Area riservata

Auser Sorbolo – Progetto “Orto di classe – Aula verde”

Scritto da
27 Marzo 2023

Sorbolo – Parma
Referente: Paolo Bertoletti
paolo.bertoletti56@gmail.com
+39 348 070 2353
via Vivaldi, 12 – 43058 Sorbolo (PR)
mail: veroni.m@alice.it;

AUSER SORBOLO – Aula Verde.
E’ l’esperienza che in quel di Sorbolo viene realizzata da oltre 10-12 anni presso una casa colonica di epoca napoleanica nei cui dintorni i volontari dell’Auser locale in collaborazione con la scuola
primaria Oreste Boni hanno promosso la conoscenza delle coltivazioni orticole e l’educazione ambientale. I gelsi, i bachi e poi le api come elementi del vivere a contatto con la natura sono stati
elementi per l’apprendimento di piccoli e di grandi.
Molto è dipeso, in tale esperienza dalla volontà di alcuni insegnanti e dal sostegno dell’amministrazione comunale e scolastica. Nell’area circostante, grazie al lavoro dei volontari
sono stati installati ben tre gazebo di cui uno solo finanziato a seguito di un bando comunale, ed è stato installato un WC per rendere, insieme ad altre attività svolta, più agibile la permanenza in
loco. L’esperienza oggi è fortemente in difficoltà a seguito dell’avvenuta destinazione dell’area alla costruzione della Casa di Comunità in attuazione degli stanziamenti previsti dal PNRR.
Sono tuttavia in corso trattative pre un nuvo e adeguato spazio. Il locale sarà liberato a fine luglio 2023 ma l’attività continuerà.

 

“Aula verde”, è un progetto attivo dal 2010, nato come ‘Orto di Classe’ ridando vita ad una casa colonica in centro al paese di proprietà del Comune: la casa Anzolla di Sorbolo, sul suolo concesso in comodato d’uso dal Comune. Partito con la collaborazione tra una classe della primaria di Sorbolo e AUSER, vede coinvolti ora alunni di tutto il plesso (300 alunni). L’Orto diventa lo stimolo per spaziare con diverse attività.. teatro, laboratori, cucina, esperienze sensoriali…un’attività tira l’altra.
Nel 2018 abbiamo partecipato, insieme a Comune ed Istituto comprensivo, ad un Bando della Fondazione Cariparma al fine di raggiungere una maggiore fruibilità dell’area verde, grazie al recupero di spazi disponibili e alla messa in sicurezza.

Le azioni che si vorranno realizzare e saranno proprio quelle che renderanno innovativo il progetto esistente sono:
1. allargare la fascia di utenza dall’infanzia alla secondaria;
2. coinvolgimento di un altro istituto, nell’ottica di uno scambio esperienziale;
3. rafforzamento di rapporti intergenerazionali, coinvolgendo associazioni del territorio (Studi yoga, Gruppo Bianka) e altri enti (Ufficio Agricoltura di Parma regione Emilia Romagna e Università agli Studi di Parma);
4. Laboratori esperienziali quali: “Un tesoro sotto i piedi” (laboratorio scientifico sul suolo), “Abitanti del piano di sotto e del piano di sopra” (dipendenza degli abitanti del piano di sopra dalla vitalità di quelli del piano di sopra: laboratorio scientifico-teatrale sugli insetti), laboratori sull’educazione alimentare (produzione del formaggio legati all’ambiente di origine, filiera del pane e del vino, laboratori di cucina per realizzare piatti tipici della nostra tradizione e di culture altre), percorsi paralleli esperienziali per alunni e loro genitori al fine di migliorare le abitudini alimentari.
5. realizzazione di un’aula verde che si innova aprendosi all’intera comunità (percorsi esperienziali per i bambini e parallelamente con i genitori, con momenti di scambio e confronto).

E’ un progetto didattico-educativo interdisciplinare che partendo dall’ambiente e dai sani stili di vita offre un vasto ventaglio di opportunità in termini di offerta formativa e di collegamenti con il percorso curricolare; formativo perché agli insegnanti vengono dati una serie di metodi e strumenti per ampliare l’offerta didattica promuovendo così un apprendimento di tipo esperienziale da parte degli studenti; di promozione di consapevolezza rispetto ai sani stili di vita, alla cultura della cittadinanza attiva, dell’integrazione sociale, culturale e intergenerazionale per tutti coloro che sono coinvolti nelle attività: studenti, insegnanti, famiglie, volontari e tutta la comunità di riferimento.
Il coinvolgimento dell’’IC Toscanini di Parma, la presenza di alunni con disabilità gravi rende necessaria una riorganizzazione funzionale delle strutture e degli spazi, con la dotazione di un bagno apposito e di gazebo a fini ombreggianti, oltre ad un numero adeguato di sedie e una casetta per ricovero materiali. La multiculturalità del gruppo dei volontari, delle classi e delle famiglie è un valore aggiunto che favorisce l’integrazione attraverso la conoscenza e la condivisione di diverse tradizioni alimentari.

Categorie articolo:
AttivaMente

I commenti sono chiusi

MENU