Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 37 – 4 novembre 2020

Scritto da
4 Novembre 2020

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 37 – mercoledì 4 novembre 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


 

 

 

 

 

Auserinforma

Le proposte Auser per un nuovo modello di RSA. Il presidente Costa in audizione alla Commissione tecnica del Ministero della Salute
Il presidente nazionale Auser Enzo Costa è stato  audito il 3 novembre,  presso la Commissione tecnica “per la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana” istituita dal Ministero della Salute e presieduta da monsignor Paglia.
L’epidemia del Covid 19 ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica la realtà della RSA, per la concentrazione di contagi e decessi provocati dal virus, aprendo un dibattito su come devono essere organizzate ma sopratutto su che cosa deve essere una RSA.
“Il problema va inquadrato in una più generale riforma del rapporto oggi esistente tra assistenza sanitaria e sociale – ha detto Costa – a favore di un coerente e integrato Sistema Sociosanitario Nazionale.  La scelta di fondo di Auser è quella di rendere esigibile il diritto di ogni anziano di invecchiare a casa propria. Ne deriva che l’assistenza sociosanitaria degli anziani non autosufficienti vada inserita nel più generale problema  dell’organizzazione dell’assistenza domiciliare e di condizione abitativa degli anziani. Malgrado i limiti evidenti Auser ritiene che le RSA siano un servizio importante per   persone che non potrebbero essere assistiti a domicilio e ritiene che la riforma delle RSA debba tener conto di  una serie di importanti indirizzi che abbiamo presentato alla Commissione.”
La scheda con tutte le proposte sul sito www.auser.it

Enzo Costa presidente Auser: “Non carichiamo sugli anziani responsabilità  che non hanno
«Il tweet di Giovanni Toti che descrive gli anziani come “non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese” lo trovo disgustoso», dichiara Enzo  Costa, presidente di Auser in una intervista a Vita.  «Dire ad una persona anziana che vive da sola “non uscire più di casa” non significa tutelarlo, ma isolarlo. Serve un piano straordinario di interventi a favore delle persone anziane, non basta incentivare bonus vacanze, monopattini e biciclette»
«Il tweet di Giovanni Toti», spiega Costa «l’ho trovato fuori luogo e disgustoso. Ancora una volta nei momenti di confusione come quello che stiamo vivendo si va alla ricerca dell’anello debole della catena, in questo caso gli anziani, e si cerca di caricare su di loro responsabilità che non hanno. E in ogni caso è bene chiarire che le persone vanno rispettate a tutte le età: i bambini, chi studia, chi lavora e chi ha finito di lavorare».  «Sono anni», continua Costa, «che parliamo di una popolazione che invecchia. Qualche dato: il 27% della popolazione italiana è over 65, tra qualche anno la percentuale salirà al 30%. Per loro non è stato fatto niente in questi anni. Eppure per tutte le persone fragili bisognerebbe fare progetti e mettere in campo tutele. Avviene per chi perde il lavoro, per i bambini, e allora perché per gli anziani no? Davvero non capisco perché l’anziano nella mente di qualcuno dovrebbe isolarsi, essere abbandonato a se stesso». In Italia il 30% degli ultra ottantenni vive da solo. «Ecco», aggiunge Costa, «dire ad una persona anziana che vive da sola “non uscire più di casa” non significa tutelarlo, ma lasciarlo solo.  Dobbiamo sicuramente raccomandare agli anziani prudenza anche alla luce del fatto che il numero dei contagi cresce a dismisura. Gli anziani sono persone più fragili e a loro, come a tutti del resto, è consigliato di uscire solo in caso di necessità. Questo è un consiglio di buon senso». Anche solo pensare di poter isolare gli anziani mi pare una follia – prosegue Costa –  loro hanno bisogno invece di servizi e solo se siamo in grado di fornirglieli possono limitare le uscite, ma comunque non annullarle». «L’emergenza Coronavirus ha messo a nudo la nostra scarsa preparazione sanitaria e l’inefficienza dei servizi alla persona. Dobbiamo ripensare ad un modello inclusivo che tenga conto delle esigenze di tutte le persone, solo così possiamo ottenere risultati concreti. Non basta incentivare bonus vacanze, monopattini e biciclette, cose futili anche se utili. Dobbiamo concentrarci su servizi che migliorino la qualità della vita, anche degli anziani».
Fonte: Vita.it

 
“Auser non si ferma”: sul sito www.auser.it il racconto delle attività sul territorio
E’ online al link www.auser.it/auser-non-si-ferma la sezione dedicata alle attività sui territori che Auser continua a svolgere nonostante le restrizioni per contenere l’epidemia di Coronavirus, grazie allo straordinario impegno dei volontari.
La pagina, in continuo aggiornamento, vuole raccontare la capacità di risposta  e di resilienza dell’Associazione in questa difficile fase, attraverso la voce dei volontari, le loro storie, il loro impegno a favore degli anziani soli e per la comunità.
Tutte le iniziative possono essere segnalate all’indirizzo email ufficiostampa@auser.it
 
 
Shubh, il progetto di Inca, Arci Auser  e Sunia per l’assistenza e l’accoglienza dei migranti richiedenti asilo
Ai nastri di partenza il progetto Shubh finalizzato all’assistenza e accoglienza di migranti richiedenti asilo. E’ promosso da Inca Nazionale attraverso il finanziamento del programma europeo FAMI. Fra i partner Auser, Arci e Sunia.
Le attività saranno realizzate presso le strutture  individuate e adibite da Inca e Arci a “Integra Corner”.
Ad Auser sono affidate due aree d’azione: la formazione linguistica e l’ accompagnamento all’emersione delle competenze acquisite. In ognuna delle 21 provincie distribuite in 7 regioni (Basilicata, Campania, Lazio, Marche, Puglia, Sicilia e Veneto) in cui è prevista la realizzazione del progetto spetterà ad Auser l’individuazione degli operatori competenti nelle due aree sopra indicate. Grazie alla rete di Auser Cultura in quasi tutti i territori coinvolti nel progetto, si sono sviluppate competenze specifiche che ora saranno valorizzate per la realizzazione del progetto.
Auser Nazionale coordinerà le attività territoriali e programmerà percorsi formativi a distanza rivolti agli operatori Auser.

La Spezia, assegnata ad Auser la gestione del centro sociale “Anna Maria Mascardo”
È stata assegnata dal Comune di Levanto all’“Auser Territoriale La Spezia APS” la gestione del centro sociale anziani “Anna Maria Mascardo”. L’associazione di volontariato spezzina ha ottenuto il servizio partecipando al bando (manifestazione pubblica di interesse) emesso dall’ente rivierasco nello scorso mese di settembre e chiusosi il 9 ottobre. La gestione durerà tre anni e partirà dal giorno della stipula della convenzione tra le parti: un atto che sarà sottoscritto quando lo consentiranno le norme previste dai decreti ministeriali che disciplinano i comportamenti necessari a contenere l’emergenza epidemiologica da Covid, e che attualmente impongono la chiusura dei centri sociali e ricreativi. “Il centro – spiega il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali, Olvia Canzio – è un punto di riferimento di grande importanza per le persone anziane, che nei locali posti al piano terra del palazzo comunale trovano ogni giorno la possibilità di trascorrere momenti di convivialità condividendo esperienze e attività ludiche e partecipando ad iniziative culturali e informative organizzate dallo stesso Comune o dalle associazioni locali e rivolte prettamente alla terza età. Purtroppo il ritorno all’emergenza ci ha costretto ad una nuova chiusura, ma quando i vincoli torneranno ad allentarsi e sarà possibile riprendere le attività”.
Fonte: La Nazione

113 pacchi al giorno per il Buon Samaritano di Auser Cecina (LI)
C’è chi ha perso il lavoro durante il precedente lockdown e chi, con contratto stagionale, fa fatica ad arrivare a fine mese una volta conclusa la stagione estiva. C’è chi è in difficoltà da anni, stretto nella tenaglia di una vita troppo spesso vissuta ai margini e chi si è riscoperto povero quasi all’improvviso. Che il numero di chi chiede aiuto sia in crescita è chiaro a tutti coloro che di mestiere aiutano gli altri: a chi prepara pasti caldi per i bisognosi e a chi consegna pacchi alimentari. E il timore è che quello in arrivo sia un inverno lungo. Perché «sono sempre di più coloro che bussano alla nostra porta per chiedere un pasto», dice il presidente dell’Auser di Cecina e Riparbella, Massimo Simoncini. Ma chi cerca aiuto? «Sono soprattutto famiglie italiane», dice Simoncini.
Il progetto dell’Auser si chiama Buon Samaritano. «L’anno scorso facevamo 80 pacchi al giorno, quest’anno 113. E sono sempre di più coloro che chiedono un pasto». Molti di coloro che si sono ritrovati a dover chiedere aiuto sono «persone che hanno un lavoro stagionale o che, in questo particolare momento storico, non possono lavorare. E c’è da considerare il lavoro nero, che pure esiste. Con un pacco si sfamano 12 persone». Insomma, col coronavirus l’ombra della necessità è diventata più lunga. E di fronte c’è un inverno. Ma chi tende la mano a chi ha bisogno, per lo meno, contribuisce a rendere l’inverno meno freddo.
Fonte: Il Tirreno

Montelupo Fiorentino (FI), l’olio dell’Auser per la solidarietà
Sono oltre 100 gli olivi che si trovano nei terreni di proprietà del comune di Montelupo Fiorentino. Da tanti anni l’amministrazione comunale in collaborazione con l’Auser ha avviato un progetto che vede il coinvolgimento dei volontari dell’associazione per la raccolta delle olive. Le olive vengono raccolte negli alberi del parco dell’Ambrogiana, dell’Orto dei Frati, del centro cittadino, di Sammontana e Pulica. Quindi vengono frante grazie alla disponibilità dell’azienda San Vito. Sono oltre 5 anni che l’associazione Auser ha avviato il progetto in collaborazione con l’amministrazione comunale. Parte del raccolto va alla mensa comunale, parte (più o meno il ricavato di 15 litri) a sostegno della Caritas e i restanti vengono investiti ogni anno in progetti di solidarietà. Il massimo dei ricavi è stato nel 2018, grazie alla vendita dell’olio furono donati 1300 euro all’associazione Libera; nel 2019 gli oltre 800 euro ricavati dalla vendita sono stati destinati alla nuova sede dell’associazione e a sostegno dei progetti culturali gratuiti.
Per info: contattare il numero dell’Auser  0571/51161.
Fonte: Comune di Montelupo Fiorentino – Ufficio stampa

Cittadella (PD): una nuova auto per il trasporto sociale, donato dalla generosità di 40 aziende
Grazie al contributo di una quarantina di aziende del territorio, l’Auser ha ricevuto in donazione un Fiat Doblò  dotato di pedana elettrica per il trasporto di persone in carrozzina. Si può così incrementare il servizio di trasporto sociale gratuito  svolto dai volontari, fino ad ora svolta con cinque auto private, e rivolto a persone fragili che hanno necessità di spostarsi per andare  dal medico, a fare la spesa, a scuola,  al cimitero o altre necessità non sanitarie. La cerimonia di consegna è avvenuta alla presenza del presidente Auser Antonio Lago, delle autorità cittadini, dei  volontari e di una rappresentanza degli imprenditori  che hanno ricevuto un attestato di ringraziamento per la generosità dimostrata.
Auser Cittadella conta 550 iscritti di questi 80 sono volontari, svolge attività di volontariato e culturali con l’Università Popolare.
Per info: auser.veneto.it – 346 6305959
Fonte: il Gazzettino

 
Boretto (RE), un nuovo spazio per la lettura

È stato inaugurato alla Bottega del tempo libero il nuovo spazio lettura/emeroteca, un servizio promosso dal Comune, dalla stessa Bottega del tempo libero e dall’Auser Boretto per arricchire l’offerta culturale e aggregativa del paese e per offrire ai cittadini nuove occasioni di incontro e di relazioni positive. L’occasione ha visto il taglio del nastro da parte del sindaco Matteo Benassi e del presidente della Bottega del tempo libero, Attilio Benassi. «Vogliamo riappropriarci della socialità, pur nel rispetto delle regole – ha affermato il primo cittadino – per essere pronti quando, presto o tardi, finirà l’emergenza. Fare cultura è sempre una sfida, ma le sfide bisogna saperle cogliere perché quando si crede in un progetto i risultati arrivano. Fondamentale l’aspetto relazionale: sarà quindi centrale il ruolo dei volontari che animeranno e ascolteranno, cercando di cogliere le preferenze degli utenti per rendere dinamico e appetibile il servizio offerto». «In un tempo in cui si legge sempre meno – ha aggiunto Attilio Benassi : inaugurare un’emeroteca rappresenta una sfida». Lo spazio sarà attivo tutti i giorni dal martedì alla domenica dalle ore 10.
Fonte: Gazzetta di Reggio

Gambolò (PV), il sindaco premia i volontari
L’amministrazione comunale ha voluto premiare domenica scorsa in piazza, in occasione della festa di san Getulio le persone e le associazioni che si sono distinte durante l’emergenza Covid. I riconoscimenti sono stati dati ad Arcangelo Finotto, per l’associazione Auser, alla Croce Rossa e alla protezione civile. Hanno ottenuto dei riconoscimenti anche  i due  osservatori civici. Premio a Monica Bergamini per aver creato e donato oltre un migliaio di mascherina, alla panetteria di Isa Zerbi che dona il pane avanzato.Un riconoscimento è andato anche alla chiesa evangelica, che porta un pacco alimentare consistente alla parrocchia e ogni mese fa un bonifico per aiuti vari. Infine un riconoscimento è andato al comandante della polizia locale.
Fonte: La Provincia Pavese

 
Piacenza, da nonni vigile a sentinelle anti-Covid
Da ausiliari delle scuole a “vigilini” anti-Covid. Nelle ultime settimane, il ruolo degli operatori delle Auser fuori dagli istituti di Piacenza si è trasformato: oltre a bloccare le auto e ad aiutare i bambini ad attraversare la strada, adesso i pensionati volontari rimproverano chi non indossa la mascherina e invitano a rispettare le regole per prevenire il contagio. Dopo le lezioni, infatti, alcuni studenti si fermano sul marciapiede a chiacchierare in piccoli gruppi: i volontari fanno il possibile per evitare che ci siano degli assembramenti.
Fonte: Libertà
 

Osasio (TO), inaugurata la nuova auto per il trasporto sociale
L’Auser di Osasio ha una nuova auto per i servizi di accompagnamento degli anziani fragili. La vecchia Panda del 2008, è stato sostituita da una Dacia Sandera acquistata grazie alla generosità di tanti cittadini e imprese di Osasio e dintorni.
Più spaziosa e confortevole la nuova auto permetterà di migliorare i servizi di trasporto sociale dell’Auser. L’Associazione di Osasio, affiliata a quella di Carmagnola, è attiva dal 2008 con l’obiettivo di trasportare le persone che ne hanno necessità, in particolare per effettuare visite e terapie in ospedali e strutture mediche. Attualmente il gruppo è composto da circa venti volontari che operano in ufficio e sono autisti o accompagnatori. La Panda, acquistata al momento della fondazione, ha percorso circa 90 mila chilometri effettuando oltre duemila accompagnamenti.
Per ringraziare, l’Auser di Osasio ha diffuso un volantino nei negozi e nelle bacheche di Osasio: “Per noi è stato un importante riconoscimento, che ci gratifica del lavoro svolto in questi anni e ci sprona a un ulteriore impegno per soddisfare al meglio le esigenze di tutti”.
Fonte: ilcarmagnolese.it

 
Gallarate (VA), kit anti-covid per gli autisti del trasporto sociale
Trenta. Questo è il numero di kit che le volontarie di Auser Gallarate (VA) hanno preparato per tutti gli autisti e accompagnatori impegnati per garantire i servizi forniti a Gallarate ma anche nei comuni limitrofi. In ogni zainetto mascherine chirurgiche e Ffp2, gel igienizzante, visiera trasparente e un camice. Una dotazione che aiuta non solo i volontari ma anche gli adulti e minori che grazie al servizio di trasporto possono continuare a frequentare i centri socio-educativi e proseguire le terapie di cura e riabilitazione. In via del Popolo restano attivi il servizio di dopo-scuola delle Majno e il corso di italiano per stranieri Cpia.
Fonte: La Prealpina

Castelnuovo Monti (RE), proseguono online le attività culturali de  “La Lanterna di Diogene”
Proseguono online le attività de “La lanterna di Diogene”, l’università del sapere permanente Auser promossa per il territorio appenninico. Le lezioni, in origine pensate per essere fruite in presenza a Castelnovo Monti, continueranno in formato digitale, con incontri trasmessi sulle pagine Facebook delle realtà promotrici, per continuare a fornire approfondimenti su storia, filosofia, medicina, storia dell’arte e comunicazione. Per informazioni, chiamare il 347/ 8974780.
Fonte: Gazzetta di Reggio

 
Empoli (FI), nessuno verrà lasciato indietro
La consegna della spesa a domicilio rientra nei servizi gratuiti di protezione civile coordinati dal Comune ed è effettuato dai tre gruppi scout Agesci di Empoli, dall’Auser Filo d’argento, dalle Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli, dalla Misericordia e dalla Croce Rossa Italiana. Si rivolge alle persone anziane sopra i 65 anni, a individui in quarantena o in isolamento da Covid 19 che non sono supportati da una persona che li possa assistere. Gli utenti possono contattare, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12.30 il numero di cellulare 366 93 82 534. Inoltre le Farmacie c omunali di Empoli proseguono col servizio di consegna farmaci a domicilio, si tratta di un servizio gratuito si rivolge alle persone anziane, sopra i 65 anni o considerate «utenze fragili».
Fonte: La Nazione

Pontedera (PI), numero telefonico dedicato per gli anziani soli
Il Comune di Pontedera ha attivato in collaborazione con Auser il numero telefonico 0587 091339 destinato agli anziani soli e fragili, alle persone con disabilità o con difficoltà a muoversi. Si può richiedere di essere accompagnati a visite urgenti, la consegna della spesa e dei farmaci a casa. Questa linea telefonica sarà attiva tutti i giorni dalle 9 alle 12.30 (dal lunedì al venerdì).
Fonte:  La Nazione

Il Centro Veneto Progetti Donna – Auser  nomina la nuova Presidente.
Mariangela Zanni succede a Patrizia Zantedeschi
L’assemblea annuale del Centro Veneto Progetti Donna, tenutasi online il 29 ottobre 2020, ha proclamato Mariangela Zanni presidente dell’Associazione per i prossimi tre anni. Dopo i 10 anni di esperienza maturati nell’Associazione alla guida dell’ufficio comunicazione e progettazione, Mariangela Zanni prende il testimone passato da Patrizia Zantedeschi, figura storica e riconosciuta del Centro antiviolenza.
Zanni ha raccolto la sfida e si propone di guidare il Centro per i prossimi tre anni in continuità con la giuda precedente: “Le priorità che mi sono posta mirano al rafforzamento della presenza politica del Centro nel territorio, vorrei lavorare per creare un dialogo più fluido con l’ambito della giustizia per restituire alle donne che seguiamo un sempre maggiore riconoscimento dei loro diritti. Mi piacerebbe potenziare l’ambito della comunicazione interna alle socie per migliorare il senso di appartenenza all’Associazione. Un terzo punto riguarda il consolidamento e il mantenimento dei rapporti politici esistenti con le Istituzioni e le realtà del territorio con cui collaboriamo. Infine vorrei valorizzare il grande lavoro di approfondimento e divulgazione delle competenze e delle conoscenze che in questi anni abbiamo iniziato a fare attraverso un rapporto più solido e formale con l’Università.” conclude.
Per info: Centro Veneto Progetti Donna- Auser    049 8721277 www.centrodonnapadova.it

Novara, kit scolastici in dono ai giovani studenti
Auser Novara ha preso parte alla rete solidale coordinata da ANPI che coinvolge diverse associazioni sul territorio, tra cui Cgil e Spi.
Sono diverse le famiglie che non riescono ad acquistare il materiale scolastico necessario, e purtroppo la pandemia ha maggiormente acuito i disagi e le difficoltà. Dal desiderio di aiutare queste famiglie è nata l’iniziativa “A scuola con tutti e con tutto” rivolta ai bambini delle primarie e ai ragazzi delle secondarie di primo grado di Novara.
Su indicazione dei Consigli di classe di ciascun Istituto Comprensivo della città, la rete solidale coordinata da ANPI. ha fornito agli Istituti del territorio numerosi kit per ogni plesso, contenenti gli indispensabili articoli di cancelleria richiesti dal corpo docenti per svolgere le attività didattiche: una fornitura di materiale di consumo come quaderni, penne, matite, gomme, colori, fogli, compassi, squadrette, per un totale di più di 2000 pezzi, cui si sono aggiunte 2500 penne in MATER-BI donate da Novamont.
Gli insegnanti hanno segnalato gli studenti con reali problemi economici e i Dirigenti, accogliendo e verificando le richieste, le hanno comunicate ad ANPI.
Fonte: buongiornonovara.com

Paullo (LO), due pompe per l’acqua partono per l’Africa grazie ad Auser
Grazie all’ Auser e alla generosità di un’importante società, nei giorni scorsi sono state spedite due pompe sommerse che garantiranno il funzionamento della rete idrica nella missione di Matiri, in Kenya. Artefice di questa iniziativa è stato il paullese Giuseppe Cella, 64 anni, che dal 2018 trascorre ogni anno due mesi nelle province keniote per aiutare le popolazioni locali. «Quest’anno, pur avendone il desiderio, non sono potuto partire per ovvie ragioni – racconta Cella -. Di conseguenza, ho cercato di proseguire nel lavoro che in questi anni avevo fatto a Matiri». Da pensionato, responsabile nel campo della manutenzione per grandi aziende, ha messo a frutto la sua esperienza come tuttofare. «Laggiù c’è bisogno un po’ di tutto, dalle competenze elettriche a quelle idrauliche», sorride Cella. Ed è proprio l’acqua l’oro blu per le popolazioni locali, che per approvvigionarsene utilizzano un impianto di sollevamento che sfrutta i flutti di un fiume che corre lungo il villaggio. «Funziona con pompe datate, che hanno bisogno di manutenzione, quindi era necessario avere il ricambio per sostituirle – illustra Cella -. Mi sono impegnato a recuperarle e finalmente sono riuscito a ottenere due pompe sommerse per l’impianto di sollevamento dell’acqua. Sono usate ma perfettamente funzionanti». Sono apparecchiature molto costose, del valore di 7-8mila euro, a cui va aggiunto il costo della spedizione, anche in questo caso molto alto, pari a 1.400 euro. «Non avrei potuto sostenerlo da solo – spiega Cella -. Ho chiesto il supporto di Auser che si è fatta carico della spesa per la spedizione aerea, dall’Italia a Nairobi, per lo sdoganamento e la consegna successiva al villaggio».
Fonte: Il Cittadino

Mascherine in Tnt nate dal lavoro manuale di Rosetta Femia, presidente del Circolo Auser di Focà di Caulonia (RC)
Rosetta Femia vive a Focà una frazione di Caulonia ed è la presidente del locali circolo Auser ha realizzato una grande quantità di mascherine in TNT per poi distribuirle gratuitamente alle persone più in difficoltà e agli ospiti di alcune case di riposo della zona.  “E’ nato tutto da una donazione  di un amico commerciante di un paese vicino che mi ha permesso di acquistare più rotoli di questo prezioso materiale e dal recupero di materiale riciclato come le buste  della spesa in Tnt e le traversine da letto”, racconta Rosetta. “Mi sono resa utile agli altri, da casa mia, e ne sono felice”.
Bovalino (RC). Gli angeli del Banco Alimentare
Correttezza e puntualità sono il loro punto di forza. Arrivano al centro sociale molto prima dell’orario di distribuzione, aprono i pacchi, smistano e ripartiscono gli alimenti. Fanno squadra e si dedicano seriamente all’attività nonostante i personali impegni lavorativi e famigliari. Distribuisco beni di prima necessità con gentilezza e incoraggiamento perché le persone bisognose possano ancora sorridere alla vita nonostante i problemi e le incertezze.

Copparo (FE), Auser dona due televisori ai pazienti della Casa della Salute
Due televisori per i pazienti dell’OsCo della Casa della Salute di Copparo sono stati donati dall’Auser Copparo per migliorare il comfort e rendere meno difficile la permanenza in struttura. I due Samsung LCD50 sono stati consegnati da Salvatore Pece e Catia Zucchini al responsabile della Casa della Salute che   hanno voluto ringraziare a nome di tutto il personale, per l’impegno e per l’attenzione dimostrata ai pazienti ricoverati in un reparto di degenza territoriale in cui in media possono rimanere anche per circa 20 giorni.Auser di Copparo oltre a curare l’accompagnamento scolastico dei minori, grazie alla convenzione con Ausl Ferrara, si occupa, a partire dall’ufficio dedicato, del servizio di portineria e filtro Covid-19 all’ingresso della struttura sanitaria e degli ambulatori. Infine raccoglie le richieste dei cittadini che desiderano essere accompagnati alle strutture sanitarie di tutta la provincia.
Fonte: La Nuova Ferrrara


Anziani e dintorni

Covid, l’appello del presidente della Confederazione Parkinson Italia
Giangi Milesi ha pubblicato un post su Linkedin sugli effetti che il Covid sta avendo sui malati di Parkinson.
“Il Covid colpisce le persone con Parkinson isolandole e peggiorandone la qualità della vita; colpendole proprio nei sintomi non motori dove già si registrano le maggiori complicanze; smantellandone le relazioni sociali. Se la chiusura delle sedi comporta la sospensione delle molteplici iniziative nei territori e con esse dell’enorme tessuto di relazioni sociali che tengono le persone con Parkinson lontane dall’isolamento, le associazioni vanno sostenute nel loro lavoro e nella creazione di strumenti alternativi di incontro, come le piattaforme web.  Nello scombussolamento del sistema sanitario per il Covid abbiamo compiuto sperimentazioni e realizzato esperienze risultate efficaci, utilissime al sistema sanitario pubblico in fase di ripensamento. Dobbiamo saper cogliere l’occasione per estenderle, farle riconoscere e disciplinarle. “
“Come il Parkinson irrompe nelle vite delle persone e dei loro familiari, così il Covid ha creato un grande strappo nella nostra società. Se nulla sarà più come prima, non possiamo mandare avanti le nostre associazioni “come prima”. Dobbiamo rompere gli schemi, uscire dal tran tran. “Pensare l’impensabile”, come raccomandano i futurologi e come abbiamo fatto ideando la campagna NonChiamatemiMorbo.”
Si può leggere la nota completa a questo link


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Gianfranco Pagliarulo è il nuovo Presidente nazionale ANPI
Il Comitato nazionale ANPI  ha eletto Gianfranco Pagliarulo Presidente nazionale ANPI. Succede a Carla Nespolo che ha guidato l’Associazione dal 3 novembre 2017 fino al giorno della sua scomparsa avvenuta il 5 ottobre scorso. Nato a Bari, classe 1949, giornalista, Gianfranco Pagliarulo ha lavorato negli anni 70 alla federazione milanese del PCI, nel decennio successivo alla Fiom di Milano alla direzione del periodico Il metallurgico, negli anni 90 alla Società di mutuo soccorso dei ferrovieri come direttore dell’house organ Il Treno. Successivamente ha diretto il settimanale La Rinascita della sinistra. Senatore della Repubblica nella XIV legislatura (2001-2006), dal 2015 è direttore responsabile di www.patriaindipendente.it, periodico dell’ANPI, e dal 2017 vicepresidente nazionale dell’Associazione.
Fonte: anpi.it


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *