Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 43 – 16 dicembre 2020

Scritto da
16 Dicembre 2020

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 43 – mercoledì 16 dicembre 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


Auserinforma

Conseguenze del Covid-19 sui caregiver informali in Italia e in Europa. Questionario online
L’istituto nazionale di ricerca INRCA-IRCSS di Ancona , in merito allo “Studio sulle conseguenze del COVID-19 sui caregiver informali in Italia e in Europa” promosso da Eurocarers (Associazione europea a supporto dei caregiver) promuove  la compilazione di un questionario online.
Il questionario, da compilare entro il 15 gennaio 2021, è rivolto ai caregiver informali Italiani, ovvero familiari, amici, vicini o simili che cioè forniscono assistenza in modo gratuito a persone adulte (di 18 anni o più) che hanno bisogno di aiuto per motivi di salute psico-fisica, disabilità o età anziana, per meglio comprenderne l’esperienza vissuta durante l’epidemia da COVID-19. Non è rivolto ai volontari in quanto tali, ma solo a coloro che nel proprio ambito privato rispondono al profilo di cui sopra.
La versione in italiano del questionario è disponibile a questo link

Anziani più digitali fra videochiamate e social
Fra gli anziani over 65 della Brianza spopola WhatsApp per organizzare pizzate o incontri con amici, figli e nipoti, seguito da Facebook, per informarsi su associazioni di volontariato, sindacati pensionati ed eventi. In un contesto di isolamento forzato, le videochat mantengono e rafforzano le relazioni sociali. Lo hanno spiegato gli esperti dell’Università Milano Bicocca, la professoressa Emanuela Sala, Alessandro Caliandro, ricercatore dell’Università di Pavia, e i responsabili di Auser Monza Brianza nel progetto “Invecchiare in una società digitale: anziani, social networks e benessere”. Ieri la restituzione dei risultati online con gli studenti del triennio di Scienze umane e Scienze economico-sociali dell’Istituto Porta di Monza. Alla ricerca, svolta in tutta Italia tra gennaio e febbraio 2020, hanno partecipato 30 soci di Auser Brianza che si ritrovano nei macro risultati: Il 27% degli over65 in Italia usa internet e il 7% usa i social media. A fronte delle medie europee del 48% (internet) e 16% (social). Ma del 27% di internauti maturi, il 90% naviga 3/4 volte al giorno, mentre negli altri paesi solo il 72% visita il web così spesso. In Italia, il 44% degli anziani (65-74 anni) accede a internet combinando pc, smartphone e tablet, mentre il 13% usa solo il cellulare (Istat 2018). L’87% degli italiani utilizzatori di smatphone con più di 55 anni ha installato WhatsApp e il 54% Facebook. I candidati brianzoli aggiungono Google maps e YouTube. Nel rapporto con i figli l’app serve per mandare il buongiorno e sentirli meno lontani. «Con i nipoti – spiega Alessandro Caliandro – si crea un doppio binario: il nipote insegna al nonno come fare un acquisto su piattaforma digitale, mentre il nonno accetta di prestare il suo cellulare. La tappa finale prevede il coinvolgimento dei giovani per insegnare a scaricare App e usare piattaforme per videochiamate».
Fonte: QN

Auser e l’Urban Knitting: colore e calore ad Ariano del Polesine (RO)
“Auser non si ferma e si reinventa il modo di esser attiva nella comunità”.  Marinella Mantovani, presidente di Auser Provinciale Rovigo parla del nuovo progetto #Anzianialcentro, sostenuto dalla Regione Veneto. Una nuova attività messa in atto dal circolo Auser: l’Urban Knitting (Maglieria Urbana) che è una delle ultime frontiere della street art. Dal gusto vintage, l’Urban Knitting rivisita in chiave moderna un lavoro antico: quello della maglia e qualsiasi oggetto urbanistico può essere ricoperto da un coloratissimo tessuto a maglia con lo scopo di eliminare il grigiore delle città, rendendo le strade delle nostre comunità più vivaci, più allegre e più vivibili.
Auser DeltAriano ha deciso di donare ai cittadini arianesi una propria installazione Urban Knitting. Un lavoro, quello dell’intrecciare i filati, al quale si sono dedicate con grande entusiasmo e passione le volontarie, le “gomitoline”  di Auser DeltAriano.  Hanno realizzato dei meravigliosi e coloratissimi “vestiti di lana” fatti indossare agli alberi di Piazza Matteotti e ai due alberi che incorniciano la porta principale di ingresso (Via Mazzini) della Scuola Primaria Marconi. Sotto il loggiato del Palazzo Comunale, è stato rivestito un Albero di Natale sempre con la tecnica dell’Urban Knitting. Una coperta di 400 quadrotti ad uncinetto per un albero di mt 3,80 di altezza e mt 2,00 di diametro di base.

366 colli di derrate alimentari donati ad Auser Piemonte. Verranno distribuiti alle famiglie in difficoltà
L’Auser Piemonte ha ricevuto in dono dalla ditta Dussmann Srl  e consegnati dalla Caterling Spa 366 colli di alimenti da distribuire alle persone bisognose, attraverso i banchi  alimentari e la consegna spesa solidale a domicilio, curati dai volontari Auser in tutto il Piemonte.
Lattine di pomodori pelati, confezioni di riso, tonno, biscotti, fagioli, lenticchie, ceci, vari tipi di pasta, il tutto per un valore commerciale di  4.567,32 euro.
Il Presidente di Auser Piemonte Elio Lodi  ha ringraziato  la ditta Dussmann  “per aver scelto la nostra Associazione che ha come obiettivo quello di essere un sostegno per i soggetti fragili della società, attraverso l’impegno dei nostri Volontari, soprattutto in questo periodo, cosi particolarmente difficile a causa dell’Emergenza Corona Virus. Con questa donazione, ci  sarà possibile  ampliare il nostro raggio di azione, in modo da poter  raggiungere altri anziani soli o famiglie che  versano in condizioni  economiche precarie”.

Gabicce Mare (PU), dall’Auser un dono per le famiglie in difficoltà
Il Natale si avvicina e l’associazione di volontariato Auser «Circolo d’Argento» di Gabicce Mare, come ormai da programma, consegna al sindaco Domenico Pascuzzi e all’assessore ai Servizi sociali Marila Girolomoni un regalo per la comunità: 40 buoni spesa dal valore di 25 euro ciascuno, per un totale di 1000 euro, da donare alle famiglie in difficoltà. «In questi anni l’Auser si è sempre mostrata parte attiva della vita sociale del nostro Comune – spiega il sindaco Pascuzzi – Oggi, ancora una volta, l’impegno dell’associazione del presidente Benito Giunta non è mancato». Nel messaggio di ringraziamento all’Auser anche l’assessore Girolomoni: «Sono tante le attività che vengono organizzate dai volontari ma fondamentale è stato il supporto anche durante la primavera con una donazione al sistema sanitario regionale marchigiano di 2000 euro e una donazione al Comune di 1000».
Fonte: Il Resto del Carlino

Savona, cento piccoli alberi di Natale da addobbare per sentirsi meno soli
Stare a casa, ma non soli: non è per niente facile ma ci sono piccole cose che si possono fare per sentirsi parte di un gruppo, di un progetto”. Questa la riflessione di Auser Savona che per Natale ha provato a interpretare questa esigenza con una nuova iniziativa.
“Ricordate la filastrocca Il Pianeta degli Alberi di Natale di Gianni Rodari? A cento anni dalla nascita di quel grande Maestro, cento piccoli alberi di Natale sono stati affidati a tante persone anziane che li hanno fatti belli, colorati, luccicanti; e hanno costruito palline e addobbi per un albero più grande. Soprattutto donne, come potete immaginare. Ciascuna a casa propria, per essere prudenti, hanno costruito qualcosa tutte insieme”, spiegano da Auser.
Gli alberelli sono esposti, da lunedì 14 dicembre, alle 12, in una vetrina in via Paleocapa 4, che Opere Sociali NS di Misericordia ha gentilmente messo a disposizione. Alla vigilia di Natale gli alberelli saranno donati agli Ospiti della Residenza “Bagnasco”, con la collaborazione di Opere Sociali Servizi S.p.A.
“Non proprio un Pianeta degli Alberi di Natale, d’accordo: ma è stato un bel modo per fare insieme, e così stare insieme anche se distanti. E’ anche il nostro modo semplice di ricordare i cento anni di Gianni Rodari”.
Fonte: ivg.it

 
A Romito Magra (SP) arriva l’albero del volontariato
A Romito Magra i volontari dell’Auser e dello Spi che aderiscono all’iniziativa «l’albero del volontariato», hanno acquistato l’albero e ora invitano la cittadinanza a contribuire all’addobbo, creando decorazioni di legno, stoffa, cartone, vetro, fatte a maglia o uncinetto, con pigne o fiori secchi.A casa propria, in sicurezza, ma tutti insieme per il bene collettivo e del nostro paese. Per ricordarci che siamo momentaneamente lontani, ma non soli e che i valori di altruismo e generosità non devono retrocedere, ma rafforzarsi di fronte alle avversità.Gli addobbi vanno consegnati alla sede Auser- Spi di via Provinciale, presieduta da Luciana Piazza, tutte le mattine da lunedì a venerdì. Chi vuole potrà mettere il proprio nome nella decorazione che ha creato. I volontari ricordano che l’albero è all’aperto e quindi invitano ad usare colori resistenti, realizzando oggetti non troppo pesanti in modo che possano essere appesi in totale sicurezza.
Fonte: Il Secolo XIX

Cecina (LI), “Donare con il cuore”:  gli chef stellati cucinano per gli anziani soli
Il circolo Auser di Cecina (LI)  insieme agli chef stellati Andrea e Daniele Zazzeri e all’Associazione nazionale dell’Arma dei carabinieri hanno messo insieme un progetto per dare un po’ di calore e vicinanza alle persone anziane nelle feste natalizie. Il progetto si chiama ‘Donare con il cuore’ e nasce dalla sinergia fra la Compagnia di Cecina dell’arma dei carabinieri, AUSER Cecina, la sede di Cecina dell’ A.N..C. Associazione Nazionale Carabinieri e il ristorante ‘La Pineta’ di Marina di Bibbona di proprietà della famiglia Zazzeri. Gli chef stellati Andrea e Daniele Zazzeri confezioneranno cinquanta pasti omaggio da consegnare durante le prossime feste natalizie all’Auser del presidente cecinese Massimo Simoncini. Sarà compito dei volontari Auser smistare i pasti e distribuirli ad anziani soli in condizioni disagiate. Non basta: con la supervisione del capitano Christian Bottacci, comandante la compagnia di Cecina e il contributo operativo del tenente Fernando Betti presidente della Associazione Carabinieri Cecina i volontari, lanciano un appello a tutto il comparto ho.re.ca- hotel, ristoranti e bar- della provincia di Livorno per il rispetto della ‘normativa antisprechi’ prevista dalla legge 166/2016: «favorire il recupero e la donazione dei prodotti alimentari in eccedenza- si legge nel comunicato congiunto- che si possono quantificare in 16 miliardi di euro l’anno pari all’1% del pil italiano». In questo modo si possono recuperare molti alimenti che sarebbero sprecati e destinarli alle persone più disagiate, una categoria che sta crescendo in un momento di crisi anche economica dovuta agli effetti della pandemia.
Fonte: La Nazione

Umbria, nasce Auser Valnerina, per stare vicini alle popolazioni terremotate
Nasce in Umbria la nuova sede Auser della Valnerina: la costituzione dell’associazione è l’ultimo atto di un percorso di rafforzamento delle reti solidali nel territorio colpito dal sisma del 2016.
Un percorso avviato con l’apertura di nuove sedi sindacali a Norcia e Cascia e con la nascita della Lega del sindacato pensionati della Valnerina.
“L’obiettivo – spiegano Cgil e Auser – è quello di stare più vicini alle persone, in particolare quelle anziane, che hanno subito pesantemente le conseguenze prima del sisma e ora della pandemia.
Quindi, nel fare i migliori auguri di buon lavoro al presidente Pierluigi Valesini, rinnoviamo l’impegno delle nostre organizzazioni ad esserci ogni giorno per le persone che hanno bisogno di un supporto concreto”.

Lagosanto (FE), insieme per l’ambiente: Auser regala 90 borracce ai bambini dell’asilo
Il Circolo culturale Auser di Lagosanto (FE), credendo nella lotta alla plastica, ha organizzato un’iniziativa per stimolare i giovani alla difesa dell’ambiente. In questi giorni i responsabili del circolo laghese hanno così donato novanta borracce per i bambini che frequentano l’asilo del paese. Perché l’obiettivo è proprio quello di iniziare l’educazione ambientale dai più piccoli, per arrivare ad avere un pianeta plastic free.
Fonte: La Nuova Ferrara

Noto (SR), Auser Non si Ferma e ringrazia i volontari
L’auser volontariato di Noto, anche in questo lungo periodo di emergenza non ha mai sospeso le attività. “I volontari muniti dei dovuti equipaggiamenti – sottolinea il presidente Santo Boscarino – continuano ad impegnarsi seppur con una naturale paura. A livello locale si continua con la consegna dei beni alimentari e di farmaci, dall’altra parte prosegue il servizio oncologico nell’accompagnare gli ammalati verso il presidio di  Catania. Nel ringraziare indistintimante tutti i volontari che continuano ad impegnarsi, una menzione particolare va al nostro Nuccio Aparo che si occupa proprio del servizio oncologico.  Nell’ambito della convenzione con il Comune di Noto – conclude Boscarino –  prosegue l’attività il servizio del “Filo d’Argento Noto Barocco”.

Ad Augusta (SR) Auser vicina ai bisogni della comunità
Auser Augusta non si ferma e partecipa a due iniziative importanti. Con il progetto “Mi curo di te ” promosso dal CSVE e per la prevenzione del Covid-19 i volontari hanno incontrato centinaia di fedeli che assistevano alle cerimonie religiose fornendo loro informazioni e distribuendo apposite brochure sulla corretta osservanza delle regole e ottenendo grande apprezzamento dalla popolazione per la maggior parte anziana. Ha inoltre partecipato al progetto “Pranzo solidale” per la raccolta degli alimenti da donare alla mensa del Buon Samaritano. I soci Auser insieme alla Camera del lavoro hanno acquistato e raccolto in grosse scatole alimenti necessari alla preparazione di pasti caldi per chi vive in solitudine e senza alcun sostentamento.

Codogno (LO), un nuovo mezzo con pedana elettrica per il trasporto sociale
Un nuovo veicolo attrezzato, dotato di pedana elettrica indispensabile per il trasporto di persone disabili, è stato  consegnato all’ Auser che effettuerà servizi di accompagnamento a visite mediche, terapie, centri diurni, attività di tempo libero e socializzazione. Tutto questo in collaborazione con l’assessorato ai Servizi sociali del Comune di Codogno e la società Pmg Italia che, con il progetto Mobilità Garantita, ha coinvolto tutta una serie di imprenditori locali chiedendo loro di acquistare uno spazio pubblicitario apposto poi sulla carrozzeria del mezzo.
Fonte: Il Giorno Lodi

 
Firenze, cercasi studenti volontari per aiutare nei compiti gli alunni della scuola primaria e secondaria
“Cercasi studenti della scuola secondaria di secondo grado, universitari o docenti per supporto scolastico agli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado”. E’ l’appello lanciato da Auser Firenze Quartiere 5, da anni impegnata attraverso la sua rete di volontari,  nel dare sostegno scolastico agli alunni in difficoltà.
L’Associazione, per proseguire l’attività di aiuto in un momento di grande difficoltà per il mondo scolastico e per le famiglie, invita gli studenti della scuola secondaria di secondo grado, universitari e docenti a prestare volontariato per il supporto scolastico.  Venuta meno la possibilità di offrire questo servizio nelle proprie Sedi Operative, il sostegno avverrà a distanza, attraverso l’utilizzo degli strumenti di comunicazione ed informatici a disposizione degli alunni. L’obiettivo è quello di aiutare gli studenti nello svolgimento dei compiti a casa rafforzando lo spirito di solidarietà attraverso una voce o un volto a loro dedicati.
Per informazioni e adesioni: Sede Operativa Auser Q3: Centro Polivalente Il Porto – Piazza Elia dalla Costa 33   Tel.055/6581518 Cell. 339/2559661
https://www.auserfirenze.com/dove-contatti/auser-quartiere3-firenze-volontariato/    
Sede Operativa Auser Q4: Casa del Popolo di San Bartolo a Cintoia
Cell. 3453655617
https://www.auserfirenze.com/auser-rinasce-nel-quartiere-4/
 
 
Novate (MI): “Non abbiamo mai fermato le nostre attività”
Arriva il bilancio delle attività Auser in questo anno particolarmente difficile a causa del Covid. Un’importante attività svolta dall’associazione è stata quella di chiamare quotidianamente le persone anziane, per farle sentire meno sole. «In collaborazione con Ascom, abbiamo ritirato ricette presso gli studi dei medici, consegnato a domicilio medicinali per chi ne faceva richiesta. Abbiamo fatto la spesa e portato ricambi d’abito a chi era ricoverato in ospedale. La nostra sede è stata scelta come centro per le vaccinazioni e abbiamo fornito assistenza logistica ai medici. Nonostante le difficoltà, sono proseguiti gli accompagnamenti dei pochi pazienti presso le strutture sanitarie per le visite e le terapie indifferibili», commenta il presidente Auser Novate, Giuseppe Plumari. Grazie alla tecnologia sono state portate avanti attività come il corso di inglese e quello di acquerello.
Il 4 gennaio si aprirà invece la campagna tesseramento 2021.
Fonte: Il Giorno

 
Grosseto, porte aperte per aiutare i cittadini in difficoltà
Per venire incontro ai cittadini più anziani, nei molteplici bisogni che in questo periodo si manifestano più che in passato, Auser Grosseto apre la propria sede in via Enrico De Nicola non solo al mattino, dalle 9 alle 12 (dal lunedì al venerdì), ma anche nei pomeriggi del martedì e del giovedì, dalle 14,30 alle 16,30. In questi orari i volontari consegneranno le mascherine per conto della Protezione civile, ma non solo.
Siamo pronti e formati anche per l’ascolto – spiega la presidente Vera Bartalucci – grazie al progetto Sportello sociale Auser, al quale tutti possono rivolgersi per ogni tipo di necessità”.
La distribuzione delle mascherine, l’accompagnamento per riscuotere la pensione o per il disbrigo di pratiche, così come la consegna a domicilio di spesa alimentare e farmaci, sono servizi che si attagliano ai nuovi bisogni della terza età all’epoca della pandemia e dei lockdown.
“In questo periodo – conclude il coordinatore Franco Miglianti – stiamo contattando telefonicamente tutti gli associati residenti nel comune di Grosseto, circa 1.200, rendendoci disponibili per qualsiasi necessità”.
Fonte: La Nazione

 
Suvereto (LI), ascolto telefonico e assistenza per anziani e persone in difficoltà
Comune di Suvereto e Auser hanno attivato un servizio di ascolto e assistenza per le persone che hanno bisogno di sostegno.
Al numero 327 0720743 dal lunedì al giovedì alle 15 alle 18,30 potranno rivolgersi anziani, persone sole, prive di relazioni sociali o reti familiari e di supporto. Anche gli stessi volontari Auser chiameranno i propri associati e le persone segnalate da servizi sociali e associazioni per assicurarsi che tutto vada bene in questo periodo e in caso contrario intervenire.
“Abbiamo accolto la proposta di Auser immediatamente. – ha commentato la vicesindaca e assessora alle Politiche sociali Caterina Magnani – In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, in cui l’isolamento sociale diventa una necessità per superare la pandemia, soprattutto per le persone anziane, condividere questo percorso di aiuto e vicinanza con le persone più fragili, ci è sembrato un gesto di grande valore. Ringrazio l’Auser per la sensibilità e lo spirito di servizio dimostrati verso la nostra comunità”.
Il servizio sarà attivo per un anno, fino a dicembre 2021.
Fonte: quinewsvaldicornia.it

 
Cecina e Riparbella (LI), con il progetto Buon Samaritano un aiuto concreto a chi è in difficoltà
Si chiama Buon Samaritano il progetto che Auser Cecina e Riparbella sta portando avanti per dare un aiuto concreto alle famiglie che si trovano in condizione di disagio. “Non abbiamo mai smesso  – sottolinea il presidente Massimo Simoncini – anzi in questo periodo sono aumentate e non di poco le richieste da parte dei servizi sociali e dall’assessorato alle politiche sociali del Comune di Cecina. Per fortuna ci sono molte aziende e utenti a vari livelli che donano all’auser di tutto e di più a livello di derrate alimentari. L’attività viene svolta dal lunedi al sabato e a volte anche la domenica in casi di richieste da parte dei servizi sociali”.
Il progetto è esteso al territorio comunale e zone limitrofe compreso il Comune di  Montescudaio (PI). Tra i volontari anche un giovane appena maggiorenne, reclutato tra quelli che svolgono i lavori di PU o MAP (Pubblica Utilità e Messa alla Prova).

 
Campi di Bisenzio (FI), un aiuto a chi rischia di restare indietro
Auser volontariato Campi Bisenzio è una piccola associazione che da marzo è bloccata nelle sue iniziative che sono in prevalenza di educazione permanente, socialità, incontri in presenza. Anche il laboratorio sartoriale è stato chiuso causa provvedimenti governativi. “Il 10 dicembre – sottolinea l’associazione in una nota –  potendo muoverci nel territorio abbiamo provveduto ad acquistare 290 euro di prodotti che abbiamo consegnato a Don Marco Fagotti poiché presso la sua parrocchia vi è l’Associazione Caritas Vicariale che aiuta molte famiglie in difficoltà.Abbiamo acquistato prodotti come pesto, marmellate e pannolini. Inoltre per la gioia dei bambini abbiamo comprato dei babbo natale di cioccolato. E’ il nostro modo per essere solidali in questo periodo angosciante ed augurare Buon Natale, ma sopratutto vogliamo essere vicini a chi è più colpito e ai più deboli”.
Per info: http://ausercampibisenzio.blogspot.it

L’Amministrazione di Pesaro ringrazia i 170 cittadini di “Volentieri volontari”
Omaggio di Natale per i pesaresi di “Volentieri volontari per il Quartiere”.L’Amministrazione comunale, insieme a Aspes e Auser provinciale, partner del progetto, sta consegnando ai 170 volontari coinvolti nel progetto, il pacco regalo – composto da un panettone e dagli insaccati locali – realizzato grazie alla macelleria Bavosi di Pesaro.
“La pandemia non ha bloccato l’energia positiva dei cittadini – ha detto Mila Della Dora, assessore alla Coesione – che, anche in questi mesi complessi, hanno continuato a mettere passione e impegno nella manutenzione di spazi pubblici, donando, ogni anno 10.000 ore di attività: tempo e capacità preziose per la città. Abbiamo deciso quindi, vista l’impossibilità di svolgere la consueta cena delle festività, di programmare un momento di ringraziamento e scambio di auguri”.
Avviato, in forma sperimentale, nel 2012, a Muraglia, “Volentieri volontari” è un progetto promosso dal Comune di Pesaro (assessorato ai Quartieri) e organizzato da Aspes spa e Auser Volontariato di Pesaro-Urbino. Oggi è modello valido ed efficace esteso all’intera città e in grado di coinvolgere 170 cittadini (nel 2012 erano 40).
Obiettivo del progetto “Volentieri volontari per il Quartiere” è rafforzare la partecipazione attiva dei cittadini con il loro intervento nella manutenzione di spazi verdi pubblici come parchi, giardini, scuole, spazi sportivi, etc, e nel miglioramento di luoghi di partecipazione. Ogni anno collaborano al progetto “Un bosco per la Città” per la messa a dimora di nuovi alberi in aree pubbliche e all’iniziativa “Puliamo il Mondo” in collaborazione con le associazioni ambientaliste di Pesaro. Partner storici del progetto sono Vis Pesaro Calcio e BCC Pesaro.
Fonte: pesarourbinonotizie.it

 
Valcamonica Sebino, Auser in campo e pronta per nuove sfide
il bilancio sociale 2019 di Auser Valcamonica e Sebino offre una fotografia precisa delle tante attività svolte, e raccoglie numeri importanti.  1700 iscritti, centinaia dei quali volontari attivi, e attività che anno dalla cultura, al turismo sociale, passando per incontri, Università della terza età, percorsi per la tutela della salute e gruppi di cammino. Senza dimenticare le ventimila azioni di accompagnamento e trasporto degli utenti da e per le strutture sanitarie, gli oltre quindicimila pasti consegnati a domicilio, le ore investite nei progetti di assistenza telefonica. Una presenza ormai storica, quella dell’Auser sul territorio. Un’associazione radicata con sedi a Iseo, Pisogne, Darfo, Gianico, Ceto, Braone, Cividate Camuno e Lovere, che si prepara ad affrontare un 2021 in cui la riforma del terzo settore sarà al centro della programmazione. Intanto l’Auser camuno sebina è pronta per affrontare il futuro. il presente è rappresentato dall’apertura dello sportello Uscaa (l’Unità speciale di continuità assistenziale) a Pisogne, e dal progetto di telefonia sociale dedicato sempre alla popolazione anziana partito proprio pochi giorni fa.
Fonte: Brescia Oggi

 
Cervignano (UD), una nuova sede per Auser
Dopo essere rimasto abbandonato e fatiscente per decenni, l’edificio che ospitava l’ex ufficio del lavoro in via San Francesco a Cervignano (vicino alla stazione ferroviaria) verrà riqualificato con dei lavori che cominceranno a stretto giro. Nell’area, intanto, è già stato allestito un cantiere.«Due sono gli obiettivi di questa amministrazione – afferma il sindaco Gianluigi Savino -: il primo è il recupero dell’ennesimo fabbricato che fa parte della storia della nostra comunità e il secondo è quello di dare all’Auser, per noi importantissima associazione impegnata nel sociale, una prestigiosa sede che la possa rappresentare in ambito regionale». Nell’edificio di via San Francesco troverà spazio la sede regionale dell’Auser, realtà che dedica le proprie attività agli anziani di tutta la Bassa friulana affinché possano mantenere un adeguato benessere sociale e psicofisico. I costi per l’ammodernamento, la ristrutturazione e l’adeguamento architettonico (compreso quello sismico e di abbattimento delle barriere architettoniche) sono complessivamente di circa 297 mila euro.
Fonte: Il Piccolo
 
 
Cecina (LI), “Un aiuto per la spesa”: Auser  e Conad stringono un accordo per aiutare gli anziani
Si chiama  “Un aiuto per la tua spesa” l’accordo sottoscritto da Conad con le associazioni di volontariato Auser Cecina Riparbella e Misericordia di Palazzi. L’accordo è valido per i supermercati Vallescaja di Cecina, di via Gilching a Cecina Mare, di viale Galliano, sempre a Cecina Mare, di via Cantini a Palazzi e di via II Giugno a Cecina. Con il progetto “Un aiuto per la tua spesa”, i supermercati Conad e le associazioni si rendono disponibili ad operare insieme per prendere in carico la consegna della spesa a domicilio o accompagnare dal loro domicilio i soggetti più svantaggiati. Ne hanno diritto le persone ultrasessantacinquenni in condizioni di ridotta autonomia che vivono sole o con una persona di oltre 65 anni o anche di età inferiore ma non autosufficiente; le persone ultrasessantacinquenni che vivono sole, non autosufficienti; i nuclei familiari composti da persone ultrasessantacinquenni conviventi con persone diversamente abili o invalidi; le persone con patologie invalidanti, anche transitorie, tali da compromettere gravemente il livello di autosufficienza, sole o appartenenti a nuclei a rischio.
Fonte: Il Tirreno

 
San Donà di Piave (VE), un nuovo pulmino attrezzato per il trasporto di persone in carrozzina
Auser “S. Vecchiato” si è dotato di un nuovo pulmino attrezzato al trasporto di carrozzine. L’acquisto è frutto di una gara di solidarietà, una raccolta fondi che grazie al contributo liberale di cittadini e organizzazioni del territorio ha reso possibile raggiungere un obiettivo importante per l’Associazione, ma soprattutto per tutti coloro che potranno fruirne.


Anziani e dintorni

Sant’Egidio: attuare subito la circolare che permette le visite in sicurezza nelle RSA nei giorni di festa
 Dal 30 novembre scorso una circolare del ministero della Salute invita tutte le strutture residenziali, come RSA e case di riposo, a favorire le visite di parenti, amici e volontari agli ospiti, in gran parte anziani. Si tratta del riconoscimento di un diritto fondamentale, ottenuto grazie alle indicazioni fornite dalla “Commissione per la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana”, di recente costituzione. In altre parole, non solo si dà il via libera a visite in sicurezza, con tamponi preventivi e altre opportune misure di prevenzione anti-Covid, in queste strutture, ma si consiglia vivamente ai loro direttori di facilitarle. Tutto ciò perché sono scientificamente provati gli effetti negativi che la solitudine provoca sullo stato psicofisico delle persone più fragili, come si legge nella stessa circolare quando parla di “peggioramento delle patologie di tipo organico” e afferma che “debbono essere assicurate le visite dei parenti e dei volontari per evitare le conseguenze di un troppo severo isolamento sulla salute degli ospiti delle residenze”.
La Comunità di Sant’Egidio, vicina alla popolazione anziana del nostro Paese, accogliendo in modo positivo il lavoro della Commissione e la decisione presa dal ministero della Sanità, invita a rendere immediatamente possibile la sua attuazione, anche in vista anche delle feste natalizie, momento in cui è più forte e sentito il distacco dalle persone care e il bisogno di avere un contatto, uno scambio, una visita, pur osservando tutte le precauzioni possibili per evitare il contagio.


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

In piena attività Terzjus
L’Osservatorio giuridico Terzjus, promosso da Bobba, ex sottosegretario al Lavoro ed ex presidente delle Acli, è operativo formalmente da giugno. Tra i soci fondatori ci sono il Forum del Terzo settore, Acli, Assifero, Airc e Auser. Il non profit coinvolge in Italia quasi sei milioni di volontari e 850 mila dipendenti. In tutto 360mila organizzazioni che nel corso dell’emergenza sanitaria legata al Covid19 hanno avuto un ruolo da protagoniste, sostenendo le persone più fragili, dagli anziani alle famiglie con minori. Un vero e proprio terzo pilastro indispensabile per costruire una società più equa e inclusiva in un momento così complesso come quello che stiamo vivendo. Per farlo serve un ulteriore passaggio all’insegna della reale parità tra i tanti enti che operano sul territorio e la pubblica amministrazione.
Fonte: Avvenire

 
Rapporto ASviS: l’Agenda 2030 diventa il riferimento strategico degli enti territoriali
Entro il 2030 oltre il 60% delle regioni potrebbe riuscire a ridurre il tasso di mortalità, l’abbandono scolastico e circa il 50% ad aumentare l’uso di energie rinnovabili, in linea con i target dell’Agenda 2030. Non riuscirà invece, a meno di un profondo cambiamento delle politiche, a raggiungere la parità di genere nell’occupazione, a ridurre le disuguaglianze di reddito e il consumo di suolo e raggiungere l’efficienza idrica
Il nuovo Rapporto ASviS, pubblicato il 15 dicembre, valuta per la prima volta in termini prospettici la distanza del Paese e dei suoi territori dagli Obiettivi di sviluppo sostenibile al 2030, segnalando punti di forza e di debolezza delle regioni, delle province e delle città, e svela l’impegno delle istituzioni locali per integrare l’Agenda 2030 nei piani strategici.
Tutte le info sul Rapporto su www.asvis.it

 
“NonChiamatemiMorbo” la nuova campagna sui malati di Parkinson
L’associazione Parkinson Italia ha lanciato la campagna  “NonChiamatemiMorbo – storie di resistenza al Parkinson”  dove Mr. Parkinson si materializza nelle vignette ironiche realizzate da Cesare Casiraghi. Ironizza  sull’unica cosa che accomuna le molteplici forme della malattia di Parkinson: la “dipendenza” dalla Levodopa; farmaco introdotto dal 1970, indispensabile per compensare la carenza di dopamina. Ma per resistere al Parkinson, i “levodopàti” devono anche e soprattutto lottare quotidianamente contro l’isolamento e lo stigma, rifiutando di farsi da parte, coltivando vecchi interessi e nuove passioni, vivendo una vita piena e generativa.
Per info: parkinson-italia.it


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

 

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *