Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 24 numero 17 – 5 maggio 2021

Scritto da
5 Maggio 2021

Agenzia settimanale – Anno 24 numero 17 – mercoledì 5 maggio 2021
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


 

 

 

 

 

Auserinforma

Alimentazione, benessere, salute: tre incontri online con il dott. Paolo Pigozzi. Una iniziativa Auser e Spi Cgil
Tre incontri online aperti a tutti  con il dott. Paolo Pigozzi per parlare di alimentazione sana, benessere e salute. Iniziativa promossa da Auser e Spi Cgil.Si comincia il 19 maggio con il tema “Mangiar bene per vivere bene.Come mantenere il nostro organismo e il sistema immunitario il più possibile in salute anche in tempi di pandemia. Tra scienza e tradizione. Riflessioni, suggerimenti e qualche ricetta”. L’appuntamento successivo si terrà il 27 maggio durante il quale si parlerà di “Muoversi per restare vivi”, terzo e ultimo incontro il 9 giugno con “Il cibo dell’anima. Ridurre lo stress, nutrire la mente e lo spirito per rinforzare il sistema immunitario e vivere felici e contenti. Un obiettivo che tutti meritiamo di raggiungere”.
Tutti gli incontri si terranno online dalle ore 15 alle 17,30 si potrà accedere a questo link

Genova: Auser e Spi Cgil insieme nella gestione di un bene confiscato alla mafia. Parte il progetto “nessun uomo è un’isola” coabitazione solidale fra generazioni
Auser e lo Spi Cgil si stanno occupando a Genova nello storico quartiere di Sampierdarena del riutilizzo di due appartamenti confiscati alla mafia con l’obiettivo di farne due abitazioni per giovani e anziani. L’idea è quella di pensare a una coabitazione intergenerazionale ovvero a una forma di ciò che oggi va sotto il nome di co-housing. Abitare insieme per condividere tempi, spazi, ritmi, esperienze. Il progetto si chiama “Nessun uomo è un’isola” e nasce proprio con l’obiettivo di avviare processi virtuosi di socializzazione tra generazioni diverse riconsegnando alla collettività ciò che prima era in mano alla criminalità organizzata.
A Sampierdarena il sindacato dei pensionati si sta attivando insieme ad Auser per rendere operativo il riuso di due immobili confiscati che accoglieranno persone in difficoltà con problemi abitativi (o perché non possono far fronte al pagamento di un affitto o non hanno i requisiti per accedere all’edilizia residenziale pubblica).
Nei due appartamenti troveranno posto una decina di persone (4-5 ad appartamento). L’identikit potrebbe essere il seguente: giovani coppie con figli piccoli e coppie di anziani in grado di sostenersi vicendevolmente. Gli anziani potranno fornire assistenza e aiuto alla coppia dei genitori soprattutto se impegnati con il lavoro fuori casa tutto il giorno e, allo stesso tempo, potranno farsi portatori di storie e di esperienze e fornire così il loro contributo. I giovani, d’altro canto, saranno una buona compagnia per gli anziani ma potranno anche aiutarli nel disbrigo di tutte quelle pratiche che necessitano sempre più dell’utilizzo della tecnologia o  anche potranno insegnare loro come si usa uno smartphone. Auser e Spi, dopo essersi fatti attivatori, promotori e artefici del progetto, potranno mettere a disposizione i propri servizi per tutto il quartiere. Auser con interventi di aiuto, accompagnamento degli anziani, trasporto sociale, compagnia telefonica. I pensionati della Cgil con i servizi previdenziali e quelli fiscali a tutela non solo degli anziani ma anche dei più giovani.
Il progetto di Spi e Auser infatti è stato condiviso anche dal Comune di Genova ed è diventato parte integrante del progetto più generale di riqualificazione del centro storico di Genova e di riutilizzo dei beni confiscati alla mafia.
Fonte: Libereta.it

Milano, “Più forti insieme” Auser Lombardia e Actimel Danone insieme per la campagna vaccinale  
Dal 28 aprile 2021 si è avviata la collaborazione tra Auser Lombardia e Actimel di Danone per la buona riuscita della campagna vaccinale per le persone anziane e fragili nell’ambito della Città Metropolitana di Milano.Con il progetto “Più forti insieme con Auser” il brand dell’azienda B-Corp sosterrà Auser per garantire l’accompagnamento protetto ai punti vaccinali, in una delle aree più toccate dalla pandemia.
Si tratta di un’operazione di sostegno forte e concreta all’interno di una delle aree più colpite dalla pandemia, dove vivono più di 3.000.000 di abitanti, di cui oltre 750.000 over 65, e che è volta a coprire tutte le necessarie attività che bisogna espletare per effettuare la vaccinazione di questa categoria di persone: dall’adesione tramite inserimento dei dati sulla piattaforma alla prenotazione dell’appuntamento fino al trasporto protetto ai centri per la somministrazione, all’assistenza in loco e al successivo accompagnamento alle abitazioni private, si tratta di azioni che si ripetono sia per la prima dose che per il richiamo del vaccino. A sostenere l’iniziativa anche il calciatore della Nazionale Leonardo Bonucci che ha testimoniato la sua vicinanza al progetto con una videochiamata a una persona anziana che ha appena ricevuto il vaccino e al volontario di Auser Lombardia che l’ha assistita, diventando portavoce dell’iniziativa sui suoi canali social.
La collaborazione con Auser Lombardia prevede altre iniziative. Oltre al sostegno per l’accompagnamento degli anziani alla vaccinazione, infatti, Danone donerà una fornitura di prodotti Actimel, supporto quotidiano al rafforzamento del sistema immunitario, ad alcune RSA lombarde (in particolare, sono state individuate tre strutture presenti nelle città di Sesto San Giovanni, Legnano e Vergiate). Inoltre, nell’ambito del servizio di consegna a domicilio della spesa a favore degli anziani, Actimel donerà degli speciali kit che includono una mascherina, un leaflet informativo e un buono sconto per i suoi prodotti. L’attività coprirà l’area di Milano, Varese, Ticino Olona e Monza Brianza.

Nei numeri e nell’esperienza del progetto Riesco Marche il valore del terzo settore in rete
113.425 servizi effettuati complessivamente, dal contrasto alla povertà al sostegno a domicilio o a distanza, di cui 41.566 rivolti a famiglie. Una partnership di 14 reti e associazioni regionali, con oltre 750 sedi locali distribuite su tutta la regione. 2.634 i volontari impegnati nelle attività messe in campo.
Sono alcuni dei numeri del progetto “R.i.e.s.co. Marche (Reti inclusive e solidali per la comunità) – Terzo settore in rete per l’emergenza Covid-19”, finanziato dalla Regione Marche con risorse statali del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con il contributo della Consulta Fondazioni Casse di Risparmio marchigiane e con il patrocinio di Anci Marche. Da luglio 2020 a fine febbraio scorso, 14 organizzazioni di volontariato e promozione sociale riunite in un’Ats (associazione temporanea di scopo), con capofila Auser Marche, hanno messo in campo un sistema integrato di interventi su tutto il territorio regionale, per contrastare gli effetti di esclusione sociale, precarizzazione e marginalizzazione acuiti dalla pandemia.
Di numeri, esperienza e prospettive del progetto, durato 7 mesi, si è parlato sabato scorso durante un incontro conclusivo tenutosi on line e trasmesso in diretta streaming. L’iniziativa, condotta dalla referente per Auser Marche Manuela Carloni, ha visto numerosi interventi, con le associazioni coinvolte, la Regione Marche e la Consulta Fondazioni Casse di Risparmio marchigiane, il Forum regionale terzo settore e il CSV Marche (l’incontro integrale può essere rivisto sulla pagina facebook di Riesco Marche).

Ancona, ad Auser il Ciriachino 2021, la Civica Benemerenza del Comune di Ancona
Il 4 maggio, giorno del S. Patrono San Ciriaco, presso l’Auditorium della Mole, preceduta dalla Santa Messa in Cattedrale, si è svolta la cerimonia di consegna delle benemerenze cittadine, il Ciriachino 2021, consegnato a enti o persone che si sono particolarmente distinte per  merito e impegno solidale. Fra i destinatari anche Auser Ancona e i suoi circoli, guidata da Sergio Gradara. Questa la motivazione: ”All’ Associazione di volontariato  AUSER provinciale di Ancona- operativa da oltre 30 anni come circolo ricreativo culturale organizza conferenze, gite, corsi, spettacoli ecc presso la struttura de “I giovani di ieri” e presso case di riposo. Una grande risorsa per gli anziani della città e un antidoto alla solitudine”

Lecco, videochiamate ai volontari per combattere la solitudine
I volontari di Auser Lecco hanno inaugurato il servizio di telefonia sociale in videochiamata, per essere ancora più vicini agli anziani che seguono e assistono. «Per noi comincia una nuova esperienza importante – spiega il presidente di Auser Lecco Claudio Dossi – La solitudine verrà ulteriormente abbattuta, i nostri anziani non sentiranno più solo la voce dei nostri volontari, ma vedranno anche i loro visi, i loro sguardi e i loro sorrisi». I volontari lecchesi di Auser sono 470 e le persone fragili di cui si fanno carico sono 1.462. «Mai come in questo periodo così delicato il grande operato delle attività dei volontari e degli operatori del Terzo settore è stato fondamentale per garantire servizi preziosi», ha commentato l’assessore regionale a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità Alessandra Locatelli

Casalpusterlengo (LO), lo spazio verde Auser si trasformerà in una palestra all’aperto
Zumba e aikido si faranno in mezzo al verde: a Casale l’Auser ha deciso di mettere a disposizione della palestra Energym Casale e di Aikikai Lodi lo spazio Orto aperto. Dalla prossima settimana nel fazzoletto di terra all’angolo fra via Scotti e via De Gasperi sarà possibile osservare giovani, adulti e anziani alle prese con il loro corso o con i loro allenamenti. «Orto aperto significa aperto a tutti, l’ho sempre detto – spiega la presidente dell’Auser Tea Valendino -, pertanto, sapendo che nel settore delle palestre ci sono ancora difficoltà legate alla riapertura, ho pensato di mettere a disposizione la nostra area verde: da lunedì prossimo quindi, nel corso della settimana, dalle 18 alle 20 circa, nello spazio libero accanto a fiori, ortaggi e percorsi sensoriali, si alterneranno gli esercizi proposti dalla palestra Energym e le arti marziali di Aikikai all’aperto». Nonostante il passaggio in zona gialla infatti per le palestre sono ancora in vigore forti limitazioni.  Così in attesa che a giugno le palestre possano riaprire in toto, lo sport si fa sotto il cielo, all’Orto aperto, noto anche come Orto terapeutico. Aperto e terapeutico proprio come lo sport.
Fonte: Il Cittadino di Lodi

 
L’emporio solidale di Empoli (FI), grazie all’impegno del volontariato

Come se fosse un vero supermercato, ma dove i clienti non pagano e possono prendere cibo e prodotti alimentari gratuitamente grazie a una tessera: è l’Emporio Solidale di Empoli, il nuovo progetto che l’amministrazione comunale ha messo in piedi per cercare di lenire le difficoltà di tante famiglie in crisi per l’emergenza pandemica da Covid-19. Volontariato in prima linea, con le associazioni empolesi pronte a rispondere alla nuova sfida.
L’Emporio Solidale, nel centro cittadino di Empoli, sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 con la presenza di personale volontario proveniente dalle associazioni in rete: Auser Filo d’Argento Empoli, Caritas Empoli, Caritas Ponte A Elsa, Caritas Ponzano, Caritas Parrocchia Santa Maria a Ripa, Croce Rossa comitato di Empoli, Misericordia di Empoli, Re.So recupero solidale, Arci Empolese Valdelsa, Vecchie e Nuove Povertà, oltre al Comune e al Servizio Sociale della SDS Empolese Valdarno Valdelsa.
Il progetto Emporio non si esaurisce nel semplice conferimento di generi alimentari, ma vuole inserire i soggetti in stato di bisogno in un percorso di reciproco aiuto: le persone potranno svolgere attività di interesse comune e di volontariato all’interno del negozio stesso, nonché ricevere consulenze di orientamento al lavoro.
Fonte: quinewsempolese.it
 

Cesena, presto il nuovo Emporio Solidale
Sarà realizzato all’ex Centro Servizi di via Guido Rossa 140, a Torre del Moro, e non più all’ex tavola calda Fricò, il nuovo emporio solidale promosso dal Comune di Cesena insieme a nove associazioni locali (Adra, Arci Cesena, Auser, Banco di Solidarietà, Campo Emmaus, Caritas, Centro di Aiuto alla Vita, Croce Rossa Italiana e San Vincenzo De’ Paoli). I lavori inizieranno nei prossimi mesi e l’apertura è prevista entro la fine dell’anno. La struttura, negli obiettivi tracciati dall’amministrazione comunale, nasce dall’esigenza di aiutare concretamente le persone nel bisogno primario del cibo e dunque di contrastare l’impoverimento di molte famiglie residenti nel territorio cesenate.
Fonte: Il Resto del Carlino

Villa del Conte (PD), un nuovo pulmino per il trasporto sociale
L’Auser di Villa del Conte con il supporto degli sponsor ha ricevuto in comodato d’uso per quattro anni un pulmino dotato anche della possibilità di trasportare persone con disabilità. «Una importante sinergia tra amministrazione comunale ed Auser, per i cittadini che ne avranno bisogno e in particolare per raggiungere i centri vaccinali, presentando la richiesta agli uffici comunali», sottolinea il sindaco Antonella Argenti. Nel 2019 l’Auser ha eseguito 400 servizi, la prospettiva è quella di crescere ancora.
Fonte: Il  Mattino di Padova

Cinisi (PA), il ricordo di Peppino Impastato a 43 anni dalla scomparsa
Anche quest’anno a Cinisi (PA) un intenso programma di iniziative per ricordare Peppino Impastato, attivista ucciso barbaramente dalla mafia il 9 Maggio del 1978. Per il 43° anniversario, i familiari, il Centro Impastato, i compagni e compagne di Peppino, le associazioni hanno rivolto un appello a tutte quelle realtà che si richiamano ai valori che caratterizzarono l’attività di Peppino Impastato, lotta alla mafia e all’oppressione, impegno per i diritti umani, giustizia sociale, per realizzare un corteo – diffuso su scala nazionale, realizzando una serie di presidi in vari luoghi di memoria e attivismo.
Sabato 8 maggio alle ore 10 ci sarà un omaggio a Portella della Ginestra a cui parteciperanno Vincenzo Palermo, Presidente. Auser Piana degli Albanesi, Adriano Sgrò, Coordinatore nazionale di Democrazia e lavoro CGIL, l’Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato, l’Associazione Peppino Impastato, Centro Impastato – No mafia Memorial e Serafino Petta, l’ultimo dei testimoni della strage di Portella.
A seguire numerose iniziative, incontri, presidi, letture, momenti di socialità, tutti contingentati e svolti secondo le norme anti-covid, per ricordare Peppino Impastato e ribadire la lotta a tutte le mafie.

Gabicce Mare (PU), Auser aiuta le famiglie in difficoltà
Auser “Circolo d’Argento” di Gabicce Mare (PU) ha consegnato all’Assessore ai Servizi Sociali Marila Girolomoni 40 buoni spesa alimentare del valore di 25 euro cadauno, da donare alle famiglie in difficoltà.
“Grazie ad Auser, a tutti i volontari e al Presidente Benito Giunta- sottolinea l’Assessore Girolomoni- Ancora una volta si è dimostrata vicina alle esigenze della comunità in questo periodo difficile. Già lo scorso natale l’Associazione aveva consegnato buoni spesa, e a distanza di poco tempo, questa ulteriore donazione ci riempie di gioia. In questi anni l’Auser si è sempre mostrata parte attiva della vita sociale del nostro Comune. Il loro sostegno si ripete negli anni con costanza e fermezza. La vicinanza dell’Auser ai servizi sociali del Comune di Gabicce Mare è un punto di forza di valore inestimabile”.
Fonte: Comune di Gabicce Mare

 
Palermo, 25 aprile “ieri, oggi e domani. Liberi sempre”

Il 25 Aprile 2021 ha visto L’Auser di Palermo impegnata insieme ad ANPI a portare fiori nei monumenti dei partigiani di Palermo , Monreale di Terrasini, Altofonte , Corleone e poi celebrarlo il 27 in videoconferenza con l’iniziativa “ieri, oggi e domani. Liberi sempre”.  
Si sono collegati 55 soci Auser e i dirigenti  metropolitane di ANPI  e dell’Auser, hanno partecipato inoltre il segretario generale Spi di Palermo e Mario Vallone dell’ANPI Nazionale. Per oltre due ore ci si è  confrontati sul tema della Liberazione.  Si sono svolti 10 interventi, significativo quello della Professoressa Rosa Maria Dell’Aria , socia onoraria Auser ,dove ha ricordato tra l’altro la vicenda della sua sospensione dalla scuola per un libero pensiero dei propri studenti che solo dopo la solidarietà nazionale ha vinto in tribunale e si è vista ritirare la sospensione. Sono altresì intervenuti dirigenti Auser figli di partigiani , si sono proiettati video autoprodotti e alle 18.00  ha concluso Mario Vallone dell’Anpi nazionale collegando il filo che lega la Libertà conquistata dai partigiani 76 anni fa ad oggi e un domani dove ci si deve battere e impegnarci per essere Liberi Sempre.
La videoconferenza conferenza si conclusa con il canto corale di Bella Ciao

Gemona (UD), Auser in campo per il trasporto al centro vaccinale
Il trasporto verso il centro vaccinale di Gemona per le persone non autosufficienti sarà a disposizione grazie alle associazioni Auser Alto Friuli e Angeli in Moto di Gonars. Angeli in Moto è un’associazione di motociclisti che distribuiscono farmaci e sostegno alle famiglie in difficoltà e dunque autorizzata a fare il servizio di trasporto, che sarà gratuito e può essere prenotato il 6, 13, 20 e 28 maggio dalle 9 alle 12 chiamando il 349.4102293. «L’Auser Alto Friuli – spiega l’assessore Monica Feregotto – concede ad Angeli in Moto, a titolo gratuito, l’utilizzo di mezzi per il trasporto di persone disabili per agevolare le operazioni di vaccinazione al centro commerciale “Le Manifatture”.
Fonte: Il Messaggero Veneto

La Spezia, Auser partner del progetto “Abitare la casa”
Accogliere in alloggi persone in condizione di fragilità o a rischio marginalità, inserendole in un percorso lavorativo che sul lungo periodo permetta di renderle autonome e integrate all’interno della comunità. È questo l’obiettivo del progetto «Abitare la casa» realizzato con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando «Territori Inclusivi», promosso in collaborazione con Fondazione CRC e con l’adesione di Fondazione De Mari, a cui prendono parte ben nove partner tra enti e associazioni del territorio: cooperativa Lindbergh come ente capofila del progetto, Croce Rossa della Spezia, Auser, Gruppo San Giovanni Bosco, Missione 2000, le associazioni Buon Mercato e Kairos Aps Tempo e Valore alle persone e infine i tre Distretti sociosanitari della provincia. Saranno proprio gli enti e le associazioni partner del progetto, attraverso la loro consolidata rete di assistenza sociale diffusa sul territorio, a intercettare le persone che potenzialmente potrebbero beneficiare del percorso di inserimento alloggiativo e lavorativo. I beneficiari (10 al massimo) dovranno accettare un piano educativo individuale, impegnandosi ad aderire all’attività di mediazione sociale che anima il progetto: le persone verranno coinvolte in progetti educativi personalizzati, con l’aiuto di educatori che lavorano in servizi di mediazione sociale e nelle associazioni partner di “Abitare la casa”.
Fonte: La Nazione


Dal Sindacato


Vaccini: Comitato Right2cure, il 5 e il 6 maggio al WTO Draghi sostenga moratoria dei brevetti
“Al WTO potrebbe essere l’ultima chiamata per i popoli della Terra, un punto di non ritorno: il 5 e il 6 maggio Draghi sostenga la proposta di moratoria dei brevetti di India e Sud Africa, così come gli abbiamo chiesto nella lettera del 19 aprile scorso!”. Così il Comitato Italiano per l’Iniziativa dei Cittadini Europei “Right2cure-No profit on pandemic”, di cui la Cgil fa parte con un centinaio di realtà associative. La Campagna ha l’obiettivo di raccogliere 1 milione di firme per chiedere all’Ue di modificare gli accordi commerciali e sospendere i brevetti dei vaccini. Nel comunicato stampa il Comitato italiano cita le cifre “spaventose e inarrestabili” della tragedia indiana e brasiliana, che “richiedono scelte drastiche: stop ai brevetti”, perché “l’aumento dei decessi in tutto il pianeta è in stretta correlazione con la disponibilità dei vaccini, che le aziende titolari dei brevetti non sono in grado di assicurare, per cui bisogna urgentemente coprire il fabbisogno mondiale consentendo la produzione in tutte le aziende che abbiano le tecnologie”.
 “Solo lo 0,2% delle dosi è stato somministrato nei paesi a basso reddito – si ricorda nella nota – ed è qui che la pandemia continuerà a dilagare, a modificarsi e a circolare ovunque, con conseguenze disastrose per tutti”. Infine il Comitato informa che “tre giorni fa in Brasile il Senato ha approvato, in contrasto con il presidente Bolsonaro, una legge che, qualora venisse approvata anche dalla Camera, permetterebbe la sospensione temporanea dei brevetti. Scelta – conclude – che potrebbe essere realizzata anche dai governi europei”. Per maggiori informazioni noprofitonpandemic.eu Per firmare l’ICE eci.ec.europa.eu


Anziani e dintorni


La dura vita degli Anziani nelle RSA. L’inchiesta della Sant’Egidio
L’indagine sulla condizione degli anziani istituzionalizzati al tempo de Covid ha riguardato 240 strutture tra RSA e case di riposo, in 11 città e 10 regioni italiane. E’ nata come un’inchiesta “dal basso”, ovvero dall’esperienza diretta dei volontari della Comunità di Sant’Egidio con gli anziani nell’ultimo anno. La pandemia, come è noto, ha colpito soprattutto gli anziani ricoverati nelle strutture socioassistenziali, in molte delle quali si è verificato un numero altissimo di contagi e, spesso, di decessi. Ma anche per coloro che sono scampati al contagio, la vita in RSA o in Casa di Riposo si è fatta durissima, insostenibile. Malgrado appelli, evidenze scientifiche e le raccomandazioni delle istituzioni sugli effetti nefasti della solitudine e dell’isolamento, e anche dopo la somministrazione dei vaccini, in molte strutture per anziani – e altrettanto si può dire per le strutture per i disabili, in alcune delle quali la situazione è perfino più grave – dobbiamo constatare che nulla è cambiato. Siamo ancora in presenza di un’eterna “zona rossa”, confermata dai dati raccolti in questa indagine:   il 64% delle strutture esaminate non consente alcun tipo di visita ai propri ospiti, addirittura solo il 15% ammette amici e volontari;  la cosiddetta stanza degli abbracci di cui si è a lungo parlato, dopo un anno è presente in meno del 20% delle strutture esaminate;  il servizio delle video-chiamate, semplice da realizzare, è presente in meno della metà delle strutture;  nel 61,18% delle strutture analizzate è proibita ogni tipo di uscita, comprese quelle per effettuare esami medici specialistici;  l’assistenza religiosa, diritto fondamentale, è stata trascurata e risulta assente nel 65% delle strutture.
Non sono numeri: sono nomi, volti, storie di migliaia gli anziani, che non vedono un volto familiare, amico, da oltre un anno.
Fonte: santegidio.org


Associazionismo Volontariato Terzo Settore


Il Cesvot riconosciuto come Centro Servizi accreditato per la Toscana
Cesvot è stato accreditato quale Centro Servizi di volontariato per la Toscana in base alle verifiche ed alle procedure previste dalla nuova normativa nazionale. Il riconoscimento è arrivato dall’Organismo nazionale di controllo con una delibera del 30 marzo scorso. Con l’accreditamento, i destinatari dei servizi di Cesvot sono tutti gli enti toscani del Terzo settore che, se di rilevanza regionale, potranno anche aderirvi come soci, ad eccezione degli enti costituiti in forma societaria. Secondo quanto stabilisce la legge regionale 65 del 2020, la Regione e i suoi enti dipendenti, le aziende e gli enti del servizio sanitario regionale e, nel rispetto della loro autonomia regolamentare, gli enti locali singoli o associati, possono concludere con il centro servizi per il volontariato accreditato (dunque con Cesvot) accordi e convenzioni per lo svolgimento di attività di supporto tecnico, formativo e informativo al fine di promuovere e  rafforzare la presenza e il ruolo dei volontari negli enti del Terzo settore. Inoltre un rappresentante designato dal centro servizi farà parte della Consulta regionale del Terzo settore.
Per info: cesvot.it

Servizio Civile Universale, incontro con i nuovi vertici  
La Consulta Nazionale del Servizio Civile Universale ha incontrato il 28 aprile i nuovi vertici:  la ministra Dadone e il Consigliere De Giorgi nuovo Capo Dipartimento.
“Con interesse – dichiara Licio Palazzini presidente della CNESC – abbiamo ascoltato dal Ministro l’indicazione degli obiettivi principali del suo mandato: allargamento dell’accesso al SCU di tutte le fasce giovanili, in particolare quelle meno dotate di autonomi strumenti di protagonismo, stabilizzazione dei fondi per un contingente di almeno 50.000 posizioni per il 2021-2023, anche con fondi europei tramite il PNRR, contributo – anche attraverso il servizio civile – allo sviluppo della transizione digitale ed ecologica.  Con il nostro intervento, come in molti altri, abbiamo sottolineato come questi obiettivi debbano essere iscritti nelle finalità del Servizio Civile Universale mirabilmente espressi dal Presidente Draghi in Parlamento e riportati nella Programmazione Triennale.  Una difesa della Patria che abbiamo sentito più che mai attuale durante la pandemia, periodo durante il quale è stato ancora più evidente l’apporto dei giovani in servizio civile nel supporto alle comunità, nella protezione della popolazione più fragile e più in generale nella promozione dei principi costituzionali. Per questo abbiamo chiesto che i riferimenti al SCU nel PNRR fossero collocati nel Capitolo “Infrastrutture sociali, famiglia, comunità, terzo settore” anziché in “Politiche attive del lavoro” e che fin dai prossimi giorni nella comunicazione politica emerga questa natura del servizio civile universale, superando la focalizzazione sulla sola occupabilità. Questo anche per evitare distorsioni nel messaggio ai giovani e agli enti. La positiva risposta data dal Ministro a questa sollecitazione consolida le basi per una collaborazione di cui tutti avvertiamo la necessità. Infatti per il Servizio Civile Universale si pongono importanti sfide”.
Per info. www.cnesc.it
 


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

 

 

 

 

 

 

 

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *