Area riservata

Campagna vaccinale: in Lombardia Auser ha effettuato 16.958 accompagnamenti per anziani e fragili e impegnato 2.500 volontari

Scritto da
22 Febbraio 2022

Sono stati fra i primi a vaccinarsi nel febbraio dello scorso anno per poter subito dare una mano, sono i 2500 volontari che Auser Lombardia ha messo in campo nell’imponente campagna vaccinale approntata dal nostro paese contro il Covid.
2.184 sono stati impegnati nel trasporto sociale, per aiutare gli anziani e le persone fragili a raggiungere i siti vaccinali, e 381 erano invece coinvolti come volontari negli Hub vaccinali: all’accoglienza, nella vigilanza, nello smistare le persone, nel dare informazioni. Contribuendo positivamente al regolare svolgimento delle vaccinazioni.
Da marzo a dicembre 2021 sono stati effettuati 16.958 trasporti sociali relativi alla campagna vaccinale, per migliaia di chilometri.
Dalla prima dose fino ad arrivare alla dose booster i volontari di Auser Lombardia hanno dato un aiuto prezioso ai tanti anziani del territorio, soli e fragili, che avevano difficoltà a raggiungere i luoghi dove fare le vaccinazioni.

La sede Auser di Voghera da marzo 2021 è stata trasformata in Hub vaccinale, con un accordo con la ASST ed è tuttora funzionante, con l’aggiunta dell’Hub pediatrico.

I volontari Auser con costanza e continuità continuano a prestare servizio ogni giorno compresi i sabati e le domeniche, in collaborazione con altre reti di volontariato.

“Sono state accompagnate persone anziane, fragili, sole, non autosufficienti, affette da disabilità; coloro che hanno chiesto aiuto l’hanno ricevuto – sottolineano i responsabili della presidenza regionale Auser Lombardia – I nostri volontari sono andati a prendere le persone a casa, le hanno portate al centro vaccinale, sono rimasti con loro per tutto il tempo, infine le hanno riaccompagnate a casa. Stimiamo che ogni accompagnamento abbia richiesto circa due ore di tempo. Il sorriso di sollievo e il grazie detto con il cuore sono stati per i volontari la ricompensa migliore.”

Le distanze percorse sono state considerevoli: si pensi che solo a Lodi, città che per prima in Italia ha dovuto confrontarsi con il Covid, i volontari Auser hanno percorso 44.520 chilometri.

“Nelle nostre 430 sedi situate in tutta la Lombardia abbiamo provveduto a fissare gli appuntamenti online per migliaia di persone e stampato, oppure scaricato sugli smartphone, una quantità incalcolabile di Green Pass. Numerosi sono stati i giovani che ci hanno dato una mano.”

Categorie articolo:
Comunicati stampa · Notizie

I commenti sono chiusi

MENU