni giorno gli alunni, aspettandoli all’uscita; sempre loro garantiranno attraversamenti pedonali in sicurezza e a controllare che la sosta davanti agli edifici in attesa del suono della campanella avvenga senza assembramenti.
Fonte: La Nazione

Casalecchio (BO), volontari premiati dal presidente della Regione Bonaccini
«Il Covid-19 non lo abbiamo ancora vinto. Solo il vaccino ci consentirà di sconfiggerlo. Decisiva nei mesi di quarantena la tenuta del sistema sanitario pubblico come quello dell’Emilia Romagna, che qualcuno, in campagna elettorale, voleva privatizzare». Con queste parole Stefano Bonaccini, presidente della Regione intervenuto con l’assessore alla Sanità Raffaele Donini, ha strappato l’applauso delle 200 persone che a Casalecchio si sono ritrovate nel teatro comunale Laura Betti per la Giornata di ringraziamento con quanti avevano operato durante l’emergenza. Organizzata dall’amministrazione comunale, l’iniziativa è servita a premiare con un diploma tutte le realtà sociali, economiche, sanitarie impegnate durante l’emergenza coronavirus sul territorio casalecchiese. I primi diplomi sono andati, fra gli altri, anche ai volontari Auser.
Fonte: Il Resto del Carlino

La Spezia, passeggiate in compagnia e in sicurezza
Passeggiate all’aria aperta con l’Auser di Romito Magra. Un modo per non pensare ad un momento critico che stiamo vivendo tutti, uscendo all’aria aperta e vivendo nella natura. Le gite estive organizzate dall’Auser romitese sono cominciate in Palmaria a giugno, quando hanno partecipato una ventina di persone e l’ultima sabato scorso con nove partecipanti. «I gruppi d’ora in avanti saranno sempre di una decina di persone, un po’ per sicurezza, un po’ perché in quel modo si seguono meglio le spiegazioni – spiega la presidente Luciana Piazzi – le guide sono soci Auser appassionati di camminate che si offrono in maniera del tutto volontaria e gratuita. La partecipazione alle camminate è aperta a tutti ed è un modo per conoscere meglio i bei sentieri della nostra zona, per fare attività all’aria aperta, ma anche per stare in compagnia.

Luzzara (RE), un patto per tutelare la Resistenza
È stata siglata sabato scorso una convenzione tra Comune di Luzzara (RE), Anpi e Auser per la realizzazione delle finalità della legge regionale su “Memoria del Novecento. Promozione e sostegno alle attività di valorizzazione della storia del Novecento in Emilia-Romagna”. La regione Emilia Romagna è una delle più fortemente segnate dalla decisiva esperienza storica della Resistenza al nazifascismo: di tutto ciò il territorio è ricco di testimonianze con migliaia di cippi e monumenti disseminati in gran parte dei comuni. È un patrimonio che richiede attenzione per il suo alto valore testimoniale sia in termini storici sia in termini di collegamento con i valori indicati dalla Costituzione nella sua autentica caratterizzazione antifascista. Con la convenzione siglata, l’associazione Auser, d’intesa con Anpi, si impegna ad assicurare al Comune di Luzzara il supporto operativo necessario, attraverso la presenza dei propri volontari, per collaborare al censimento dei cippi, monumenti o luoghi storici; migliorare la visibilità dei cippi e la loro fruibilità attraverso piccoli lavori di pulizia e manutenzione; allestire una cartellonistica adeguata con l’indicazione sintetica dei fatti cui i cippi o monumenti si riferiscono; promuovere iniziative per favorire la visita collettiva dei luoghi della memoria (scuole o gruppi di cittadini). «Custodire la memoria della Resistenza è un valore cardine della nostra amministrazione – commenta la sindaca neoeletta Elisabetta Sottili – perché solo non dimenticando la nostra radice antifascista possiamo costruire un futuro improntato sulla solidarietà»
Fonte: Gazzetta di Reggio

Rubiera (RE), una mostra per la memoria
E’ stata inaugurata nei giorni scorsi sotto i portici di Rubiera (RE) la mostra “Qui c’era… Qui c’è”, curata dalla sezione Auser rubierese in collaborazione con il Comune e il Gruppo Fotografi Rubiera.  “Qui c’era… Qui c’è” si propone di raccogliere testimonianze e fotografie sulle attività commerciali presenti a Rubiera tra gli anni Sessanta e Settanta del Novecento. Le foto raccolte saranno ospitate nelle vetrine dei negozi lungo i portici della via Emilia per le prossime settimane. Un modo di ricordare la Rubiera di una volta attraverso le fotografie scattate in un tempo che non c’è più. L’iniziativa fa parte del progetto “Storia Vivente”.
Fonte: Gazzetta di Reggio

Seravezza (LU), rinnovata con Auser la convenzione per il trasporto sociale
Il Comune di Seravezza ha rinnovato la convenzione con l’Auser volontariato per altri tre anni. A fronte di un rimborso annuo di 11 mila euro, l’associazione si occuperà del trasporto sociale, e la mobilità mirata, destinati alle persone fragili conosciute sul territorio, o comunque valutate dal servizio sociale comunale, nonché della mobilità generica per gli anziani, rivolta al target di utenza delle persone che presentino maggiori difficoltà negli spostamenti.
Fonte: Il Tirreno


Anziani e dintorni

Anziani, il Forum “Il Ministero si è dimenticato del Terzo settore”
 “Dispiace constatare che nessun rappresentante del vasto mondo del volontariato, dell’associazionismo e della cooperazione sociale sia stato chiamato a far parte della Commissione per la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana. Una mancanza che riteniamo molto grave – dichiara la Portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore Claudia Fiaschi – ed una scelta incomprensibile che non tiene assolutamente conto del ruolo, spesso fondamentale, svolto dal volontariato e da tutto il Terzo settore nei confronti della popolazione anziana, in attività di assistenza domiciliare e residenziale, né tantomeno della grande esperienza maturata dalle associazioni che si occupano di terza età e di invecchiamento attivo in iniziative di animazione ed integrazione sociale, azioni qualificanti di un modello nuovo e organico di assistenza sociosanitaria.”
“Questa ‘dimenticanza’ ci amareggia fortemente perché idee, proposte e contributi per una visione nuova dell’assistenza agli anziani fragili – prosegue Fiaschi – fanno parte del nostro operato da sempre. Non è accettabile che il Terzo settore venga celebrato dalle istituzioni per il contributo indispensabile apportato durante i mesi dell’emergenza sanitaria, e venga poi dimenticato nella costruzione di politiche inclusive e di integrazione.”
“Ci auguriamo – conclude la Portavoce – che il Ministero della Salute integri la commissione con rappresentanti delle più significative esperienze realizzate dal Terzo settore in questo campo.”

 
I Premi di LiberEtà
Appuntamento per l’8 ottobre a Roma e in diretta streaming per un evento dal titolo “L’uguaglianza fa la differenza“ durante il quale verranno premiati i vincitori dei tre concorsi indetti da LiberEtà insieme al sindacato dei pensionati della Cgil.
L’evento, che sarà condotto da Neri Marcorè, sarà anche un’occasione per parlare di disuguaglianze insieme ad esperti con cui rifletteremo su quali strade è possibile percorrere per ridurre i gap sempre crescenti che il Covid ha definitivamente aggravato. Disuguaglianze sociali, economiche, di accesso alle cure mediche o all’istruzione. Intervengono le docenti  Nadia Urbinati ed  Elena Granaglia, il segretario generale della Cgil Maurizio Landini e Ivan Pedretti segratario generale Spi Cgil, partendo proprio dalle opere finaliste che hanno partecipato al concorso di cortometraggi Spi Stories quest’anno proprio dedicato al tema delle disuguaglianze. 800 i cortometraggi arrivati da tutto il mondo, tre i finalisti. La proclamazione del vincitore durante l’evento. Ma anche il Premio Letterario di LiberEtà, giunto ormai alla sua ventitreesima edizione, fungerà da spunto per parlare di diseguaglianze, a partire da storie di impegno civile, sociale e politico che ogni anno arrivano numerose alla giuria del premio. Quest’anno sono più di 80 i racconti arrivati. Tre finalisti anche in questo caso. Uno il vincitore. In premio avrà la pubblicazione del suo racconto. Infine, la prima edizione del premio Guido Rossa, pensato con l’obiettivo di raccogliere storie di militanza e di impegno a cavallo tra gli Anni Sessanta e Settanta. Non c’è una rosa di finalisti ma un solo vincitore che verrà proclamato l’8 ottobre.
L’evento sarà trasmesso in diretta streaming a partire dalle ore 17.30 sul sito di LiberEtà e anche sulla sua pagina Facebook e sul canale Youtube.


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Stabilizzare il Servizio Civile universale, 127 enti scrivono al Governo
Senza una dotazione di fondi adeguati il Servizio Civile Universale andrà in crisi già nel 2021. E’ la denuncia (ma anche un appello) di 127 enti pubblici e del privato sociale, che hanno scritto una lettera aperta al Governo. Il “passaggio decisivo” per gli enti è la presentazione entro il 20 ottobre al Parlamento della Legge di Bilancio: allo stato attuale risultano stanziati dall’ultima Legge di Stabilità 99 milioni di euro per il 2021 e 104 per il 2022, cifre con cui gli avvii precipiterebbero dai 53mila del 2018 ai 18mila del 2021. “Serve una scelta politica del Governo, che superi le scelte dei Governi precedenti di contare su rincorse a fondi aggiuntivi in corso d’anno, peraltro arrivati con il contagocce e in misura comunque insufficiente. – scrivono al governo – Una dotazione di 300 milioni annui per il triennio 2021-2023 permetterebbe di attuare la Programmazione Triennale, definita con il Decreto del 4 Novembre 2019 del Ministro Spadafora, adeguandola alle mutate esigenze e situazioni dei vari territori del nostro Paese, con una ripresa di servizio anche all’estero, inclusa una valutazione su alcune parti della riforma votata dal Parlamento nel 2016”.  Nei tre anni trascorsi, ricordano gli enti, sono state più di 188 mila le domande non accolte per assenza di posti di impiego. Dare un adeguata stabilità economica al Servizio civile universale “sosterrebbe le organizzazioni di Terzo Settore e gli enti pubblici nella realizzazione delle loro attività verso i cittadini”. Ma soprattutto sarebbe un generatore di persone formate all’impegno e alla partecipazione in una fase in cui il tessuto sociale è sempre più lacerato”.
Fonte: Redattore Sociale

 
XVIII Giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche
Giovedì 1 ottobre alle ore 11.00 presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri si terrà la conferenza stampa di presentazione della diciottesima edizione della “Giornata Nazionale per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche – FIABADAY” che si svolgerà in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri.  Durante la conferenza verrà presentato ufficialmente il programma del FIABADAY 2020 il cui evento clou si terrà domenica 4 ottobre dalle ore 10.00 in piazza Colonna (Roma). Nel corso della conferenza stampa sarà anche presentata la campagna di sensibilizzazione che quest’anno ha come titolo “Per me il lockdown non è finito” per sottolineare come per molte persone con disabilità e ridotta mobilità con la fine del lockdown non ci sia stato alcun ritorno alla normalità, poiché la loro “normalità” è quella di rimanere confinate in casa. E tutto ciò a causa di barriere architettoniche domestiche e condominiali che spesso potrebbero essere facilmente abbattute. Hanno confermato la loro partecipazione:  il Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri Roberto Chieppa; la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti; il Consigliere del Presidente del Consiglio dei Ministri in tema di disabilità Giuseppe Recinto; il Presidente di FIABA Onlus Giuseppe Trieste.
Per info: Ufficio stampa Paola Scarsi 347 3802307 –  06 43400800 | 329 7051608 ufficiostampa@fiaba.org

Terzo Rapporto “Noi doniamo”
In occasione del #DonoDay2020  si terrà la presentazione del Rapporto annuale sul dono dell’Osservatorio IID, giunto alla sua 3^ edizione, con un focus sulle donazioni durante e post emergenza Covid19. L’evento si terrà online il 2 ottobre 2020 alle ore 11 in diretta Facebook e YouTube. Durante l’evento verranno presentati i dati della XVIII indagine IID sull’andamento delle raccolte fondi degli enti non profit in Italia e del terzo Rapporto sul dono in Italia, frutto del lavoro dell’Osservatorio sul dono nato in occasione del Giorno del Dono 2018 con l’obiettivo di condividere analisi e tendenze tra mezzi di informazione, imprese, opinione pubblica e terzo settore. Sotto la lente le tre dimensioni del dono: di denaro, di tempo e biologica.
Per info: www.istitutoitalianodonazione.it


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

 

 

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *