Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 42 – 9 dicembre 2020

Scritto da
9 Dicembre 2020

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 42 – mercoledì 9 dicembre 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


 

 

 

 

 

Auserinforma

Testimonianze dei volontari e messaggi delle Istituzioni per la Giornata Internazionale del Volontariato
Tanti i volontari da tutta Italia che si sono alternati in una staffetta online su Facebook – lo scorso 5 dicembre Giornata Internazionale del Volontariato – per raccontare la propria esperienza.
“Il ruolo dei volontari sia nella prima fase dell’emergenza Covid sia nella seconda fase – ha sottolineato Claudia  Fiaschi portavoce del Forum del Terzo Settore  – è stato preziosissimo e straordinario, e nell’emergenza il loro impegno è stato anche molto più difficile, perché nessuno ha potuto attingere a soluzioni consolidate”.
In occasione della Giornata il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso “sincera gratitudine al mondo del volontariato e a quello del Terzo Settore, per il sostegno che sta assicurando alla comunità particolarmente colpita dalla pandemia.”
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha inviato un messaggio all’evento, ribadendo la volontà del governo di “continuare a condividere tutti gli aspetti dell’attuazione” della Riforma del Terzo settore, “in particolare con la costituzione di un Tavolo di lavoro per quanto attiene agli aspetti fiscali della Riforma, che vedrà Ministero del Lavoro, dell’Economia e Forum Terzo Settore lavorare insieme per costruire un modello di fiscalità rispettoso dell’identità di questi soggetti e compatibile con la disciplina europea in materia”. Un intervento accolto con favore da Fiaschi, secondo cui “questa realtà, questa mobilitazione civica del volontariato è preziosa, e va sostenuta con scelte coraggiose e convinte di supporto al Terzo settore nelle sue diverse forme, per accompagnare questo mondo rapidamente verso una ripartenza, con un completamento di quella Riforma che ha bisogno a questo punto di sprigionare tutte le sue energie”.
La ministra Lavoro Nunzia Catalfo ha a sua volta inviato un messaggio all’evento, rivolgendo ai partecipanti “un forte incoraggiamento a proseguire nella loro generosa dedizione in favore del bene comune”.
Tutte la documentazione sul sito www.forumterzosettore.it

 
L’Auser citata come buona pratica  dall’OMS  nel “Decade of Healty Ageing 2020-2030”

Nei giorni 2 e 3 dicembre 2020 la OMS ha lanciato la “Decade of Healthy Ageing 2020-2030” (Il Decennio per un Invecchiamento in salute) e ha presentato il baseline report  con l’indicazione delle azioni necessarie per misurare un impatto concreto sulle persone. Nell’area in cui si parla della capacità degli anziani di contribuire alla società sono evidenziati sei aspetti e Auser è menzionata come esempio di buona pratica per accelerare l’impatto positivo e raggiungere l’obiettivo nei tempi previsti.
“Ci inorgoglisce molto questo riconoscimento dell’OMS  – sottolinea il presidente nazionale Enzo Costa – da 32 anni portiamo avanti  il nostro operato e le nostre sfide,  per dare ruolo, valore e dignità agli anziani di questo paese. Che una organizzazione internazionale come l’OMS ci indichi come buona pratica è molto significativo e ci stimola a proseguire con maggiore slancio  nel nostro cammino. Ma soprattutto dà valore all’’impegno dei nostri volontari. Un impegno prezioso, ogni giorno, in tanti angoli d’Italia”.
Per info: https://www.who.int/initiatives/decade-of-healthy-ageing
 
 
202 panettoni  sospesi dall’Auser ad Intersos
Auser ha donato 202 panettoni all’iniziativa promossa da Intersos “Panettone Sospeso” a favore delle persone più vulnerabili, colpite dal Covid-19, ed assistite a Roma dalle cliniche mobili di Intersos.  “I panettoni sospesi  – sottolinea l’organizzazione – verranno inseriti nei KIT casa che i nostri operatori stanno distribuendo alle famiglie e alle persone in quarantena nelle periferie, nelle occupazioni abitative e nei luoghi di vita comunitaria. Insieme a saponi, disinfettanti, mascherine e altri oggetti indispensabili per la propria sicurezza, le persone in isolamento riceveranno un regalo di Natale”.
I team mobili di INTERSOS a Roma sono impegnati in un intervento di contrasto al COVID-19 dal mese di marzo. Gli operatori svolgono attività di sorveglianza sanitaria, educazione sanitaria e promozione della salute in spazi organizzati adibiti ad uso abitativo (“occupazioni abitative”), insediamenti informali (spazi limitrofi alle principali stazioni ferroviarie) e centri di accoglienza per persone italiane e straniere in condizione di fragilità, per richiedenti asilo e per minori stranieri non accompagnati (MSNA).  Dall’inizio dell’intervento a oggi, i team mobili hanno intercettato e supportato attraverso visite mediche e sessioni di educazione sanitaria 1.583 persone.
Per info: intersos.org

 
Castelfiorentino (FI), doni di Natale per adulti e bambini
Arriva anche a Castelfiorentino “Scatole di Natale”, iniziativa solidale nata a Milano e che è stata accolta con entusiasmo dal Comune valdelsano per dare un po’ di gioia a chi sta attraversando un periodo difficile. E’ semplice. Chi desidera partecipare al progetto, potrà confezionare un pacchetto natalizio (o anche più di uno) con un gioco, un dolcetto, un passatempo, un pensiero scritto, un indumento caldo (ad esempio un paio di guanti), un qualsiasi oggetto – insomma – che si ritiene possa piacere al potenziale destinatario, indicando all’esterno della scatola se è per un adulto o un bambino. Una volta preparato il pacchetto, lo porterà al punto di raccolta stabilito, ovvero la sede dell’Auser (piazza Gramsci 17), che insieme al Comune di Castelfiorentino si è resa disponibile a coordinare e a patrocinare questa bella iniziativa. La sede Auser è aperta dal lunedì al venerdì (ore 10.00-12.00), più in via straordinaria sabato 19 dicembre, ultimo giorno utile per poter consegnare i regali, che saranno poi distribuiti alle famiglie in stato di bisogno. “Siamo felici di offrire il nostro sostegno a questo progetto – sottolinea Gabriella Cantini, presidente dell’Auser di Castelfiorentino – che scalda il cuore a chi confeziona il pacchetto natalizio e regala un po’ di gioia alle persone bisognose, in particolare coloro che stanno vivendo questi mesi in una condizione di maggiore fragilità, come i bambini o gli anziani”. Per maggiori informazioni, si può consultare la pagina facebook dedicata: https://www.facebook.com/scatoledinatalecastelfiorentino
Fonte: gonews.it

 
Montelupo Fiorentino (FI), Babbo Natale nella sede Auser

La posta per Babbo Natale è di casa a Montelupo Fiorentino, Proprio così. Lunedì 7 e lunedì 14 dicembre dalle 16.30 alle 19 tutti coloro che vorranno consegnare la loro letterina dei desideri e delle speranze potranno farlo facendo tappa alla sede dell’Auser di Montelupo Fiorentino al civico 31 di piazza dell’Unione Europea. «I nostri volontari – spiega l’associazione – faranno entrare i bambini uno alla volta e Babbo Natale sarà presente per salutarli».
Fonte: La Nazione

 
Viareggio (LU), store temporaneo per raccolta fondi natalizia

Grazie alla generosità di un socio, l’Auser  di Viareggio ha potuto aprire uno store temporaneo solidale in via Foscolo/angolo via Zanardelli, dove acquistare  regali per Natale. I fondi raccolti – rende noto l’associazione – «saranno destinati al sostegno delle attività di trasporto sociale ed alla consegna  spesa a domicilio per le persone anziane, sole ed in difficoltà».
Fonte: Il Tirreno

 
Casalpusterlengo (LO), volontari Auser in azione e  per combattere la solitudine basta una chiamata

Per superare la solitudine a volte basta una telefonata. Il covid-19 non ha fermato i progetti dell’Auser di Casale: non potendo avvicinare le persone sole facendo visita nelle loro case, i volontari hanno deciso di alzare la cornetta, stando accanto agli anziani con una chiacchierata al telefono per un totale di quasi 100 ore in un anno. «Il nostro progetto anti-solitudine è partito diverso tempo fa – spiega il presidente dell’Auser di Casale -: un anno fa però lo si portava avanti andando a trovare le persone sole a casa, per bere un caffè, parlare, ma anche per accompagnarle poi alle nostre feste, ai nostri momenti ricreativi; con l’emergenza covid-19 questo è diventato impossibile, ovviamente per via delle limitazioni anti-contagio, così, già nel primo lockdown, ci siamo riorganizzati, attivando un servizio di telefonia – precisa Tea -: i volontari chiamano queste persone e intrattengono con loro delle semplici chiacchierate». Così si finisce per raccontarsi vecchi aneddoti del passato, ci si confronta sui fatti di attualità, ci si scambia consigli e ci si sfoga un po’. Queste chiamate di certo non sono risolutive di situazioni di solitudine più profonde, ma senza dubbio aiutano a non sentirsi isolati. A maggior ragione in un contesto pandemico come quello che si sta attraversando. «Ringrazio davvero tutti i volontari che si spendono per le nostre attività, a partire da questa iniziativa delle telefonate per far compagnia – conclude Tea -: noi speriamo presto di poter tornare a riattivare tutte le nostre attività, coinvolgendo sempre più persone». Ogni iniziativa rappresenta un’occasione di incontro. Il contrario della solitudine.
Fonte: Il Cittadino di Lodi

 
Reggio Emilia, 450 telefonate a settimana

“A Reggio abbiamo una media di circa 450 telefonate alla settimana”, ha detto Sandro Morandi, direttore di Auser. Come confermato anche da Carla Iori, presidente dell’associazione che da anni si occupa di volontariato, Auser ha cercato di mantenere attivi tutti i servizi a favore di una delle categorie più colpite dall’emergenza: gli anziani. “Nel rispetto delle regole, continuiamo le nostre attività. Portiamo la spesa a domicilio e non abbiamo fermato gli accompagnamenti. Poi abbiamo fatto confluire i filòs (incontri fisici) nel sistema del ’telefono amico’, per non abbandonare nessuno”, ha spiegato Morandi. “La cosa più bella è che ci sono persone che amano raccontare la propria vita. L’aspetto più triste è capire che sono sole”, conclude, ricordando che il numero di Auser a cui ci si può rivolgere, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12, è lo 0522-3230002.
Fonte: Il Resto del Carlino

Castel San Pietro Terme (BO), distribuito materiale didattico per le famiglie più in difficoltà
E’ stato distribuito alle scuole castellane il materiale didattico che era stato raccolto con un’iniziativa solidale organizzata nelle scorse settimane da Coop Alleanza 3.0 con la collaborazione dei volontari di Auser (capofila) e di tante altre associazioni locali.
Tanti quadernoni, matite, colori e altra cancelleria donati dai cittadini al momento di fare la spesa nel supermercato di viale Roma per aiutare le famiglie castellane in difficoltà.
I volontari dell’Auser di Castel San Pietro Terme hanno suddiviso il materiale in base al numero di classi di ogni scuola e in questi giorni l’hanno consegnato ai dirigenti e presidi delle scuole primarie e medie del territorio
 
 
Lecco, cercasi volontari informatici

Auser Lecco cerca volontari informatici. In tempo di pandemia, la tecnologia ha un ruolo ancor più importante. Permette di accorciare le distanze, di vedere i familiari, ma anche di interfacciarsi con la pubblica amministrazione e di accedere a sportelli virtuali senza spostarsi da casa. Basti pensare allo Spid, strumento prossimo a diventare obbligatorio che proprio l’Auser, grazie a un  volontario della sezione di Olginate, ha fatto conoscere a tanti pensionati e non con un video tutorial.
Internet, i personal computer, gli smartphone, sono  infatti strumenti fondamentali anche per Auser, perché permettono di restare vicini agli anziani e alle persone fragili. “Non è sempre facile però, per i volontari dell’associazione, districarsi tra hardware, reti informatiche e applicazioni – fanno sapere dal sodalizio –  Per questo cerchiamo  volontari informatici! Sei una persona con capacità nel settore e vorresti dedicare qualche ora a fare del bene? Auser ha necessità di volontari che abbiano competenza nella gestione di Pc, reti, server e sistema operativo Windows”.
Fonte: primalecco.it

 
Riparbella (PI), una voce amica per uscire dalla solitudine

Una voce amica, con cui poter confidarsi o anche solo dialogare qualche minuto. Per uscire dalla solitudine che l’emergenza Covid ha aggravato, principalmente per le persone anziane. Ecco che l’Auser a Riparbella(PI) e nelle ultime settimane anche nei comuni limitrofi ha attivato un servizio di telefono amico, per chi ha bisogno di dialogare e sentirsi meno solo.«La nostra – fa sapere l’associazione – è una voce amica, un servizio di ascolto telefonico, per chi si sente solo e vorrebbe poter parlare con qualcuno che offre considerazione, rispetto ed empatia. Il servizio non ha orientamento politico o religioso, ha come principio fondamentale il rispetto dell’utente, come persona, della sua privacy e riservatezza».L’attività è gestita da volontari di progetto Welcome di Riparbella, la cui referente è Lucy Pole, per l’inclusione sociale, con il sostegno di Auser Cecina – Riparbella e del Comune e della parrocchia di Riparbella.«I volontari – fa sapere l’associazione – non sono psicologi, rispettano la privacy, sono disponibili all’ascolto attivo, mantenendo la distanza emotiva, non danno consigli e non offrono soluzioni, non giudicano e non esprimono posizioni politiche o religiose». Semplicemente parlano con i residenti anziani, che spesso si stanno trovando ad affrontare questa epidemia i completa solitudine. Il servizio è attivo il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16 alle 18, al numero 345 7535 915. Si può anche lasciare un messaggio per essere richiamati in quest’orario.
Fonte: Il Tirreno
 

Caulonia (RC), prodotti della Calabria donati in Lombardia alle comunità più colpite dal Covid. L’ iniziativa dell’ Auser Indifesi Focà
L’ Auser Indifesi Focà di Caulonia ha promosso una iniziativa di solidarietà a favore delle comunità  in provincia di Bergamo più colpite dalla pandemia.  La responsabile, Rosetta Femia, dopo aver confezionato, praticamente da sola, durante l’inverno scorso, centinaia e centinaia di mascherine- al tempo introvabili-e averle distribuite gratuitamente a chi ne aveva bisogno, ha pensato di offrire il proprio aiuto anche alle persone dei paesi lombardi più colpiti dalla prima ondata del Covid, donando alcuni del territorio come l’olio.
Femia ha contattato la sede di Alzano Lombardo e poi quella territoriale provinciale di Bergamo, nella persona del presidente, Mario Vitali. «Sorpresi dell’iniziativa, ci hanno espresso la loro gratitudine e si sono mostrati impazienti di assaggiare il nostro rinomato olio, donato da numerose aziende produttrici locali, che è partito martedì mattina- ha dichiarato Femia-. Il pacco rappresenta simbolicamente tutto ciò che noi siamo: profumo inebriante del gelsomino, particolare spezia come il finocchio, particolarissimo fico d’ India, frutto presente anche a novembre e non ultimi gli agrumi», oltre al peperoncino e alla liquirizia.
Fonte: Gazzetta del Sud
 

Asti, libri sulla soglia di casa
La biblioteca di Asti “Giorgio Faletti” ha attivato, grazie alla collaborazione dei volontari dell’Auser di Asti, il servizio di consegna a domicilio riservato agli utenti fragili, regolarmente iscritti alla Biblioteca e residenti nel Comune di Asti, Over 70 o persone invalide, disabili o, più in generale, tutte le persone con temporanee difficoltà motorie. Il servizio è gratuito e può essere prenotato via mail o telefono. A seconda che il richiedente abbia sottoscritto una tessera base o plus, potrà richiedere uno o più volumi, come per le richieste in sede. Poiché il servizio di consegna è fissato al mercoledì pomeriggio, settimanalmente saranno evase le richieste pervenute entro le 13 della giornata di mercoledì.
Il servizio di consegna a domicilio dei libri verrà effettuato settimanalmente ogni mercoledì dai volontari dell’Auser nella fascia oraria compresa tra le ore 15 e le ore 17.30. I volontari, muniti di tesserino di riconoscimento, porteranno i libri al domicilio della persona, consegnandoli sul pianerottolo, davanti alla porta d’ingresso dell’abitazione. Al momento della nuova consegna sarà possibile restituire i volumi presi precedentemente in prestito. Il prestito ha una durata di 30 giorni e può essere eventualmente prorogato prima della scadenza.
Maggiori dettagli su www.bibliotecastense.it
Fonte: La Voce di Asti

 
Savigliano (CN), libri da asporto grazie all’Auser

E’ partito nel comune piemontese il progetto “libri da asporto” promosso dall’Auser e dalla Biblioteca Comunale. Senza muoversi da casa anziani  e tutti coloro che per ragioni d’età o di salute non possono uscire, potranno ricevere comodamente a casa  i libri che hanno prenotato in biblioteca, senza dover rinunciare al piacere  della lettura. Saranno i volontari dell’Auser ad effettuare le consegne in tutta sicurezza.
Per informazioni sul servizio: 0172-22727.

Bettolle (SI), operativi i volontari Auser e leggero incremento dei soci
Per tutte le persone nocovid l’Auser di Bettolle continua a fornire assistenza, accompagnamento a  visite e analisi. “I nostri volontari – sottolinea il responsabile in una nota –  fanno sorveglianza tutti giorni al Presidio Sanitario  di Sinalunga  e alla  scuola elementare di Bettolle.
Per anziani e persone con  difficoltà organizziamo attraverso il programma comunale “Bottega della salute” la consegna della spesa  e dei farmaci.
Facendo un piccolo bilancio di fine anno siamo riusciti a superare il numero di soci dell’anno 2019, 930 + 4”.

 
Montelupo Fiorentino (FI), non solo Nonni Vigile
La sorveglianza scolastica in convenzione con il Comune, partita con il ruolo dei Nonni Vigili ha, ad oggi, aggiunte tante altre figure. Accompagnatori sugli scuolabus e anche sugli autobus di linea che collegano le frazioni, attività di sorveglianza al  prescuola e al doposcuola.
In questo periodo di emergenza sanitaria dovuto alla pandemia, il  numero dei volontari impegnato in questo servizio si è triplicato, per via delle entrate e delle uscite scaglionate.
“A tutto il gruppo di volontari impegnati nella Sorveglianza Scolastica  va il nostro grazie – sottolinea in una nota la responsabile – nessuno si è tirato indietro con grande senso di responsabilità e dedizione”.

 
Macerata, anziani e orti sociali
Un’attenzione particolare agli anziani che sono impegnati nella cura degli orti comunali, ma anche per creare maggiori occasioni di incontro con le scuole attraverso progetti che vedano al centro bambini e natura. Sono i due temi principali emersi nel corso dell’incontro che il sindaco Sandro Parcaroli e l’assessore ai servizi sociali, Francesca D’Alessandro, hanno avuto nei giorni scorsi con i membri del circolo orti anziani Auser di Fontezucca, in occasione dell’assemblea annuale, che si è svolta nella sede di «Idea 88», in via Panfilo. L’assemblea è stata anche l’occasione per ribadire come nessuno degli anziani a cui sono stati assegnati gli orti comunali, fortunatamente, è risultato positivo al Covid. «È una realtà che apprezzo molto, perché credo che un’iniziativa così semplice, come quella di coltivare la terra, restituisca un valore forte all’agricoltura e spinga i cittadini a riscoprire il legame con la natura, oltre a rappresentare una preziosa occasione di partecipazione attiva e di socializzazione – ha detto il sindaco -. Un momento di incontro tra generazioni, penso ad esempio ai nonni che possono condividere questa piacevole attività con i nipoti». Ha rivolto anche un pensiero al mondo della scuola, invece, l’assessore D’Alessandro. «In futuro potremmo promuovere progetti che vedano coinvolto il mondo della scuola – ha spiegato -. La realizzazione e la cura dell’orto, infatti, possono offrire ai ragazzi e agli insegnanti la possibilità di conoscere più da vicino i ritmi della natura».
Fonte: Il Resto del Carlino

 
Cesena, tutto online il gruppo Auser di balli popolare

Non ci si può incontrare di persona e i corsi sono sospesi, ma la creativa coordinatrice del gruppo Auser balli popolari Barbara Lucchi non si è arresa e le attività si sono trasferite online con orginali variazioni.«Prima dell’ultimo Dpcm -spiega-, non potendo ritrovarci per ballare, avevo organizzato un calendario di film da vedere in presenza rispettando le misure previste. È stata un’emozione forte rivedersi, ma abbiamo subìto un altro stop. I contatti si mantengono in chat, su piattaforme online per tutorial sui balli e approfondimenti culturali e i meno tecnologici ricorrono ai nipoti; la festa di Natale diventerà una Zoom-festa virtuale. C’è poi la pagina Facebook nella quale disegno rebus e giochi di enigmistica, per uno stimolo mentale per gli associati e mantenere viva l’amicizia».
Fonte: Il Resto del Carlino

 
Serradifalco (CL), tutti online gli incontri culturali
L’Auser di Serradifalco in collaborazione con il centro culturale Federico II, anche per il mese di dicembre  ha organizzato un calendario di appuntamento da seguire online.
Video conferenze di storia, letteratura, sociologia, inoltre il 22 e il 30 dicembre appuntamento per lo scambio virtuale degli Auguri di Buon Natale e buon Anno.


Dal Sindacato

Al festival della formazione Cgil convegno della Rivista delle politiche sociali
Il presidente nazionale Enzo Costa il 9 dicembre alle ore 15,45 nell’ambito del Festival della Formazione Sindacale, partecipa ad un evento  promosso dalla  Rivista delle Politiche Sociali in occasione dell’uscita del numero 2 della rivista dal titolo “Logoramento dei legami sociali, welfare e solidarietà di base”.Intervengono: Ugo Ascoli, curatore del volume, Enzo Costa Presidente Auser, Nicola Marongiu coordinatore area welfare CGIL nazionale, Laura Mariani resp. politiche abitative e sviluppo urbano CGIL nazionale, Stefano Cecconi, direttore RPS
Partecipano tra le/gli altre/i rappresentanti di: UDU, Rete degli Studenti, Sunia Saranno presenti alcuni autori dei saggi che compongono il volume
 Per partecipare alla presentazione RPS 2/2020: scaricare l’applicazione Futura Lab [o unirsi via web]:
https://futuralab.cgil.it/join/47969669 ID personale: 47969669i


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Oltre il Covid:  in un libro 365 idee per superare la crisi
E’ l’ultimo lavoro  della giornalista Paola Scarsi, uno spaccato dell’Italia – creativa, impegnata generosa, ingegnosa, solidale – che ha cercato, riuscendoci, di rimanere a galla. Una raccolta unica nel suo genere, non certo esaustiva della complessità e ricchezza del tessuto produttivo italiano. Sono brevi storie di soluzioni d’impresa attuate da realtà grandi e piccole di ogni settore, dai bar che consegnavano gli aperitivi sottovuoto alle industrie che hanno ideato sistemi igienizzanti, passando per ristoranti sugli alberi, adozioni di mucche e altri animali. Qualsiasi cosa pur di salvare l’azienda, sostenere i dipendenti, aiutare la comunità….compresi i sacerdoti che hanno detto Messa dai tetti o le imprese di pompe funebri che, su richiesta dei parenti, hanno trasmesso i funerali via Facebook.
Il libro è suddiviso in macrocategorie (Agricoltura e Allevamento Commercio, Cultura e Tempo Libero, Igiene e Sanità, Innovazione e Riconversione Attività, Professionisti, Religione) a loro volta suddivise in sottocategorie.
“Oltre il Covid: 365 idee per superare la crisi”  è anche un personalissimo work in progress: nella pagina Facebook e nel sito che verranno attivati proseguiranno le segnalazioni di imprese e di idee innovative, per continuare a raccontare la forza dell’imprenditoria italiana ma, soprattutto, per essere di aiuto e sostegno ai tanti che stanno ancora immaginando soluzioni.
In vendita nel sito dell’editore www.erga.it nelle librerie e nei principali siti di e-commerce.


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

I commenti sono chiusi