Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 38 – 11 novembre 2020

Scritto da
11 Novembre 2020

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 38 – mercoledì 11 novembre 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


 

 

 

 


Auserinforma

Bolzano: la Provincia taglia i contributi alle associazioni di volontariato. Scatta la protesta
Sorpresa e disappunto da parte delle associazioni di volontariato altoatesine Auser/Vssh, Anteas/Agas e Ada/Vrs che, con una burocratica comunicazione dell’Ufficio Anziani e distretti sociali della Provincia di Bolzano, in questi giorni si sono viste decurtare i contributi per la gestione ordinaria delle associazioni nella pesantissima misura compresa fra il 15 e il 20% di quanto previsto dalle norme in vigore. Il tutto con la fantasiosa motivazione che l’attività sarebbe stata sospesa per settimane a seguito dei provvedimenti anti-Covid.
“Le nostre associazioni non si sono mai fermate – dichiarano le associazioni in una nota – nemmeno nei mesi del più stretto lockdown di primavera, ma hanno continuato a svolgere generosamente la loro attività di trasporto solidale, consegna a domicilio di spesa e farmaci e di contatto/compagnia telefonica in favore di centinaia di anziani; tutte le nostre  associazioni hanno dovuto sostenere pesanti costi aggiuntivi legati in particolare alla sanificazion delle sedi e delle auto usate per i trasporti solidali,  e per fornire i volontari di tutti i dispositivi di protezione. In più un grande sforzo organizzativo per proporre prima e disdire poi le tante attività di promozione sociale”. “E’ ingiusta e penalizzante – prosegue la nota –  la decisione provinciale di tagliare i previsti contributi, peraltro già messi a bilancio preventivo, asserendo che la pandemia avrebbe fermato a lungo l’attività associativa: un falso sotto ogni profilo come le centinaia di utenti possono testimoniare”.
Alla denuncia pubblica delle associazioni fa seguito l’appello all’assessora competente Waltraud Deeg ed al presidente Arno Kompatscher, oltre che alla giunta provinciale tutta, affinché venga cancellato subito questo provvedimento iniquo e ingiustificato che danneggia le associazioni di volontariato, ma soprattutto mette in discussione il prezioso servizio che viene da esse messo in campo in favore della fascia più fragile della nostra comunità qual è quella degli anziani. Le associazioni hanno anche  richiesto  alla Giunta un incontro urgente.
 
 
Bonus 110%:  proposte concrete per  migliorarne l’efficacia
Il 12 novembre convegno online promosso da Fillea, Spi Cgil, Auser, Abitare e Anziani, Legambiente, Nuove Ri-generazioni
Una proposta per il benessere dentro e fuori la casa: il 12 novembre alle ore 15:00 si terrà un Convegno in diretta streaming promosso da sei sigle fra sindacati e associazioni (Fillea, Spi Cgil, Auser, AeA, Legambiente Nuove Ri-Generazioni) che hanno messo a punto una serie di proposte concrete  per migliorare l’efficacia del “Bonus   110%” destinato agli interventi di risparmio energetico, messa in sicurezza antisismica, riqualificazione del patrimonio privato e dell’edilizia residenziale pubblica.
Il programma prevede un introduzione di Gaetano Sateriale, che presenterà la proposta elaborata da Fillea, Spi, Legambiente, Nuove Ri-Generazioni, Auser, Abitare e Anziani. A seguire, coordinati da Mina Cilloni,  prenderanno la parola Riccardo Fraccaro, Chiara Braga, Enzo Costa, Marco Di Luccio, Alessandro Genovesi, Rossella Muroni, Edoardo Zanchini, Ivan Pedretti.
Collegamento per la diretta streaming a partire dalle ore 15:00 sui canali social Fillea ( Facebook e Youtube) Spi (Facebook) e su Collettiva.it.

“Il terzo settore: la sfida della Riforma alla luce della società che cambia”
 Co-programmazione e co-progettazione: queste le due parole chiave per lo sviluppo del rapporto tra la pubblica amministrazione e il terzo settore, tema centrale del webinar “Il terzo settore: la sfida della riforma alla luce della società che cambia”, organizzato da Auser Lombardia per analizzare la situazione attuale (segnata anche dall’emergenza del Covid-19) e per celebrare l’assegnazione a Sara Barzaghi del primo premio di laurea in memoria di Sergio Veneziani (già presidente di Auser Lombardia) scomparso improvvisamente,  nell’agosto del 2019, presidente che portò alla crescita esponenziale dell’associazione sul territorio lombardo.
È stata presentata anche la prossima edizione del premio: il bando e la relativa domanda di candidatura, da inviare entro il 15 maggio 2021, saranno pubblicati sul sito www.auser.lombardia.it e pubblicizzati nel circuito universitario lombardo.
 Sempre sul sito di Auser Lombardia è possibile leggere l’intera tesi di Sara Barzaghi, che sviluppa una raffinata interpretazione giuridica dei concetti di co-programmazione e co-progettazione, e la biografia di Sergio Veneziani (dalla prima Marcia della Pace all’appassionata attività sindacale fino all’arrivo in Auser, dalle giornate di team building – prima che fosse coniata tale definizione – al volontariato settimanale in Caritas unito alla dirigenza in Auser: era un uomo mai sazio di umanità) realizzata da Luca Finazzi.
Per informazioni: Sara Bordoni (Auser Lombardia)
331/6211714 – sara.bordoni@auser.lombardia.it

Reggio Emilia, nel 2019 assistite oltre 80 mila persone
Nella provincia di Reggio Emilia Auser ha percorso nel 2019 quasi un milione e mezzo di chilometri per assistere più di 81mila persone attraverso 340mila ore di volontariato. Sono i dati del bilancio dell’associazione, presentato nei giorni scorsi:un’attività fitta di convenzioni con quasi tutti i comuni della provincia al punto che i volontari sono presenti sul 97% del territorio reggiano. “Siamo aumentati come iscritti, 5.900, e come servizi, un milione e trecentomila chilometri di accompagnamenti – spiega Sandro Morandi, presidente nel 2019 – Abbiamo fatto 340mila ore di volontariato”.
Il 2020 ha ulteriormente implementato l’impegno degli iscritti : in particolare durante il lockdown primaverile, Auser, con la nuova presidente Vera Romiti, ha portato la spesa nelle case di molte persone sole impossibilitate ad uscire, ha tenuto vivo il rapporto con chi semplicemente aveva voglia di fare due chiacchiere attraverso il telefono amico e ha organizzato la raccolta di indumenti e cibo per chi era in particolari bisogni. Il bilancio del 2020 che verrà presentato l’anno prossimo avrà probabilmente numeri ulteriormente ritoccati verso l’alto.
Fonte: reggioonline.com

Empoli (FI), sedi aperte e sostegno alle persone: Auser non si ferma
«Tutte le sedi di Auser territoriale Empolese Valdelsa sono aperte, i nostri volontari stanno garantendo i servizi di sostegno alle persone in difficoltà o in stato di solitudine». Insomma, l’associazione guidata dalla presidentessa Daniela Tinghi è in prima linea nell’aiutare chi vive in situazioni di disagio legate al Covid o meno con servizi come «la consegna della spesa, dei medicinali e dei pasti a domicilio, l’accompagnamento protetto, il supporto telefonico molto importante e tutte le attività di volontariato civico, vedi monitoraggio all’entrata delle scuole, la cura dei giardini e i servizi di sorveglianza attiva con i ‘nonni vigili’». Un impegno importante e costante, al quale si affiancano le attività di promozione sociale e culturale. Quelle concesse, al momento: le attività sono infatti sospese, «salvo in alcune sedi che vengono realizzate in remoto». Già a marzo e aprile scorso, continua la presidentessa Tinghi, «abbiamo dimostrato e garantito con i nostri volontari più giovani, numerosi servizi importanti, rendendo meno pesanti le restrizioni varate dalle Istituzioni, e ancora una volta grazie al contributo degli stessi volontari e dei Pony Auser dimostreremo che Auser c’è, perché non possiamo pensare di isolare gli anziani più fragili, loro hanno bisogno di servizi e solo se siamo in grado di offrirglieli, possono limitare le loro uscite». E a proposito di ‘nonni’, Auser è parte del progetto ‘Verso l’Invecchiamento attivo’ con la Regione. «Siamo propagatori della campagna vaccinazione promossa dalla stessa Regione e dal Servizio sanitario della Toscana», continua Tinghi. Per i servizi e la consegna della spesa, telefonare allo 0571 703218 dalle 9 alle 12.30.
Fonte: La Nazione

Stradella (PV), appuntamento online per combattere lo stress
Venerdì 13 novembre , alle 18, l’Auser-Centro sociale di Stradella (PV), in collaborazione con il Comune, organizza un incontro online sul tema «L’adulto tra il tempo per sé e le esigenze degli altri. Stress, senso di solitudine, ansia: cosa fare quando la vita ci fagocita?». Interverranno alcuni psicologi e operatori della cooperativa sociale “La Collina” nell’ambito del progetto “Community Social Hub”. Nel rispetto delle disposizioni anti Covid che non prevedono incontri pubblici durante questa fase dell’emergenza l’incontro si terrà sulla piattaforma online Zoom . Per partecipare all’evento telematico è necessario prenotarsi via mail all’indirizzo csstradellino@yahoo.it. Nei giorni precedenti all’iniziativa, gli organizzatori comunicheranno agli iscritti il link di accesso alla piattaforma. Per informazioni sul corso Auser è possibile contattare il numero 3382948144.
Fonte: La Provincia Pavese

Forlì, i 30 anni del premio letterario “Dare vita agli anni
L’Auser Volontariato Aps di Forlì ha indetto il 30°Premio letterario ‘Dare vita agli anni’ articolato in 2 sezioni: racconto e poesia a tema libero (aperto a tutti, partecipazione gratuita). Le composizioni dovranno essere in lingua italiana, non superare le cinque cartelle dattiloscritte e le 30 righe per le poesie. Ogni concorrente potrà partecipare ad una sola sezione. Il plico dovrà essere indirizzato a: Auser Volontariato APS di Forlì, viale Roma, 124, 47121 Forlì, entro il 1° marzo 2021 (info: 0543.404912; forli@auser forli.it).
Fonte: Il Resto del Carlino

Reggio Emilia, volontari in campo nei check point davanti agli ambulatori dove si effettua le vaccinazione antinfluenzale
Auser, a Reggio Emilia così come in diversi Comuni della provincia, sta svolgendo attività di check-point anti-Covid davanti agli ambulatori medici che si occupano della campagna di vaccinazione antinfluenzale.
I volontari, davanti alla Casa della Salute Ovest di Reggio Emilia (Via Brigata Reggio, 22) e davanti ad altre strutture della provincia adibite alla campagna di vaccinazione antinfluenzale, controllano la temperatura delle persone che si presentano, monitorano il rispetto del distanziamento e il corretto utilizzo della mascherina. L’attività impiega decine di volontari e viene realizzata, oltre che a Reggio Emilia, a Scandiano, Baiso, Castellarano, Rubiera, Vetto, Fabbrico, San Martino in Rio, San Polo d’Enza e Boretto.
Nel fine settimana, in occasione della Festa di Ognissanti e della Festa dedicata ai Defunti, lo stesso tipo di attività di sicurezza anti-Covid è stato realizzato dai volontari Auser davanti ai cimiteri di Boretto, Castelnovo Sotto e Gattatico.
«L’associazione – afferma la presidente provinciale Auser, Vera Romiti –, sin dal periodo del lockdown della scorsa primavera, è stata impegnata in prima linea per rispondere ai bisogni della comunità e anche oggi, che stiamo assistendo ad un aumento dei contagi, i volontari non si tirano indietro e sono al fianco di istituzioni e cittadinanza.»

“Casa Facendo: pratiche per un abitare condiviso” il nuovo progetto di Auser Bologna
Auser Bologna  è  capofila del progetto “Casa Facendo: pratiche per un abitare condiviso” che vede una partnership composta da: ANCeSCAO Bologna APS, A.vo.C. – Associazione Volontari del Carcere, Next Generation Italy, Porto 15 APS, Piazza Grande, Babel Tribù.
Le finalità del progetto sono: guardare all’abitare come possibile snodo di welfare generativo; aumentare l’offerta e la capacità di progettazione di soluzioni abitative solidali, migliorando la corrispondenza tra opportunità offerte e bisogni abitativi rilevati; una maggiore organicità e sistematicità delle esperienze e delle progettualità attive sul territorio cittadino nell’ambito di pratiche innovative di abitare collaborativo, attraverso una trasmissione delle competenze, della cura e del rafforzamento delle reti; aumentare sistemi informativi e protocolli operativi condivisi volti a facilitare l’incontro tra domanda di assistenza e offerta di collaborazione, bisogni abitativi e possibilità di sostegno.
Il progetto ha ottenuto un finanziamento regionale (DGR 689/2019) nell’ambito dell’Accordo di Programma sottoscritto tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione Emilia-Romagna ai sensi degli articoli 72 e 73 del d.lgs. n. 117/2017, Codice del Terzo Settore, per il finanziamento e il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da organizzazioni di volontariato o associazioni di promozione sociale.
Il progetto ha una durata di 12 mesi, avviato a Novembre 2019, ha interrotto le sue attività a causa della pandemia da Coronavirus, ed il termine è stato fissato al 31 Gennaio 2021.
Fonte: auserbologna.it

Tolentino (MC) in rete, progetto di educazione digitale, civica e intergenerazionale
Una ricerca intergenerazionale attraverso riprese audio, video, interviste, ricerche in rete. E’ il cuore del progetto di educazione digitale “Tolentino in rete”. Quindici studenti della seconda classe di scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Lucatelli, i loro docenti e quindici soci di Auser Tolentino con la collaborazione della prof.ssa Paola Nicolini  e del prof. Pierluigi Feliciati dell’Università degli studi di Macerata creeranno nuove voci su Wikipedia con parole e immagini di persone che vivono a Tolentino. Come la ricordano nel passato, come la vivono oggi e come la immaginano nel futuro. Organizzato dal Circolo Auser Il Girasole di Tolentino ODV,  con l’Istituto comprensivo “G.Lucatelli” di Tolentino e l’ Università di Macerata, il progetto verrà presentato il prossimo 17 novembre alle ore 16.00 sulla piattaforma digitale dell’Istituto Lucatelli.

In Toscana un corso per migliorare le competenze digitali e imparare a usare lo smartphone nel quotidiano
Tutte le associazioni auser territoriali partecipano al corso promosso da Auser Toscana per migliorare le competenze digitali e soprattutto l’uso dello smartphone. Tre gli appuntamenti previsti. Si comincia il 17 novembre. Le lezioni si svolgeranno online sulla piattaforma Zoom, dalle 9,30 alle 12 e saranno tenute da Valentina Lippi esperta del Cesvot.  
Nella prima lezione si parlerà di Wi Fi, memoria, applicazioni e posta elettronica; nel secondo appuntamento sarà la volta delle condivisioni dei contenuti e l’uso delle App più importanti ed utili. Nel terzo e ultimo incontro si affronterà il tema dell’home banking, dello Spid e la firma digitale.
Per info: segreteria@auser.toscana.it www.auser.toscana.it

Vignola (MO), videochiamate e videoconferenze, un corso per imparare
Imparare ad usare correttamente le piattaforme per le videoconferenze, destreggiarsi con le app per le videochiamate sul proprio smartphone.
In tempo di Covid dove le relazioni, gli incontri, le occasioni di stare insieme sono impedite, è diventato indispensabile saper usare gli strumenti che le nuove tecnologie mettono a disposizione. L’Università popolare “Natalia Ginzburg” di Vignola organizza per gli iscritti un corso in tre lezioni dedicato proprio a questo. Il 18, il 25 novembre e il 2 dicembre dalle 17,30 alle 18,30 su Skype l’esperta Gisella Fidelio aiuterà a destreggiarsi fra piattaforme, App e videochiamate.
Per info: uniginzburgvignola@gmail.com
 

Barisciano (AQ), consegna a casa di farmaci e spesa per gli over 65 e per chi si trova in quarantena
L’Auser Barisciano, sollecitata dall’Amministrazione Comunale, è a disposizione di tutti i residenti over 65 o persone fragili che non possono uscire, anche in quarantena covid-19, per la consegna a domicilio di farmaci e/o alimentari.
Per prenotazione telefonare ai numeri 0862-899067-cell.3426122762, dalle ore 8,30 alle ore 12,30, dal lunedì al sabato.

Auser Monza Brianza, sul sito dell’associazione lezioni online di ginnastica dolce
Mantenersi in forma anche con  palestre e circoli ricreativi chiusi. Auser Monza Brianza pubblicherà sul proprio sito  lezioni di ginnastica dolce, in collaborazione con la docente del Centro Anziani di Brugherio, Valentina Sala. L’idea è nata a seguito degli ultimi DPCM , che non permettono nessun tipo di attività in presenza, specie attività ludiche e motorie. “Quindi per non far impigrire troppo i nostri “nonni” che al momento non possono più recarsi presso i centri ricreativi, saremo noi ad andare da loro con questa iniziativa!” sottolineano i promotori. Nelle prossime settimane verranno pubblicati video nei quali saranno spiegati in modo chiaro ed esaustivo semplici esercizi, pensati e sviluppati per le persone più anziane, per mantenersi in forma senza sforzi eccessivi che possono debilitare il nostro corpo. “L’obiettivo – proseguono –  è spiegare in maniera semplice ogni movimento, finché possa essere svolto in sicurezza e in maniera efficace nel corso di tutta la settimana, ogni lunedì verranno proposti nuovi esercizi per allenare tutto il corpo e per non annoiarsi mai!”
Per info: ausermonzabrianza.it

 
Mantova: nonni state a casa, la spesa ve la consegniamo noi

“Nonni non preoccupatevi, restate a casa, spesa e medicine ve li portiamo noi”.  Parte dal Comune di Mantova l’iniziativa per venire incontro alle esigenze dei cittadini più fragili.
Auser Mantova partecipa con i propri volontari del Filo d’Argento al servizio di spesa e farmaci a domicilio. Dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 11, 30 si può contattare il numero 0376 376860.

 
Arcugnano (VI), torna il telefono amico degli anziani
Torna attivo il servizio di telefono amico dell’Auser rivolto agli anziani al numero 0444/ 1837153. Il servizio sarà in funzione dalle 15 alle 18 il lunedì, il mercoledì e il venerdì.
Per parlare, condividere ansie e paure, avere informazioni sui servizi del territorio.
Fonte: Il Giornale di Vicenza

Ravenna – Faenza: attivi tutti i servizi di aiuto alle persone fragili. 3mila gli anziani seguiti al telefono
“Effettuiamo accompagnamenti per fare esami, terapie e tutto ciò che riguarda il servizio alla persona – sottolinea  Mirella Rossi presidente del nuovo distretto Auser  che accorpa Ravenna e Faenza –  Come consulta del volontariato abbiamo ricominciato a fare telefonate agli over 75 per capire come va e dare continuità alle chiamate che avevamo durante l’emergenza Covid-19 e le ondate di calore, in modo da farli sentire meno soli. E’ un momento di ascolto e di compagnia e sono gli anziani stessi che chiedono di essere richiamati. Con le ondate di calore ne avevamo più di mille, da 1200  a 1500, mentre durante l’emergenza, tra periferie e resto, siamo arrivati ad oltre 3mila. Accanto a questo servizio abbiamo ripristinato l’ausilio alla spesa, che è già a pieno ritmo, così come il servizio del pronto farmaco, e abbiamo già giovani che hanno chiesto di essere coinvolti nelle consegne».  
Da presidente di Auser Ravenna, Mirella Rossi, in seguito alla recente fusione con l’omologa realtà faentina, è diventata presidente di Auser della provincia. L’associazione di volontariato e promozione sociale è presente in 15 dei 18 comuni con 4.011 associati che fanno riferimento a 23 circoli di volontariato, 9 centri di promozione sociale, 9 orti solidali e diverse attività dedicate al turismo sociale. Il servizio di accompagnamento, da sempre fiore all’occhiello dell’associazione, può contare su 25 mezzi, dieci dei quali attrezzati per il trasporto di carrozzine.
Fonte: setteserequi.it

Copparo (FE), i libri  della biblioteca comunale consegnati a casa dai volontari
Benché chiusa al pubblico, la biblioteca comunale “Anne Frank” di Copparo rimane vicina ai propri utenti anche proseguendo il servizio di prestito gratuito a domicilio “La Biblioteca a casa tua”. L’iniziativa, in collaborazione con l’Auser e con le volontarie del Servizio Civile, è rivolta a tutte le persone di età pari o superiore a 70 anni, persone con patologie che ne sconsigliano l’uscita di casa e con per difficoltà motorie. Sarà sufficiente rivolgersi al numero 0532-864633 o alla mail biblioteca@comune.copparo.fe.it e richiedere libri (romanzi e saggistica), riviste, film in dvd, audiolibri o libri scritti a caratteri grandi (corpo 16), che verranno consegnati a casa. L’operatore, preparato per svolgere il servizio, avrà un tesserino di riconoscimento, verrà su appuntamento e in orario concordato con la biblioteca: consegna e ritiro, dopo 30 giorni, saranno effettuati rispettando le misure anticovid-19.
Fonte: La Nuova Ferrara

Montemurlo (PO), con “Parla con noi” la socializzazione si fa al telefono
Con l’aggravarsi dell’emergenza sanitaria e l’attivazione di nuove misure restrittive per il contenimento dell’epidemia, il Comune di Montemurlo (PO), insieme all’Auser, ha deciso di riattivare il servizio “Parla con noi!” per offrire un’opportunità di supporto e socializzazione agli anziani soli e più in generale alle persone più fragili che hanno bisogno di condividere con qualcuno le ansie, le paure di questo difficile momento e le necessità.
Due numeri di telefono (338 7753102 oppure 338 7586749) ai quali rivolgersi dal lunedì al venerdì dalle ore 16 alle 18 per ricevere informazioni sui servizi territoriali, chiedere aiuto in o più semplicemente per fare due chiacchiere. Dall’altro lato della cornetta ci saranno due volontari dell’Auser Montemurlo, formati la scorsa primavera dall’ufficio politiche sociali del Comune, in modo da pronti a rispondere a tutte le domande e le richieste d’aiuto.
Il servizio è aperto a tutti, ma è stato pensato in particolare per le persone più fragili e per gli anziani soli, come spiega l’assessore alle politiche sociali, Alberto Fanti: «In questo momento che vede un aggravarsi della situazione generale, è importante far sentire, soprattutto agli anziani, la vicinanza dei servizi territoriali e non lasciare nessuno indietro. Vogliamo, ad esempio, che le persone sappiano che è stato riattivato il servizio della spesa a domicilio di “Ti aiutiamo”, un modo per sostenere le persone che per motivi di fragilità non possono svolgere in autonomia gli spostamenti necessari per fare la spesa. Le telefonate sono un modo poi per condividere ansie e preoccupazioni, per chiedere aiuto e attivare i servizi territoriali, per riacquistare spazi di socialità».
Fonte: notiziediprato.it

Savona, volontari Auser in campo
Le persone anziane, e non solo, possono trovare risposte ai bisogni che nascono da questa nuova fase di emergenza e di necessaria riduzione degli spostamenti: consegna della spesa e dei farmaci, trasporti protetti, compagnia telefonica, piccole commissioni, ecc.
Il Filo d’Argento Auser con il numero verde gratuito 800995988, è attivo tutti i giorni  dalle 8 alle 20; questo numero è raggiungibile solo da numero fisso. Da Cellulare è raggiungibile il Call Center Regionale 800593235.
Auser Savona risponde anche, dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 18, ai numeri: 338 6218236 –  019 8335492


Dal Sindacato

Cgil: dal 13 al 15 novembre “Futura: lavoro, ambiente, innovazione”
Dal 13 al 15 novembre appuntamento con “Futura: lavoro, ambiente, innovazione”, evento digitale promosso dalla Cgil e realizzato con la collaborazione e il supporto tecnico di Futuralab. Ispirato ai format televisivi e trasformazione delle annuali Giornate del Lavoro della Confederazione, verrà trasmesso in diretta sulla piattaforma della Cgil, Collettiva.it, e distribuito ai principali media nazionali e internazionali.
L’obiettivo è quello di coinvolgere in modo costruttivo gli attori politici, istituzionali e del mondo del lavoro, sociale e delle imprese che avranno il compito di superare l’emergenza e riprogettare il Paese. Dallo studio centrale allestito al Teatro Brancaccio di Roma, si alterneranno tavoli istituzionali come quello con il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi, e tavoli tematici con studiosi, personalità ed esperti e collegamenti live per dare voce a lavoratori, dirigenti sindacali e rappresentanti delle aziende. Sarà dedicato uno spazio a tutte le categorie della Cgil, allo Spi, all’Inca e ai Caaf, e ai dibattiti parteciperà la segreteria confederale di Corso Italia.
Fonte: Cgil.it


 Anziani e dintorni

Sant’Egidio:”Diamo voce agli anziani, troppi hanno sofferto la malattia dell’abbandono”
Di fronte alle tante vittime del Covid-19 nella popolazione anziana e a questa seconda ondata di contagi,  la Comunità di Sant’Egidio ha dato voce, con una conferenza stampa, a tutti quegli anziani i cui diritti sono negati.
“Occorre proteggere gli anziani ma non isolarli”, ha affermato il presidente di Sant’Egidio Marco Impagliazzo, ricordando come l’assenza, a volte totale, di comunicazione verso l’esterno ha già portato molti, tra i residenti in case di riposo e RSA, a lasciarsi andare.
Sono state formulate inoltre alcune proposte: garantire il diritto di parenti, amici e volontari ad avere notizie di chi è residente nelle strutture assistenziali, favorire la comunicazione attraverso dispositivi di cui molte RSA e case di riposo non si sono ancora dotati. Infatti il sistema delle videochiamate non funziona, se non in rarissimi casi.
Permettere le visite, eventualmente facendo prima i tamponi e comunque garantendo un sufficiente distanziamento.  Incentivare tutti i programmi che favoriscono la domiciliarità dell’assistenza e delle cure nonché le reti di protezione territoriale.  Sviluppare forme alternative di assistenza, come il cohousing perché si possono modellare a seconda dei bisogni delle persone.
Fonte: Sant’Egidio

Siena, accesi i riflettori sul Festival della Salute 2020
A Siena per quattro giorni, dal 12 al 15 novembre,  si parlerà di Medicina, di lotta al Covid-19 e di prevenzione sanitaria. Sarà celebrata la Giornata mondiale del Diabete, verranno accesi i riflettori sui monumenti più prestigiosi e lanciate proposte di dibattito alla politica e alla platea nazionale degli operatori medici. Tutto questo è il Festival della Salute 2020, giunto alla XIII edizione, per la prima volta a Siena, con il patrocinio della Regione Toscana e dell’Amministrazione civica della Città del Palio.  
Gli oltre duecento eventi in presenza si sono trasformati in una non stop televisiva che proporrà tra il 12 e il 15 novembre  quaranta appuntamenti e sedici rubriche per oltre 130 relatori provenienti da tutta Italia. Il Festival sarà visibile non stop sulle frequenze 12 e 95 di Canale 3 in Toscana, sulla 118 di Lepida Tv in Emilia Romagna. Sui canali YouTube delle due emittenti e su www.festivaldellasalute.it e i social della manifestazione dove è  possibile vedere il  programma della manifestazione.


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Decreto Ristori Bis. Aiuti anche al Terzo Settore
Terzo settore, fondo da 70 milioni nel 2021 anche per circoli e associazioni
Così Claudia Fiaschi, portavoce del Forum Terzo settore: «Il dialogo con il Governo degli ultimi giorni ha portato ad un primo importante risultato. Nel nuovo decreto Ristori infatti è stato istituito un nuovo fondo a sostegno delle organizzazioni di Terzo settore che non svolgono attività di impresa e quindi per le migliaia di associazioni che stanno incontrando grandi difficoltà dato il blocco delle attività determinato dai decreti sull’emergenza sanitaria».
Anche dunque i soggetti senza attività commerciale potranno chiedere gli aiuti. Il Forum: primo passo ma dotazione da aumentare. Entro martedì 10 dicembre i progetti al ministero per il bando relativi ai primi 50 milioni del Dl Rilancio.
Fonte: Forum Terzo Settore

Mettiamoci in gioco: Riordino del settore azzardo, la priorità è ridurre l’offerta
“Mettiamoci in gioco”, la Campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo ritiene che la priorità da perseguire nel “riordino” del settore azzardo sia una significativa riduzione dell’offerta del gioco nel nostro paese. La pandemia di Covid-19 ha riportato al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e della politica la salute delle persone come bene primario non comprimibile. Tutti i servizi che hanno in carico persone con disturbo da gioco d’azzardo hanno constatato che la chiusura delle sale giochi durante il lockdown ha avuto effetti positivi sulle persone che giocano, riducendo i comportamenti compulsivi e favorendo la vita relazionale ed affettiva.
 Mettiamoci in gioco ritiene indispensabile rivedere il sistema delle concessioni, ma dichiara la propria contrarietà all’ipotesi di prorogare le attuali concessioni per un triennio. L’occasione offerta dal Recovery Fund permette allo stato di intervenire senza il ricatto delle entrate fiscali da preservare a ogni costo.
 La campagna esprime, poi, la propria netta contrarietà all’ipotesi avanzata dall’Agenzia dogane e monopoli di far partecipare Regioni e Comuni alla distribuzione delle entrate fiscali dell’azzardo.
Mettiamoci in gioco ritiene che vada finalmente elaborata – coinvolgendo tutti gli attori interessati, compresi i soggetti della società civile – una riforma complessiva del settore che, fuori dalle strumentalizzazioni di concessionari e gestori, si ponga l’obiettivo della tutela della salute pubblica, di definire e implementare misure concrete ed efficaci di prevenzione di una patologia – il disturbo da gioco d’azzardo – che colpisce un numero altissimo di persone nel nostro paese, di tutela dei soggetti più fragili e dei lavoratori del settore, per i quali vanno attivati tutti gli strumenti a disposizione per la salvaguardia dell’occupazione.
Info: Mariano Bottaccio – cell. 329 2928070
email: ufficiostampa@mettiamociingioco.org
www.mettiamociingioco.org


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *