Area riservata

No alla lapidazione di Sakineh. Auser aderisce all’appello

Scritto da
3 Settembre 2010

La Presidenza Nazionale dell’Auser, aderisce all’appello  per dire No alla condanna morte con lapidazione di Sakineh, la donna iraniana che rischia la vita per un’accusa  di adulterio ed ha sottoscrito la raccolta firme lanciata da Repubblica.
“E’ un’atrocità – sottolinea l’Auser- la lapidazione  è una punizione barbara e atroce.
La pena di morte è assurda ed  è importante che la comunità internazionale e la società civile si  mobiliti. Salvare Sakineh, vuol dire salvare una vita, la dignità, la giustizia, la libertà”.

Categorie articolo:
Comunicati stampa

I commenti sono chiusi