Area riservata

Piccole cose per stare meglio

Scritto da
20 Maggio 2020

di Maria Teresa Marziali, Coordinatrice Auser Cultura Marche

Si sta per concludere il secondo mese di Piccole cose per stare meglio  incontri virtuali nella stanza di GoToMeeting che Auser Marche ci ha messo a disposizione.

Ho sentito una piccola dissonanza mentre scrivevo la parola “virtuali”.

Gli incontri online stanno acquisendo un po’ di familiarità per chi li usa da qualche mese; la  diffidenza diminuisce, perde forza il timore di confrontarsi con … cosa, piccoli oggetti sconosciuti con qualche tratto di pericolosità?  

L’appuntamento settimanale ci collega quasi come se ci incontrassimo di persona, percepiamo alcuni aspetti dell’incontro in persona: si parla, si ascolta, si colgono l’espressione del viso e le posture, si prende il caffè, si aspetta mentre un’altra persona se lo prepara, progredisce lo scambio personale di racconti, di materiali, si costruiscono progetti…. Insomma si hanno a disposizione quasi gli stessi elementi dell’incontro personale per capire se quel progetto relazionale funzionerà oppure no, qualunque esso sia.

Ehi, i due tipi di incontri non sono la stessa cosa, non scherziamo, in GoToMeeting si incontrano le macchine non i corpi; gli incontri sono virtuali, tocca continuare a scriverlo.

Si sta per concludere, dunque, il secondo mese di Piccole cose per stare meglio incontri settimanali nella stanza di GoToMeeting di soci Auser dislocati in tre regioni.

Nelle Marche sono coinvolti anche i paesi che hanno partecipato al progetto delle zone terremotate “Volontariato, Cultura e Ambiente per Ripartire”. Proprio in quei paesi, Pescara del Tronto e Ascoli Piceno, poco più di un anno fa, abbiamo iniziato i corsi sull’uso dello smartphone negli incontri virtuali.

Il gruppo delle piccole cose ha avuto anche per loro funzione di ascolto, di risorsa e fonte di apprendimento di attività utili e divertenti. 

Nelle settimane che rimangono registreremo i nostri incontri e confezioneremo le Piccole cose per stare meglio che ci siamo scambiati: dalla ricognizione di alcuni aspetti della vita passata (ricordare, cercare tracce, ridare valore a ciò che è passato davanti a uno sguardo distratto e che può essere di insegnamento per il presente), alla dimostrazione di come si realizzano le piccole attività che ciascuna delle dieci partecipanti fa per stare meglio quotidianamente.

Tutto sarà raccolto nella nostra “Banca digitale delle piccole cose per stare meglio” alla quale attingere ora e nel futuro.

I video che stanno circolando in questi mesi mostrano cose divertenti, attività che si possono fare insieme anche tra persone che vivono distanti, due o duemila chilometri, video che ci hanno ispirato e, in una modalità molto semplice, anche noi saremo capaci di mostrare qualcosa di utile e che ci sta divertendo.

 

 

Categorie articolo:
AttivaMente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *