Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 24 numero 45 – 15 dicembre 2021

Scritto da
15 Dicembre 2021

Agenzia settimanale – Anno 24 numero 45 – giovedì 15 dicembre 2021
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


Auserinforma

Lettera aperta della rete della rete Per un nuovo Welfare a Draghi e al Governo
La rete Per un nuovo Welfare di cui Auser fa parte insieme al oltre cento associazioni, enti e personalità della società civile, hanno indirizzato una lettera aperta  al Presidente del Consiglio  e al Governo affinché la messa in opera delle riforme e degli investimenti cambi davvero in meglio il welfare del nostro Paese.
“Abbiamo scritto nuovamente a Draghi e al suo Governo per evidenziare le mancate risposte e le carenze del PNRR in tema di welfare: «Abbiamo apprezzato lo sforzo della Sua Presidenza di offrire nel documento “Italia Domani” una lettura molto attenta alle criticità strutturali del nostro Paese in materia di digital divide, di riconversione ecologica delle fonti di energia e dell’economia, del divario infrastrutturale tra Nord e Sud, di fondi per la ricerca e la povertà educativa, per la coesione sociale e per la sanità diffusa, all’interno delle sei missioni di “Italia domani”, ma non ci siamo ritrovati nelle visioni che sottendono alle riforme ed agli investimenti previsti per far fronte alla ripresa ed alla resilienza».
Tutte le info e il documento integrale su www.perunnuovowelfare.it   

Sciopero Generale: il sostegno dell’Auser
Auser sostiene lo sciopero generale proclamato dalla Cgil e dalla Uil per il prossimo 16 dicembre e ne condivide le ragioni. “Riteniamo che la legge di Bilancio avrebbe dovuto essere più incisiva sul fronte delle emergenze sociali del Paese, prendendo provvedimenti coraggiosi per contrastare le diseguaglianze presenti in modo drammatico nel nostro Paese -sottolinea Domenico Pantaleo presidente nazionale Auser – Auspichiamo inoltre che la proclamazione dello sciopero generale porti ad una maggiore attenzione verso i lavoratori, le famiglie e i pensionati e confidiamo che un dialogo più costruttivo fra le forze sociali e il Governo si possa comunque riprendere”.
Auser parteciperà alle manifestazioni che si svolgeranno nelle diverse città italiane.
 
 
La Spezia, Auser in campo con il progetto “Alfabeto anziani”
Poter avere un farmaco a casa oppure qualcuno che venga a insegnare come ricevere e mandare una email. O avere un posto dove andare a incontrare un po’ di gente, per passare due ore a chiacchierare. O sapere che in caso di bisogno puoi fare una chiamata e arriva un mezzo di trasporto che ti accompagna dove serve. Sono questi e altri simili, semplici ma indispensabili, i servizi dedicati agli anziani della provincia di La Spezia e della Lunigiana selezionati da Fondazione Carispezia che ha deciso di sostenerli con oltre 300mila euro. Il bando si chiama «La comunità per i suoi anziani», i progetti individuati sono sei. E l’obiettivo generale è quello di potenziare la rete di aiuti e servizi a favore di questa fascia particolarmente fragile della popolazione.
Il presidente Andrea Corradino sottolinea che «con questo bando la Fondazione ha voluto incentivare la creazione di collaborazioni concrete tra pubblico e privato per il raggiungimento di uno scopo comune: migliorare la qualità di vita della popolazione anziana del nostro territorio, da valorizzare come ricchezza per le nostre comunità».
Le sei iniziative, sostenute complessivamente con circa 330 mila euro, prevedono interventi innovativi e integrati su tutto il territorio della provincia della Spezia e della Lunigiana, messi in campo da partnership formate da Comuni e organizzazioni del Terzo settore: dal promuovere la domiciliarità come percorso preferenziale volto a garantire la permanenza dell’anziano nel proprio contesto di vita al supporto rivolto anche ai familiari per ricostruire relazioni sociali interrotte dalla pandemia, fino alla sperimentazione di modelli innovativi per un’assistenza di prossimità in risposta ai nuovi bisogni.
Il primo dei sei progetti si chiama «Alfabeto anziani» e ne è responsabile Auser La Spezia: prevede laboratori e servizi di counseling anche per ridurre il divario digitale tra generazioni. Il progetto presentato da Auser La Spezia è un tentativo di consolidare le  tradizionali attività Auser di aiuto alla persona con qualche innovazione nel sostegno alla domiciliarità “nello spirito degli obiettivi che ci siamo dati e dei progetti che saranno attivati con i fondi pnrr”.
Fonte: Corriere Buone Notizie

Napoli, presentazione del libro sulla nuova emigrazione italiana “Quelli che se ne vanno”
”Quelli che se ne vanno. La nuova emigrazione italiana” è il titolo del libro di Enrico Pugliese  edito da Il Mulino che verrà presentato il 20 dicembre alle ore 16.00 presso lo Spi Cgil Campania in via Duomo 296.
L’evento è organizzato dallo Spi Cgil e dall’Auser Campania.
Presiede Franco Tavella segretario generale Spi Cgil Campania. Ne discutono con l’autore: Anselmo Botte presidente Auser Campania, Nino Cavalieri Spi Campania Napoli, Rino Giuiiani istituto Fernando Santi, Ernesto Rocchi segretario Spi Nazionale.

Padova, i 30 anni del Centro Veneto Progetti Donna Auser
Il prossimo 21 dicembre, alle ore 19, presso la Sala Paladin di Palazzo Moroni in via del Municipio a Padova il Centro Veneto Progetti Donna- Auser organizza la  presentazione del libro “Siamo state tutte”, il racconto dei primi trent’anni anni di attività del Centro Veneto Progetti Donna – Auser, associazione di volontariato che gestisce i Centri antiviolenza di Padova e provincia. 30 anni di vita, di lotte, di speranze e di traguardi. 30 anni di duro lavoro, svolto con passione e dedizione.
30 anni del Centro Veneto Progetti Donna e di tutte le donne che lo hanno attraversato. Sarà la prima presentazione al pubblico, a Padova, la città che ha dato i natali al Centro.
Per info: www.centrodonnapadova.it  info@centrodonnapadova.it

 
Piacenza, aperte le iscrizioni per i corsi 2022 dell’Università Popolare “Giuseppe Malvermi”, in presenza e con Greenpass. “La cultura per tutti è un toccasana anche contro la pandemia”
Dopo aver avviato i corsi in collaborazione con il Comune di Piacenza ed aver concluso quelli sospesi per l’emergenza pandemica, Auser cultura Piacenza propone i nuovi corsi dell’università dell’età libera in avvio a gennaio 2022. Iscrizioni aperte fino al 21 dicembre 2021, rende noto l’associazione in una nota stampa. I corsi si svolgeranno presso la sede Auser di via San Siro o in aule esterne più grandi e facilmente raggiungibili, in funzione del numero degli iscritti. “Il nostro slogan per questi corsi è “insieme, responsabilmente” perché la cultura fa bene ed è un toccasana anche contro la pandemia” spiega Auser Piacenza. I corsi partiranno in assoluta osservanza delle regole, rispettando le distanze e le disposizioni che prevedono l’accesso alle nostre attività e il possesso del Green Pass.
I corsi verranno avviati se raggiungeranno il numero minimo di partecipanti.
Tra i corsi proposti, quelli di inglese, di allenamento alla memoria  e “Mindfulness” , informatica per i nonni  e corsi anche su i nuovi smartphone, fra le novità corsi di Sudoku e Burraco.  Anche nel 2022 si terranno conferenze gratuite e aperte a tutti su argomenti relativi alla salute, all’economia, all’ambiente e ai diritti dei cittadini.
Per iscriversi è necessario chiamare lo 0523/1725250 da lunedì al venerdì, 9:30-12:30 e dal lunedì al giovedì anche al pomeriggio, dalle 15:00 alle 18:00. Indirizzo email: auser.piacenza@gmail.com

 
Monreale (PA), un Natale di solidarietà
Anche quest’anno, come negli anni precedenti ed in altre occasioni, l’Auser di Monreale Circolo di Biagio Giordano, intende, al pari di altre associazioni di volontariato, dare il proprio contributo alle famiglie bisognose della cittadina normanna. E con questo obiettivo i soci stanno provvedendo all’acquisto ed alla raccolta di beni di prima necessità che nei prossimi giorni verranno devoluti, su segnalazione del parroco Gino Rizzo della chiesa di San Francesco, a chi è meno fortunato, così che possa passare un Natale sereno.
Fonte: monrealepress.it

Valbisenzio (PO): 2300 interventi grazie a “T’accompagno io”
Sono stati oltre 2300, a partire da febbraio 2021, gli interventi svolti in tutta la Valbisenzio dall’associazione T’Accompagno io nata da Auser Valbisenzio e Auser Vaiano con il supporto dei Comuni di Vernio, Vaiano e Cantagallo. I volontari di T’Accompagno io hanno ora a disposizione un nuovo mezzo, un Doblò attrezzato per il trasporto di persone disabili.
“I numeri del lavoro svolto in questi che la dice lunga sull’efficacia di un’attività che si è rivelata preziosa nei mesi della pandemia”, ha sottolineato il sindaco Bosi. La generosa centrale operativa di T’accompagno io è composta da una trentina di volontari (autisti, accompagnatori e centralinisti). Adesso molti trasporti sono dedicati all’accompagnamento delle persone ai centri vaccinali.
Il servizio si svolge dal lunedì al venerdì in orari da concordare, basta telefonare al numero 370 3565393, dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.
Fonte: La Nazione

Empoli (FI), arte e solidarietà per aiutare l’Auser
Una sessantina di opere, tra cui quadri di Sineo Gemignani, una scultura di Graziella Bombardieri e dipinti di artisti locali e soci del Circolo amatori arti figurative di Empoli. Saranno tutti battuti all’asta in programma sabato 18 dicembre nella sede dell’Auser di Empoli. Il ricavato dell’evento andrà a cofinanziare le spese previste per l’acquisto di un nuovo mezzo di trasporto che sarà utilizzato per le attività che da trent’anni l’associazione porta avanti. L’originale iniziativa è stata pensata e proposta da Ilario Paci, socio dell’Auser, in collaborazione con il Circolo amatori arti figurative di Empoli, in particolare grazie all’apporto del presidente, l’architetto Silvano Salvadori che ha aiutato a mettere insieme le opere. L’asta di svolgerà nei locali di via Spartaco Lavagnini 53, a partire dalle 16.30. L’accesso è libero, per partecipare sarà richiesto il Green pass. «Ci auguriamo una buona adesione – dice il vice presidente dell’Auser empolese, Rossano Lazzeri – Le opere messe all’asta sono davvero interessanti e tutte quelle che verranno aggiudicate contribuiranno all’acquisto del nostro nuovo mezzo». Nelle casse dell’associazione le risorse non bastano mai, anche perché sono davvero tante le attività nelle quali sono impegnati i soci volontari, che complessivamente sono circa 400. Il nuovo mezzo di trasporto, in particolare, servirà per il servizio di accompagnamento sociale di persone anziane o con fragilità verso strutture sanitarie, per la spesa a domicilio a chi è impossibilitato a rifornirsi autonomamente, per il servizio recapito pasti dalla mensa comunale o per il trasporto verso attività di socializzazione organizzate dalla stessa Auser.
Fonte: La Nazione

Boretto (RE), riaperto lo spazio lettura della Bottega del Tempo Libero
Alla Bottega del Tempo Libero di Boretto (RE) dopo la lunga chiusura dovuta all’emergenza sanitaria, da domenica 12 dicembre ha riaperto  lo spazio lettura-emeroteca promosso insieme al Comune e Auser per arricchire l’offerta culturale e aggregativa in paese, offrendo occasioni di incontro e di relazioni. La struttura resterà attiva tutti i giorni, tranne lunedì, con a disposizione quotidiani e riviste, con volontari ad accompagnare gli utenti alla lettura e alla discussione. In funzione anche il servizio bar, abbinato all’attività di lettura, flessibile pure in base alle necessità e alle esigenze segnalate dagli utenti. A disposizione riviste su turismo, cucina, motori, giardinaggio, cucito, musica e altro ancora.
Fonte: Il Resto del Carlino

Pesaro, i mercatini solidali di Natale di Auser
Natale con Auser nei quartieri Pantano e Vismara di Pesaro. Sabato 18 dicembre, dalle 16 alle 20 nel parco di via Rossi, arriveranno i mercatini di Natale organizzati grazie all’Auser Volontariato di Pantano e al Consiglio di quartiere. Oggetti fatti a mano, lavori all’uncinetto candele e oggettistica a tema natalizio che si uniranno alla raccolta solidale di beni di prima necessità, alimentari, igienici e per la pulizia domenica, che saranno devoluti alle Caritas parrocchiali. L’Unione Ciechi, inoltre, sarà presente con un banco di golose cioccolaterie e sfiziosità natalizie.
Fonte: Il Resto de Carlino

Mercato Saraceno (FC), presepi in mostra con il contributo di Auser
La sindaca di Mercato Saraceno (FC) Monica Rossi e il maestro Gennaro Cerqua hanno inaugurato la prima mostra presepiale da lui realizzata alla nuova sala polivalente dietro il municipio. Grazie alla collaborazione con Auser la mostra sarà visitabile fino al 9 gennaio ogni sabato dalle 15 alle 18, la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, dal 18 al 24 tutti i giorni dalle 15 alle 18.
Fonte: Il Resto del Carlino

Vigarano Pieve (FE), una montagna di Pigotte Auser per l’Unicef
Il circolo Auser “La Camarazza” ha consegnato all’Unicef 1.160 euro come anticipo del ricavato dalla cessione delle prime bambole Pigotta. Quest’anno sono 95 quelle realizzate dai soci e socie della Camarazza che sono esposte nel salone centrale del circolo e si possono avere in cambio di un’offerta per contribuire a salvare un bambino nel mondo preservandolo dalle malattie. Circa metà delle Pigotte realizzate quest’anno sono già state “adottate” e si pensa di esaurirle in breve tempo. «Sono arrivate – spiega Gigliola Pozzata, coordinatrice del gruppo che ha realizzato le Pigotte – prenotazioni anche da fuori provincia e penso di riuscire ad esaurirle tutte dando, anche quest’anno, un buon aiuto economico all’Unicef». Questo è l’undicesimo anno in cui il circolo Auser partecipa alla realizzazione di Pigotte per aiutare l’Unicef. Si è partiti nel 2001, realizzandone 21, poi ogni anno il numero è aumentato e in questo lungo periodo di adesione ne sono state realizzate ben 3.712 e, naturalmente, si è pronti a scendere in campo anche per il prossimo anno con sempre lo stesso obiettivo: essere il circolo che nella nostra provincia riesce a realizzare il maggior numero di Pigotte.

Massa Lombarda (RA), è arrivato “Il cuore dei massesi”
Auser Massa Lombarda può contare, da oggi, su cinque mezzi per gli accompagnamenti e la consegna di farmaci a chi ne ha bisogno. Il nuovo arrivato è un Doblò rosso fuoco, – che immediatamente è stato soprannominato “Il cuore dei massesi” – attrezzato per il trasporto di carrozzine e acquistato dall’associazione grazie alle donazioni di sponsor privati. Si è dunque concluso col botto un anno speso all’insegna della collaborazione per il bene comune. I volontari, infatti, hanno collaborato per tutto il 2021 con diverse associazioni locali, prima tra tutte il Gruppo Alpini Massa Lombarda, per garantire tantissimi servizi pubblici, dalla vigilanza davanti alle scuole al supporto per la sorveglianza museale, dai presidi ai mercati settimanali ai servizi di accompagnamento degli ultraottantenni presso i centri vaccinali.
“Questo veicolo eleverà la qualità della vita dei cittadini di Massa Lombarda – ha affermato il sindaco Daniele Bassi – consentendo di svolgere attività importanti e delicate come il trasporto dei nostri anziani che ne hanno bisogno. E al tempo stesso ci consente ancora una volta di guardare oltre l’attuale emergenza Covid-19, perché Il cuore dei massesi è utile oggi e lo sarà, ancor di più, una volta superata l’emergenza sanitaria, restando al servizio della comunità”. Il sindaco ha quindi espresso a nome proprio e di tutta la Giunta il ringraziamento per il grande contributo che Auser fornisce ai cittadini e alla loro domanda di servizi.
Fonte: ravennawebtv.it

 
Sesto Fiorentino (FI): regali ai bambini con “La finestra di Jacopo”

Un giocattolo per aiutare i bambini che non ne hanno, anzi un giocattolo lasciato alla finestra affinchè un bambino possa prenderlo e usarlo. E’ questo il progetto “La Finestra di Jacopo” ideata da un bambino fiorentino che ha pensato bene di donare i proprio giochi che non usa più ma che sono in buono stato e lasciarli sulla finestra in modo che diventassero il gioco di altri bambini meno fortunati. L’iniziativa di Jacopo è partita dal quartiere 2 di Firenze e ora si è allargata a Sesto Fiorentino e Signa.
A Sesto Fiorentino è stata inaugurata martedì 14 dicembre. La finestra di Jacopo assume ancora di più un significato di solidarietà in questo periodo natalizio quando si tende a donare regali ai bambini. Con la Finestra di Jacopo si può continuare a farlo, riciclando e rimettendo in “gioco” è proprio il caso di dirlo, tanti pupazzi e giocattoli inutilizzati ma ancora in buone condizioni. Giocattoli che attendono di poter essere usati dai bambini. Chi vorrà potrà contribuire portando i propri giocattoli e mettendoli a disposizione dei bambini meno fortunati.
Fonte: tuttosesto.net

Cossato (BI), sede Auser intitolata a Elio Panozzo, partigiano, sindacalista, volontario
Grande partecipazione a Cossato (BI) per la cerimonia di intitolazione della sede Auser a Elio Panozzo, mancato un anno fa all’età di 94 anni. La comunità ha voluto omaggiare con una targa l’indimenticabile figura e le azioni compiute in vita, sempre a favore degli altri: partigiano e sindacalista, Panozzo è stato una figura storica del Pci e della Cgil e primo cittadino di Cossato dal 1978 al 1989. In seguito, si è impegnato nel volontariato e ha viaggiato nell’ex Jugoslavia portando assistenza e aiuti nella guerra civile. Dal 2003 è stato responsabile dell’Anpi Cossato-Vallestrona.
Fonte: newsbiella.it

 
Mulazzano (LO), riprende l’attività del centro prelievi con la collaborazione dei volontari Auser
«Con una ventina di utenti al giorno, a Mulazzano (LO) è ripresa a pieno ritmo l’attività del centro prelievi, che è tornato in paese dopo quasi due anni d’assenza». A più di un mese dall’avvio del servizio ripristinato all’inizio di novembre dopo lo stop legato all’emergenza Covid, è questo il primo bilancio tracciato dal presidente della consulta Auser Mario Dovera, l’associazione che gestisce il centro prelievi nell’ambulatorio in via Leopardi 7. «Siamo noi a prendere gli appuntamenti il martedì e il giovedì dalle 9.30 alle 10, mentre i prelievi vengono invece effettuati il martedì dalle 8.30 alle 9.30 e il giovedì dalle 8 alle 9.30 da un’infermiera inviata dall’ospedale di Lodi – afferma il presidente Dovera -. Ogni volta sono sempre una ventina gli utenti che si prenotano, si tratta in particolare di anziani con patologie croniche, mamme in dolce attesa o con i bimbi piccoli e più in generale chi è sprovvisto di un mezzo di trasporto, tutti soggetti che incontrerebbero non pochi disagi a raggiungere l’ospedale Maggiore di Lodi». È questo il motivo per cui, dopo lo stop a febbraio 2020 a causa dell’emergenza Covid, la popolazione mulazzanese ha invocato a più riprese il ripristino del centro prelievi, un servizio ritenuto basilare per l’intera realtà locale ricompresa tra il capoluogo di Mulazzano e le frazioni di Quartiano, Cassino d’Alberi, Casolta e Casoltina.
Fonte: Il Cittadino di Lodi
 


Dal Sindacato

16 dicembre Sciopero Generale proclamato da Cgil e Uil
Le Segreterie confederali nazionali di CGIL e UIL hanno proclamato lo sciopero generale di 8 ore per il 16 dicembre, con manifestazione nazionale a Roma e con il contemporaneo svolgimento di analoghe iniziative interregionali in altre 4 città, Bari, Cagliari, Milano e Palermo.
Alla manifestazione nazionale di Roma convocata a Piazza del Popolo alle ore 10 intervengono, tra gli altri, Maurizio Landini, segretario generale CGIL e PierPaolo Bombardieri, segretario generale UIL. Qui confluiscono le delegazioni di Lazio, Campania, Toscana, Abruzzo, Molise, Umbria, Marche, Romagna. A Bari la manifestazione si svolge in Piazza Libertà alle ore 10 con la partecipazione delle delegazioni di Puglia, Molise, Basilicata, Calabria. Previsti, tra gli altri, gli interventi di Gianna Fracassi, vice segretaria generale CGIL e Domenico Proietti, segretario confederale UIL. A Milano il concentramento è in Piazza Castello alle ore 9, al corteo confluiscono le delegazioni di Lombardia, Piemonte, Liguria, Trento e Bolzano, Valle d’Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia. Al comizio di Piazza Sempione all’Arco della Pace intervengono, tra gli altri, Tania Scacchetti, segretaria confederale CGIL e Ivana Veronese, segretaria confederale UIL. A Cagliari il concentramento è in Piazza dei Centomila dove interviene Roberto Ghiselli, segretario confederale CGIL.   Alla manifestazione di Palermo, convocata alle 9.30 in Piazza Verdi, l’intervento per la segreteria confederale della CGIL è affidato a Emilio Miceli.
Per tutte le manifestazioni interregionali è previsto alle 11.45 il collegamento video con Piazza del Popolo per le conclusioni di Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri.
Fonte: cgil.it


Anziani e dintorni
 

Istat, Italia sempre più vecchia
Al 31 dicembre 2020, data di riferimento della terza edizione del Censimento permanente, la popolazione in Italia conta 59.236.213 residenti, in calo dello 0,7% rispetto al 2019 (-405.275 individui). Questo calo – spiega l’Istat – è attribuibile prevalentemente alla dinamica demografica tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2020: infatti, il saldo dovuto al movimento demografico totale (saldo naturale più migratorio), desumibile dalle fonti anagrafiche, ha fatto registrare 362.507 unità in meno. L’Istat registra una diminuzione della popolazione in tutte le regioni, soprattutto al Sud e nelle Isole. Tutte le regioni registrano una contrazione di popolazione residente ad eccezione della Toscana, che ha una variazione pressoché nulla rispetto al 2019 per effetto del recupero censuario che ha annullato il contributo negativo della dinamica demografica. I cali maggiori si osservano in Molise (-2,1%), Calabria (-1,8%), Campania (-1,5%) e Sardegna (-1,3%).
La pandemia Covid-19 ha accentuato la tendenza alla recessione demografica già in atto e il decremento di popolazione registrato tra l’inizio e la fine dell’anno 2020 risente di questo effetto. La perdita di popolazione del Nord appare in tutta la sua drammatica portata in quanto totalmente ascrivibile alla dinamica demografica negativa (forte eccesso di decessi sulle nascite e contrazione del saldo migratorio), parzialmente mitigata nei suoi effetti dai recuperi statistici di popolazione operati dal censimento.
Fonte: Istat


Associazionismo Volontariato Terzo Settore
 

Servizio Civile. Rischiano di rimanere fuori oltre 22mila posizioni
La Conferenza nazionale enti servizio civile, CsvNet, Forum nazionale servizio civizle e Forum Nazionale del Terzo Settore, in un Comunicato stampa congiunto denunciano che nel Finanziamento Bando Servizio Civile rischiano di finire nel cestino 22.458 opportunità su 76.639.
“Ci sono  22.458 opportunità di servizio civile che stanno rischiando di finire nel cestino – scrivono nella nota congiunta – Questo l’assurdo dato che emerge dal decreto di finanziamento del prossimo bando di SCU.
Infatti, a fronte di 76.639 posizioni valutate positivamente dal Dipartimento Politiche Giovanili e Servizio Civile Universale, risultano stanziate risorse per 54.181 posizioni.
Chiediamo alla Ministra Dadone, al Presidente Draghi e al Parlamento di evitare questo colossale spreco.
Sono molti i provvedimenti in Parlamento cui il Governo e i gruppi parlamentari possono attingere per trovare i circa 100 milioni necessari per impegnare 76.639 giovani.”

Presentato il XIX Rapporto di Cittadinanzattiva sulle politiche della cronicità: liste di attesa in aumento con la pandemia. Un paziente su cinque rinuncia alle cure per motivi economici. E i caregiver chiedono più riconoscimenti e tutele
Un paziente su due dichiara che con la pandemia sono aumentate le criticità nell’accesso alla diagnosi e cura per la propria patologia. A subire rinvii e ritardi sono ancora le visite specialistiche e diagnostiche, in aumento le difficoltà ad attivare l’assistenza domiciliare integrata e a farsi riconoscere l’invalidità o handicap. Va meglio sul fronte della prevenzione, grazie al recupero di alcuni ritardi negli screening programmati e nelle vaccinazioni ordinarie. Dalla pandemia inoltre un impulso positivo alla telemedicina. Costi privati in aumento per un paziente su due e uno su cinque è stato costretto a rinunciare alle cure per motivi economici.  Insieme alle difficoltà e richieste dei cittadini affetti da una patologia cronica e rara, ci sono quelle dei caregiver familiari – oltre sette milioni nel nostro Paese – che chiedono meno burocrazia e più tutele a livello lavorativo e, i più giovani, nel percorso di studi.
La fotografia emerge dal XIX Rapporto sulle politiche della cronicità, dal titolo “La cura che (ancora) non c’è”, presentato  da Cittadinanzattiva e realizzato con il coinvolgimento di 64 associazioni di pazienti con patologia cronica e rara aderenti al CnAMC (Coordinamento nazionale Associazioni Malati cronici) e di circa 3000 pazienti. Il Rapporto è realizzato con il sostegno non condizionato di MSD e di Chiesi.
Tutte le info su www.cittadinanzattiva.it

Bergamo Capitale italiana del volontariato
L’annuncio è arrivato il 5 dicembre scorso durante le celebrazioni per la Giornata Internazionale del Volontariato: nel 2022 Bergamo sarà la prima Capitale italiana del volontariato. La nomina è stata comunicata a livello nazionale dalla presidente di CSVnet durante la manifestazione di Roma mentre ad annunciarlo ai cittadini e ai volontari bergamaschi con un evento locale sono stati il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e il presidente del Centro di servizio per il volontariato di Bergamo insieme alla presidente di CSVnet e al vicepresidente di Anci Stefano Locatelli.
 La nomina di Bergamo a prima Capitale italiana del volontariato è innanzitutto un premio al movimento della città e del territorio, che conta, secondo le stime diffuse dal Csv, circa 4.300 associazioni per oltre 100mila volontari: un dato in costante crescita e tanto più significativo se messo in relazione al numero degli abitanti della provincia (circa 1.115.000). La scelta di nominare Bergamo ha anche un fortissimo valore simbolico, in un territorio così colpito dalla pandemia da Covid-19, ma che ha saputo reagire grazie ai suoi volontari. Durante l’evento di lancio della Capitale, il sindaco Gori e il presidente Bianchi hanno presentato il logo della Capitale, che rappresenta un abbraccio come quello che i volontari portano quotidianamente con i loro servizio, e hanno anticipato che l’anno sarà ricco di eventi ma anche di percorsi e progettualità intorno a quattro temi cruciali: povertà, salute, giovani e cultura (in avvicinamento all’appuntamento del 2023, quando Bergamo e Brescia saranno insieme Capitale Italiana della Cultura).
Fonte: Redattore Sociale


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

 

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *