Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 25 numero 10 – 16 marzo 2022

Scritto da
16 Marzo 2022

Agenzia settimanale – Anno 25 numero 10 – mercoledì 16 marzo 2022
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


Auserinforma

Emergenza Ucraina. Già raccolti dalla rete Auser 18.000 euro  a sostegno di Intersos. Gli operatori arrivati a Leopoli, mancano medici, farmaci e materiale sanitario. Cliniche mobili di assistenza sanitaria ai confini con Polonia e Moldavia
“Ora siamo in Ucraina, a Leopoli, abbiamo iniziato a fare le prime distribuzioni nella città e nei prossimi giorni cercheremo di raggiungere e rifornire gli ospedali delle zone più centrali del paese, a ridosso dei combattimenti”. E’ la testimonianza degli  operatori e delle operatrici di Intersos, l’organizzazione umanitaria che Auser ha scelto di sostenere, e che è impegnata dallo scoppio della guerra a dare aiuto ai cittadini ucraini più fragili e vulnerabili come anziani e bambini.“A Leopoli stiamo iniziando la distribuzione di generi di prima necessità. Mancano medici, farmaci e materiale sanitario.  Gli ospedali e le strutture mediche di Leopoli sono in crescente affanno ma le strutture a ridosso della zona dei combattimenti sono già sottoposte ad una pressione insostenibile”.
Intersos è inoltre presente ai confini con Polonia e Moldavia dove arrivano migliaia di persone. Grazie alle unità mediche mobili gestite dai medici di Intersos si riesce a dare un primo  aiuto sanitario “i bambini e gli anziani sono traumatizzati, mostrano segni di disidratazione e malnutrizione e sono  molto sofferenti”  raccontano gli operatori.
E’ possibile contribuire all’iniziativa effettuando un bonifico sul conto corrente dedicato attivato da Auser Nazionale:
IT45A0103003201000002793944 Intestato ad Auser Odv Federazione Nazionale
 

“Ukraine Calling”: tornano gli incontri del giovedì di “Una Finestra sul Mondo” per approfondire la crisi in corso
Torna l’appuntamento con “Una Finestra sul Mondo”, il ciclo di videoconferenze di geopolitica promosso da Auser Cultura e Lo Spiegone. I prossimi seminari, dal titolo “Ukraine Calling”, saranno incentrati sulla crisi ucraina, per conoscere e capire gli eventi in corso oltre l’informazione superficiale e gli schieramenti precostituiti.
Il primo incontro si terrà online giovedì 17 marzo dalle 18,30 alle 19,30 e avrà come titolo: “Ucraina, la situazione economica e militare dopo l’invasione russa”. I relatori saranno  Guglielmo Russo Wälti, redattore Economia redazione Nord America Lo Spiegone e Livia Di Bernardini, redattrice Strategia Lo Spiegone.
Ogni giovedì alla stessa ora si approfondirà un tema diverso, utile a orientarsi nell’attualità.
E’ possibile seguire la videoconferenza via Zoom, all’indirizzo https://us06web.zoom.us/j/91626759916, oppure in diretta facebook sulla pagina di Auser Nazionale (www.facebook.com/auser.it)

Su www.auser.it la sezione dedicata all’emergenza ucraina
All’indirizzo www.auser.it/emergenza-ucraina tutti gli aggiornamenti sull’impegno di Auser a sostegno della popolazione ucraina colpita dalla guerra.
Le iniziative, le raccolte fondi e le raccolte di beni su tutto il territorio nazionale, con fotografie e testimonianze del grande lavoro dei volontari Auser.

Molfetta (BA), Auser sbarca in Albania grazie ad un progetto europeo
L’Auser di Molfetta ha partecipato al programma europeo “Erasmus+ KA210-ADU” aggiudicandosi un progetto, intitolato “Colti al Volo”, approvato e finanziato dall’Unione Europea. L’idea di fondo è quella di “esportare” in Albania  l’esperienza associativa dell’Auser, creare in quel paese una realtà simile all’Auser solo, però, dopo aver acquisito le competenze necessarie grazie al supporto dei partner greci e spagnoli coinvolti nel progetto. A tale fine è stata avviata la collaborazione  con l’Università Epoka di Tirana.
Il progetto  partirà il prossimo 24 e 25 marzo, avrà una durata di 18 mesi e prevede la realizzazione delle seguenti attività: un primo meeting di conoscenza e incontro organizzato a Molfetta il 24 2 25 marzo in cui tutti i partner (italiani, greci e spagnoli) avranno l’opportunità di conoscersi personalmente dando avvio alla collaborazione; Un corso di videomaking e utilizzo dei social media in Grecia presso il partner “E-school” della durata di 5 giorni al fine di far acquisire, ai soci ed ai volontari Auser, competenze informatiche utili per il perseguimento del c.d. “Lifelong learning”; Un corso in Spagna presso il partner “M&M Profuture” della durata di 3 giorni del tipo “Train for Trainers” ed ulteriori 2 giorni in cui i partecipanti creeranno una mini guida con “tips and tricks”. Obiettivo di questo incontro è quello di far acquisire competenze allo staff dell’Auser per la creazione di attività strutturate; creare 8 video pillole su come creare e gestire un centro per adulti; 1 mini guida con “tips and tricks” per un centro per adulti. Evento finale in Albania con la previsione dell’apertura di un Centro Auser nella cittadina di Koplik. Saranno realizzate apposite sessioni formative dei volontari albanesi, in collaborazione con l’Università Epoka di Tirana.

“I talenti, l’arte e la cura: storie di comunità” anche Roberto Vecchioni nel webinar del 21 marzo organizzato da Auser Lombardia
 Il prossimo 21 marzo dalle 14,30 alle 16, si terrà sulla piattaforma Zoom il Webinar promosso da Auser Lombardia “I talenti, l’arte e la cura: storie di comunità” a cui interverrà il cantautore e scrittore Roberto Vecchioni sul tema “ritornare a una politica di cura”. Introduce i lavori Tiziana Scalco della presidenza di Auser Lombardia, interverranno inoltre i presidenti di diverse realtà Auser nel territorio lombardo che porteranno testimonianze e racconti. Conclude i lavori Fulvia Colombini presidente regionale. Modera i lavori Sara Bordoni, ufficio comunicazione Auser Lombardia.

Catania, inaugurato un nuovo sportello dedicato alle donne
Per due giorni a settimana, il lunedì e il mercoledì, dalle 15,30 alle 19, le donne catanesi di tutte le età  potranno contare su un nuovo sportello di sostegno e ascolto. È stato inaugurato  l’8 marzo il nuovo “Centro donna Elvira Colosi” negli uffici di piazza Dante 5 fortemente voluto da Cgil e Coordinamento donne Cgil, Spi Cgil e AUSER Catania.Grazie all’impegno di sindacaliste, di un’avvocata esperta in diritto di famiglia e criminologa, di psicologhe, di addetti ai servizi fiscali e alla previdenza, il centro informerà sui diritti delle donne ad ogni livello.
Il Centro è stato intitolato a Elvira Colosi, classe 1936, femminista, impegnata attivamente nella Cgil catanese e in molti altri movimenti e associazioni tra le quali l’UDI; una donna tenace, sensibile, colta e dalle grandi doti di attivismo sociale scomparsa nel 2020. Alla sorella Agata, ai figli Manlio ed Elio Di Mauro oggi presenti all’inaugurazione insieme alle rispettive consorti, ai nipoti e ai pronipoti della signora Elvira, è stata consegnata una targa ricordo.
La direttrice dell’Auser, Nicoletta Gatto, ha annunciato che nelle prossime settimane sarà data alle stampe una biografia di Elvira Colosi. “Attraverso la contrattazione di genere si può e si deve cancellare ogni forma di molestia che le donne subiscono al lavoro, si possono contrastare le forme di irregolarità lavorativa come il demansionamento, o il gap salariale con i colleghi uomini o combattere il lavoro nero usato spesso come unica chance per le donne. Il centro, attraverso il nostro sistema servizi, sosterrà la tutela individuale delle donne nel corso della vita lavorativa. Ne siamo molto orgogliosi”, conclude il segretario generale della Cgil di Catania, Carmelo De Caudo.
Fonte: Giornale di Sicilia

Siracusa, sottoscritto tra Auser e Spi un protocollo di collaborazione per ampliare la rappresentanza
E’ stato sottoscritto tra lo Spi Cgil di Siracusa e l’Auser territoriale Siracusa aps-ets un protocollo di reciproca collaborazione  per l’anno 2022 con l’ obiettivo di ampliare la  rappresentanza sociale e politica mediante una campagna di tesseramento e fornire servizi ai propri iscritti/soci e nel contempo creare – nel rispetto dei ruoli e compiti – un dialogo sociale e una sinergia di progettualità nel territorio provinciale.
Il protocollo prevede, per l’anno 2022 da parte dello Spi, per ogni nuovo iscritto alla categoria, come valore aggiunto, comprendendo nel costo della  tessera SPI l’affiliazione all’Auser. Per Auser l’impegno è di coinvolgere gli iscritti allo Spi  di Siracusa nelle varie attività dell’associazione in una sinergica attività di sensibilizzazione e reciproca conoscenza dei  ruoli e compiti di Auser e Spi.
“Il rapporto con i  fondatori dell’Auser, SPI e CGIL nel pieno rispetto e distinzione dei ruoli e dei compiti affidati, è naturale in un costante rapporto di collaborazione finalizzato al rafforzamento ed alla crescita reciproca- ha sottolineato Stefano Gugliotta presidente dell’Auser territoriale di Siracusa – l’invecchiamento attivo come l’apertura ad uno scambio intergenerazionale con i giovani cui Auser si apre secondo lo slogan “la solidarietà non ha età” non può non interagire con il più grande sindacato dei pensionati italiani che è bacino naturale per le attività dell’Auser. Sullo stesso principio si basa il nostro impegno a diffondere ai nostri soci l’importanza della rappresentanza sociale che lo SPI  riveste nella vita di tutti i giorni per chi non è più un lavoratore attivo, ma tanto può ancora dare in termini di solidarietà ed esperienza per l’intera società”.

Buccinasco (MI), “Cuciamo legami”
Si cuciono legami a Buccinasco (MI), grazie alla sartoria sociale e al progetto ideato dal Comune e organizzato in sinergia con Auser e Caritas. Dopo la forzata pausa a causa dell’emergenza Covid, il progetto è pronto per ricominciare, con diverse novità. La sartoria è ufficialmente riaperta e «Cuciamo legami», nome dell’iniziativa, è ripartita. Il progetto era nato prima della pandemia, in seguito all’analisi dei bisogni delle fragilità emerse nell’ambito del «Tavolo di contrasto alla povertà e all’emarginazione sociale». È un corso rivolto a donne del territorio individuate dal servizio sociale e dalle associazioni caritatevoli a cui proporre di acquisire le competenze di base nella pratica del cucito, come spiegano dal Comune. Diversi e importanti gli obiettivi raggiunti: si creano legami di condivisione e relazioni, le partecipanti realizzano creazioni che poi mettono in vendita per finanziare i progetti solidali dell’associazione Lule, che si occupa di donne in difficoltà e vittime di tratta, e si impara un mestiere sempre più richiesto. E visto il successo dell’iniziativa, si raddoppia: un corso di cucito avanzato per il gruppo iniziale e un corso base di cucito per un nuovo gruppo di donne. Mente del progetto è Martina Villa, presidente del Consiglio comunale con delega all’Integrazione sociale, che ha lavorato in sinergia con le assistenti sociali del Comune, le volontarie di Auser e Caritas. L’iniziativa è piaciuta, tanto che le partecipanti sono aumentate e i locali di piazza Cavalieri di Vittorio Veneto sono diventati troppo piccoli per ospitarle tutte. Il Comune ha quindi messo a disposizione il Centro culturale Bramante, ex pizzeria sottratta alla ‘ndrangheta dove da anni vengono proposte iniziative sociali. «Sono orgogliosa di aver creduto in questo progetto fin dal primo momento – dichiara Martina Villa – e di averci lavorato insieme alle Caritas e ad Auser Attivamente Buccinasco: grazie al lavoro di squadra, al grande impegno dei nostri servizi sociali e all’entusiasmo, il cuore e la voglia di imparare e stare insieme delle donne partecipanti, il progetto cresce e diventerà sempre più grande». L’idea è continuare a realizzare creazioni da mettere in vendita per proseguire con i progetti solidali. Il successo dello stand allestito lo scorso anno in occasione della fiera Diversificando di Buccinasco, dedicata alle associazioni e ai gruppi che aiutano chi ha bisogno, dà una spinta e un incoraggiamento a tutte le partecipanti e alle organizzatrici per continuare a cucire legami.
Fonte: Il Giorno

Perugia, rose per ricordare
Marcella Bravetti, voce delle operaie della Spagnoli, Gianna Selvi, partigiana e poi rappresentante delle tabacchine, Felicia Oliviero, femminista e animatrice del gruppo di donne “La Goccia”, Serena Innamorati, scrittrice e intellettuale, figura di riferimento nella cultura perugina e regionale: intorno alle storie di queste quattro donne si svilupperà l’iniziativa promossa dalla Cgil di Perugia, insieme al coordinamento donne della Camera del Lavoro, allo Spi Cgil e all’Auser di Perugia, dal titolo “Rose per ricordare”.
L’appuntamento si terrà venerdì 18 marzo alla biblioteca di San Matteo degli Armeni di Perugia, con inizio alle ore 15.30.
 
 
Monza Brianza, l’appello dell’Auser: “Abbiamo bisogno di volontari”
L’urgenza è legata alla ricerca di autisti, accompagnatori e volontari per il servizio di telefonia sociale. «Ma chiunque voglia dedicare qualche ora agli altri e fare il volontario, anche in altre attività, qui da noi è sempre accolto a braccia aperte» precisa subito Tosco Giannessi, presidente di Auser Monza e Brianza. La onlus lancia infatti una vasta campagna di recruiting su Monza e per le altre sedi sparse in Brianza, alla ricerca di persone disponibili a dare una mano per i tanti servizi attivi. Per aiutare non ci sono limiti di età e particolari vincoli di impegno. «Basta qualche ora alla settimana, ma ovviamente siamo ben felici di accettare l’aiuto gratuito che ciascuno vorrà offrirci, in base alla propria disponibilità ma anche in relazione alla proprie attitudini: qui c’è tanto da fare» precisa Valentina Rotta, coordinatrice delle attività, in servizio alla sede centrale di Monza. I volontari sono la parte più preziosa di Auser, impegnati quotidianamente in reti di relazione, solidarietà e partecipazione. L’impegno richiesto è su turni, dal lunedì al venerdì ma anche per attività saltuarie, come eventi o raccolte fondi anche nel fine settimana. Sulla necessità di trovare nuove forze ha giocato il suo ruolo anche la pandemia, su più fronti: qualcuno che dava la sua disponibilità in precedenza ha dovuto o ha scelto di fare un passo indietro. Ora l’invito è a farne uno avanti.
Per informazioni e adesioni: www.ausermonzabrianza.it segreteria@ausermonzabrianza.it  o si può telefonare allo 0392731149.
Fonte: Il Cittadino di Monza e Brianza

 
Calcinaia (PI), il cuore grande della sartoria Auser: donati 5mila euro per le famiglie in difficoltà
I volontari dell’Auser e della sartoria della solidarietà sono stato protagonisti di un bel gesto di altruismo Si sono infatti presentati in sala consiliare per donare  5mila euro all’amministrazione con un obbiettivo preciso: aiutare le persone che risiedono nel Comune e che a causa della crisi economica  in corso  hanno problemi di sostentamento. Il caro-bollette, la chiusura di alcune attività con la conseguente perdita del lavoro da parte di molte persone, hanno infatti messo in ginocchio anche famiglie del territorio e i volontari dell’Auser e della Sartoria della Solidarietà hanno pensato di unire la loro generosità per offrire questa significativa cifra che è stata simbolicamente donata al sindaco, Cristiano Alderigi e al vicesindaco e Flavio Tani. Sindaco e Assessore hanno ringraziato «per questo gesto «così bello e altruista i volontari», assicurando che la somma sarà interamente destinata ad offrire sostegno ai nuclei familiari che più risentono della crisi economica.
Fonte: La Nazione

Lugo (RA). E’ partito il progetto “Sentirsi acColti”, dedicato agli anziani soli
“Pronto, qui è l’Auser di Lugo…”. Partono così le telefonate legate al progetto “Accogliere al telefono”, che ha lo scopo di fare “compagnia telefonica” agli anziani soli del territorio.Pandemia, invecchiamento della popolazione, disabilità permanenti o temporanee, ondate di caldo, hanno pesantemente evidenziato in questi ultimi anni la necessità di percorsi progettuali e di risposte articolate e puntuali, anche innovative: per portare conforto materiale e morale in un lungo momento in cui tutti ci siamo riscoperti più fragili, più bisognosi dell’altro, più soli.
Si tratta del progetto “sentirsi acColti” (co-progettazione regionale, delibera N.1826 del 7/12/20) che vede come capofila la consulta del volontariato Comuni della Bassa Romagna e ha come obiettivo il contrasto delle solitudini involontarie specie nella popolazione anziana. La “compagnia telefonica” segue un elenco indicato dai servizi sociali del comune di Lugo, e crea un legame non più solo emergenziale, bensì strutturale, cadenzato, continuo, per dedicare ai destinatari un ascolto, un conforto, un’attenzione tutta particolare. Un’attività che arricchisce in modo significativo entrambi i protagonisti di questo contatto, chi chiama e chi riceve la telefonata.
“Si è partiti dalla constatazione di un’utenza sempre più disorientata, per cercare di costruire un’interazione tesa a superare insieme smarrimento e paura – spiega Carla Bergami, dell’Auser di Lugo -. Spesso l’unica compagnia per chi è solo è la televisione, che spesso alimenta e amplifica terrore e ansia. Allora la risposta parte da un’altra semplice modalità tecnologica, alla portata di tutti: il telefono. L’attività che abbiamo avviato permette uno scambio di opinioni, di riflessioni sul passato e sul presente, ma anche informazioni e orientamento sui servizi presenti nel territorio”.
 
 
Russi (RA), la “Compagnia dei racconti” contro la solitudine
Mercoledì 16 marzo alle alle 17.30 partirà in provincia di Ravenna il progetto di contrasto alla solitudine degli anziani della ‘Compagnia dei racconti’. Alla presentazione, che si svolgerà online su Zoom, sarà presente l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Russi (RA), Monica Grilli, e Cristiana Baroni dei Servizi sociali associati. L’incontro può essere seguito anche nella sede di Porta Nova, al circolo Auser di Russi. Il progetto ‘Compagnia dei racconti’, avviato in provincia nel 2018 e che sbarca quest’anno per la prima volta nel territorio di Russi e di San Pancrazio, è alla ricerca di volontari che vogliano mettersi in gioco per raccontare le vite dei ravennati più anziani. Il progetto è coordinato dalla cooperativa sociale Villaggio globale, in collaborazione con l’assessorato alla Politiche sociali di Russi, Sguardi in Camera Aps, Auser provinciale, ed è sostenuto dalla Regione Emilia Romagna. Attraverso lo stare insieme, ‘Compagnia dei racconti’ cercherà di coinvolgere le comunità locali nella cura dei propri concittadini. I volontari seguiranno un percorso di formazione per entrare in relazione con persone anziane a rischio solitudine, per ascoltarle, intervistarle e raccogliere ricordi ed episodi di vita. Verranno raccolte anche immagini e fotografie del passato, legate alle persone incontrate. Le storie saranno poi trascritte e raccolte in pubblicazioni, donate ai partecipanti e distribuite sui territori coinvolti.
Per informazioni:
349-6481710 – ericci@villaggioglobale.ra.it
Fonte: Il Resto del Carlino

 
Reggio Emilia, ciclo di lezioni di storia contemporanea con Auser Cultura e Spi-Cgil
Auser Cultura e Spi Cgil organizzano a Reggio Emilia un ciclo di sei incontri gratuiti a cadenza settimanale; le lezioni si tengono ogni martedì, dalle 15 alle 17, al centro sociale cittadino “Pigal” di via Petrella, 2. Relatore di tutti gli incontri il prof Cesare Grazioli, ex docente di storia e filosofia. Il programma, che proseguirà fino al 12 aprile, spazia dalla seconda guerra mondiale ai giorni nostri, con vari approfondimenti. Uno degli incontri sarà dedicato anche alla musica leggera e alle canzoni dagli anni 50’ agli anni 70’.
Per partecipare 0522 457592 – 0522 300132 info@auserreggioemilia.it
Fonte: Il Resto del Carlino
 
 
Ostra Vetere (AN), decoro urbano con i volontari Auser
I volontari Auser di Ostra Vetere (AN) proseguono l’attività di restauro delle panchine del Comune. Già lo scorso mese di febbraio, insieme ai volontari della Protezione civile, avevano riqualificato due panchine in viale Marconi e installato delle tavole in legno nella parte superiore di quelle in marmo già presenti in via Ai ragazzi del 99. Un’intensa attività quella dei volontari Auser e della Protezione civile per restituire decoro al paese, sistemando ciò che è rotto e pulendo dove altri sporcano. Quelli dell’Auser hanno completato la pulizia del parcheggio davanti alla sede della Rieco, a Piani d’Appresso, sistemato l’aiuola centrale, pulito le caditoie stradali e installato un contenitore per la raccolta dei rifiuti. Prima ancora hanno tagliato il prato nel giardino interno della scuola materna Lombardi, potato alcuni gelsi nelle aree verdi di via Honorati e di via De Gasperi e realizzato delle aiuole in legno nel cortile della scuola primaria Api per il progetto orto scolastico. L’Amministrazione comunale apprezza molto questo impegno che gratifica sulla pagina Facebook istituzionale tramite post in cui aggiorna la cittadinanza su quello che fanno.
Fonte: Corriere Adriatico
 

Cormano (MI), nasce un nuovo gruppo di cammino
Nasce il gruppo di cammino organizzato dall’Auser per i residenti e i frequentatori del quartiere Fornasè di Cormano. L’iniziativa è organizzata in maniera totalmente gratuita da Auser “Il Centro” in collaborazione con il Comune di Cormano e il Dipartimento Prevenzione di Ats.
Mercoledì 16 marzo, alle 10, l’appuntamento sarà in fondo a Via Leonardo da Vinci, davanti al Community Center. Ci sarà una breve presentazione dell’esperienza, in cui sarà possibile fare domande. Sarà presente anche la Dottoressa Laura Galessi, e alcuni rappresentanti del Comune, oltre a volontari e volontarie di Auser il Centro che, idoneamente formati, porteranno avanti l’esperienza tutti i lunedì e mercoledì mattina. «Per partecipare non occorre essere sportivi o già in forma: l’esperienza è aperta a tutti, compreso ci si muove in carrozzina», sottolineano gli organizzatori.
Chi fosse impossibilitato a partecipare mercoledì mattina, ma volesse avere informazioni sull’esperienza, può chiamare Auser allo 33.34.07.95.41 oppure l’ufficio Sport del Comune allo 02.66.32.42.64.
Fonte: ilgazzettinometropolitano.it

 
Peschiera Borromeo (MI),  “Caro amico smartphone, tablet e web”
Caro amico smartphone, caro amico tablet, caro amico web. Sono le nuove iniziative promosse dall’Auser di Peschiera Borromeo Università dell’adulto, per avvicinare gli anziani alle nuove tecnologie e superare il rischio di una “emarginazione digitale”. Una serie di incontri fra marzo e aprile, gestiti da giovani tutor esperti, per imparare a maneggiare senza paura app e telefonini, per imparare a navigare, scaricare documenti e foto, gestire file e tantissimo altro ancora.
Per info: Auser Piazza Paolo VI Peschiera Borromeo Info: Tel. 3297956538 solo dalle 18.30 alle 20.

Busto Arsizio (VA), ha 34 anni la nuova presidente dell’Auser
L’assemblea dell’Auser di Busto Arsizio ha scelto: la nuova presidente è Michela Volfi, 34 anni, di professione formatrice in pratiche di filosofia. Per la prima volta dopo oltre trent’anni, una donna viene eletta alla guida dell’associazione che ha sede in via Volta. Succede a Maurizio Maggioni, che era dal 2017 alla presidenza e che nel frattempo è diventato consigliere comunale. E che afferma: «Per Auser Michela è una risorsa importante e rappresenta un passaggio generazionale».
«Nuova generazione per l’Auser? Direi di sì – ammette la neo-presidente Michela Volfi – la frase che caratterizza l’associazione è “la cittadinanza non ha età”, e richiama ad una responsabilità nei confronti del tessuto sociale». Nel programma della “nuova” Auser c’è però soprattutto grande continuità, in particolare rispetto al «lavoro di costruzione di rete» fatto in questi anni, «che ci permette di avere uno sguardo intergenerazionale, con momenti d’incontro tra generazioni e soggetti portatori di diverse risorse». Laureata in filosofia e scienze cognitivi e processi decisionali, Michela Volfi di professione è formatrice in pratiche di filosofia con particolare attenzione per la prospettiva della “Philosophy for Children”. Sviluppa percorsi di ricerca e progetti di filosofia con i bambini e con gli adulti in una pluralità di realtà del territorio lombardo, con un costante e crescente impegno nel coinvolgimento delle persone diversamente abili e degli anziani in dinamiche partecipative e riflessive. Da tre anni collabora con Auser Busto, con cui ha sviluppato progetti in rete con altre associazioni del territorio (“Arte per non stare in disparte” e “Nuove trame”), volti a favorire occasioni di socializzazione e di scambio intergenerazionale.
Fonte: malpensa24.it
 

Lucca, un concorso di scrittura per gli studenti delle superiori
Gli studenti e le studentesse diventano scrittori e scrittrici grazie al premio letterario “Giuseppe De Francesco” organizzato dall’Auser territoriale di Lucca e rivolto alle classi III e IV degli istituti superiori di Lucca e della Piana (Capannori, Porcari, Montecarlo e Altopascio). Il tema della prima edizione del premio è di stretta attualità: “Una speranza di vita: emigrazione ieri e oggi”. Gli elaborati dovranno essere inediti, dattiloscritti in formato A4 e ogni pagina corrispondente a una cartella editoriale standard conterrà 18.000 battute, suddivise in 30 righe da 60 battuta ognuna (spazi compresi).
Gli elaborati dovranno essere inviati per posta o consegnati personalmente alla sede sede Auser Territoriale, via Pisana 255 (nei locali dell’ex scuola elementare), Lucca, tassativamente entro il prossimo 31 marzo.
Nei mesi successivi la giuria – composta da esperti ed ex docenti – valuterà gli elaborati, consistenti in una produzione narrativa sul tema dl concorso interpretato liberamente in ogni suo aspetto. Verranno selezionati i tre migliori elaborati inseriti in un graduatoria per il 1°, 2° e 3° premio. A questi verrà assegnato un buono per l’acquisto di libri presso la libreria “Lucca Sapiens” di Borgo Giannotto.
Fonte: Il Tirreno

Sesto Fiorentino (FI), una sciarpa di parole contro la violenza sulle donne
Le parole sono importanti, soprattutto in questo momento difficile. Sono ancora più importanti quelle che servono per definire una situazione. Da questa intuizione è partita Auser Toscana per costruire una «Sciarpa di parole contro la violenza sulle donne». Il progetto è iniziato il 25 novembre scorso (Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne) con la richiesta ai volontari e alle volontarie dell’associazione di definire con una parola quella celebrazione. Tanti i termini suggeriti poi uniti assieme per formare la maxi sciarpa. Un primo assaggio di questa raccolta è il video «Sciarpa di parole contro la violenza sulle donne» realizzato da Auser Toscana nel quale alcuni volontari mettono a disposizione le loro parole (ad esempio urlo, consapevolezza, amoricidio, alleanza, vergogna) e la motivazione della scelta. Il video è visibile sul sito di Auser Toscana www.auser.toscana.it.
La conclusione del progetto sarà il 25 novembre 2022 quando sarà ampliato il video e le parole saranno raccolte in un nuovo vocabolario dell’associazione.
Fonte: La Nazione


 Dal Sindacato

Legalità: 17 marzo iniziativa Cgil, Libera e Avviso Pubblico “Le mafie nella pandemia”. Diretta streaming su Collettiva.it dalle ore 10
La mafie nella pandemia”, è questo il titolo dell’iniziativa promossa da Cgil nazionale, Libera e Avviso Pubblico che si terrà giovedì prossimo, 17 marzo, dalle ore 10 alle ore 13.30 al Teatro Fonderia Leopolda di Follonica.L’appuntamento, che potrà essere seguito in diretta sulla pagina Facebook e sul sito di Collettiva, è una tappa di avvicinamento alla giornata del 21 marzo in memoria delle vittime innocenti di mafia, e avrà al centro i rischi di infiltrazioni mafiose nella realizzazione degli investimenti a valere sul PNRR. Nel corso dell’iniziativa verrà proiettato il report “Maremma Felix” del giornalista Rai Pietro Mecarozzi, che sarà tra gli ospiti insieme a Rosy Bindi. L’introduzione sarà affidata al responsabile Coordinamento nazionale Legalità e Sicurezza della Cgil Luciano Silvestri, e concluderà il segretario confederale della Cgil Giuseppe Massafra


Associazionismo Volontariato Terzo Settore

Emergenza Ucraina – Pallucchi (Forum Terzo Settore): “Il Terzo settore c’è ed è operativo, ci aspettiamo alcune condizioni necessarie a garantire un’accoglienza dignitosa”
Sin dai primi giorni dell’invasione dell’Ucraina il Terzo settore italiano si è mobilitato per rispondere alle emergenze della popolazione e portare i primi aiuti. Un risultato possibile anche grazie ai preesistenti legami di molte organizzazioni, presenti sul territorio con proprie strutture e in collaborazione con partner locali. In queste due settimane le iniziative di solidarietà promosse dal Terzo settore si sono moltiplicate sia in loco, sia nel nostro Paese.
“Ci sono tuttavia alcune azioni urgenti da intraprendere per mettere in piedi un sistema di accoglienza-integrazione che sia davvero all’altezza della grande emergenza umanitaria che stiamo vivendo – dichiara la Portavoce Vanessa Pallucchi: dal dare risposte tempestive a chi è nei territori dove è in atto il conflitto e nelle zone limitrofe, all’organizzazione dell’accoglienza diffusa qui in Italia. Il Terzo settore è già operativo, ed è stato attivato un tavolo di concertazione con il Ministero del Lavoro e con la Protezione Civile.”
“È assolutamente necessario – prosegue la portavoce –  assicurare il coordinamento e la messa a sistema delle iniziative in corso, garantendo una forte connessione tra amministrazioni locali, le istituzioni a vario livello, il Forum del Terzo Settore e le altre reti nazionali impegnate sul tema, riconosciute quali parti integranti di questo sistema. Questo ci permetterebbe di valorizzare tutti gli interventi e metterli al servizio dell’interesse generale, per una coerente ed efficiente gestione della risposta alla crisi. Ci sono bambini e famiglie, minorenni migranti non accompagnati, persone con disabilità da proteggere e per tutti vanno definite chiare e precise linee guida e cornici giuridiche nelle quali potersi muovere. Vanno inoltre attivate convenzioni dirette con le nostre reti, indicazioni e protocolli ben definiti e condivisi da tutti a garanzia di interventi trasparenti e di qualità.”
“Bisogna poi definire tutti gli aspetti che riguardano il tema dell’integrazione – prosegue ancora  Vanessa Pallucchi. Dare dignità e sostegno a chi arriva, dai bambini che dovranno avere un modello di facilitazione linguistica per potersi inserire nelle scuole, all’attivazione di servizi di vario tipo e le coperture sanitarie. Non possiamo dimenticare infatti che siamo ancora in regime di emergenza sanitaria.”
Fonte: Forum Terzo Settore

Ucraina: Fondazioni stanziano 2 milioni per i profughi
In linea con i valori di pace e di solidarietà, che da sempre ispirano l’attività delle Fondazioni di origine bancaria, il Consiglio di Acri ha deliberato all’unanimità di destinare un contributo straordinario di 2 milioni di euro, per il sostegno umanitario alla popolazione ucraina che sta lasciando il Paese a causa del conflitto. Le risorse, a valere sul Fondo Nazionale Iniziative Comuni – il fondo costituito dalle Fondazioni in seno ad Acri per rispondere alle emergenze –, andranno a sostenere l’attività di alcune Ong che si sono già mobilitate per l’assistenza ai profughi ucraini. Con queste organizzazioni è già in essere una proficua collaborazione attraverso il “Progetto Migranti”, promosso dalla Commissione per la Cooperazione internazionale di Acri, che da 4 anni realizza interventi per l’assistenza dei migranti in arrivo nel nostro Paese.
Fonte: Forum Terzo Settore

Emergenza Ucraina: firmata l’ordinanza sulla gratuità dei trasporti per i cittadini ucraini in Italia
I cittadini potranno viaggiare gratuitamente entro 5 giorni dal loro arrivo nel Paese.
Il Capo del Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, ha firmato un’ordinanza
che dispone importanti agevolazioni in materia di trasporto per la popolazione in fuga
dalla guerra in Ucraina. L’ordinanza di protezione civile prevede che i cittadini provenienti dall’Ucraina possano viaggiare gratuitamente sul nostro territorio, entro 5 giorni massimo dall’ingresso in Italia, per raggiungere il primo luogo di destinazione o di accoglienza. Il provvedimento comprende la gratuità del trasporto sui treni della società Trenitalia (Gruppo FS) che effettuano servizio di Intercity, Eurocity e Regionali, sui servizi marittimi e sulla rete autostradale. «La fattiva collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Trenitalia e Aiscat ha portato a questa importante misura che rappresenta un ulteriore tassello nel piano di accoglienza della popolazione in fuga dalla guerra – ha detto il Capo Dipartimento, Fabrizio Curcio –. Siamo di fronte a uno scenario delicato e complesso che il nostro Paese deve affrontare in modo sinergico».


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it www.auser.it

 

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

I commenti sono chiusi

MENU