Area riservata

Auser Cultura Toscana riparte con la formazione digitale

Scritto da
19 Maggio 2020

Sintesi del coordinamento regionale – videoconferenza 12 maggio 2020
A cura di Renato Campinoti

La relazione di Campinoti ha sottolineato le difficoltà della grave situazione creatasi col Coronavirus e con le misure di restringimento sociale adottate, che hanno bloccato del tutto le attività di aggregazione e culturali di Auser. Auser comunque è stata in campo con i servizi alle persone fragili (spesa a domicilio, farmaci, compagnia telefonica ecc.) in rapporto, spesso, con le Amministrazioni e con le altre Associazioni. Di tutto questo Auser Toscana ha dato conto con due numeri di Auserinforma e con la Newsletter on line con i filmati, fatti spesso di interviste ai nostri volontari. Con la fase Due si tratta di valutare le cose più utili che possiamo svolgere in sicurezza. Le proposte avanzate sono state due:

1) Riprendere la costruzione della Rete regionale di Auser Cultura con la nomina di un responsabile di tali attività in tutte le Associazioni Territoriali, con la messa a punto di un minimo programma di attività anche in questa fase;

2) Prendere atto del crescente sviluppo delle tecnologie Digitali in ogni aspetto della vita sociale, a cominciare dalle  modalità di comunicazione (interna e esterna alle Associazioni), e sulle quali si rende sempre più necessario intervenire. Consapevoli che anche al termine della Pandemia resterà significativo l’uso del digitale per la gestione della vita sociale, il rischio che abbiamo di fronte è l’approfondirsi del divario digitale tra le generazioni, con quelle più anziane che potranno soffrire l’emarginazione informatica.

Mentre sul primo punto riprenderemo i contatti tra Auser Regionale e Territoriali per la messa  a punto dell’organizzazione e delle attività, sul secondo sono state avanzate le seguenti proposte:

  • Avviare, già nelle prossime settimane, un CORSO DI FORMAZIONE per dirigenti regionali e territoriali sull’uso delle App e delle Piattaforme per la comunicazione, per il quale il Cesvot metterà a disposizione i docenti e che si svilupperà sulla Piattaforma ZOOM per un periodo di 4/5 lezioni di due ore ciascuna, una mattina la settimana. In tal modo si punta a formare personale in ogni realtà territoriale che, a sua volta, sia in grado di formare i responsabili della Associazioni affiliate. L’obbiettivo è di mettere in grado, entro l’autunno, la struttura associativa  di Auser Toscana, a tutti i livelli, di  appropriarsi dell’uso di tali strumenti per la parte che sarà comunque importante della nostra attività.
  • Impegnarsi, insieme ad Eda Forum e in collaborazione col Terzo Settore e i CPIA, per mettere a punto un PROGETTO finalizzato alla formazione principalmente delle generazioni più anziane sui temi del Digitale, da sottoporre all’attenzione della Regione Toscana e sul quale sollecitare, all’avvio della nuova legislatura, l’attivazione del Tavolo di coordinamento della Formazione Permanente.

 

Dopo gli interventi dei rappresentanti dei Territoriali e di Anna Calvani della Presidenza, che hanno data la piena disponibilità alle proposte avanzate, a cominciare dal Corso di Formazione, ha preso brevemente la parola la Presidente di Auser Toscana Simonetta Bessi che ha sottolineato l’utilità della riunione, ha invitato tutte le realtà Territoriali a strutturare la presenza dei responsabili di Auser Cultura e a partecipare al Corso di Formazione proposto, con la collaborazione del Cesvot. Ha infine ritenuto utile evidenziare, fra le priorità, la necessità di sollecitare la Regione a riprendere l’attività del Tavolo sulla formazione permanente, anche per le finalità richiamate dalla relazione.

 

Nel suo intervento conclusivo Fabrizio Dacrema, responsabile Auser Cultura Nazionale, ha espresso apprezzamento per la riunione che rimette in moto le attività e ha sottolineato l’utilità delle proposte avanzate sul Corso di formazione e sul progetto da predisporre verso la Regione. La necessità di sviluppare tali iniziative, ha ricordato, nasce dalla consapevolezza di quanto ormai le tecnologie digitali siano entrate nella nostra vita quotidiana e di come diventi una nostra responsabilità impegnarsi a ridurre il divario che si è già aperto tra le generazioni su tali temi. Ha ricordato come Auser nazionale abbia avviato a questo proposito un Corso nazionale di formazione, in cui è presente anche Auser Toscana, che favorisca l’appropriazione di tali tecnologie da parte dei nostri dirigenti e, al tempo stesso, aiuti il miglioramento delle attività e delle modalità di comunicazione dell’intera Associazione. Ha richiamato infine la necessità di favorire la nascita e lo sviluppo della Rete di Auser Cultura su tutto il territorio nazionale sia con i responsabili e i programmi in ogni territorio, sia mettendo in rete, anche tramite la Newsletter Cultura, le buone pratiche che si stanno sviluppando anche in questo difficile momento.

 

Categorie articolo:
AttivaMente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *