Area riservata

Una nuova rete: accompagnamento, mobilità sostenibile e innovazione sociale nelle aree disagiate

 

Progetto realizzato con il finanziamento concesso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali per l’annualità 2019 a valere sul Fondo per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale nel terzo settore di cui all’art. 72 del decreto legislativo n.117/2017 s.m.i.

 

Obiettivi:
Salute e benessere: assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età
Ridurre le ineguaglianze
Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili 

Durata: 18 mesi 

Ambito territoriale del progetto
Le attività saranno realizzate in almeno 19 tra regioni e province autonome (tutte tranne Aosta e Molise). L’attenzione sarà principalmente orientata alle cosiddette “Aree interne” in contrasto al progressivo isolamento di porzioni territoriali e un depauperamento, reale e/o precipito, dei livelli di servizi e di qualità della vita.

Focus del progetto
Il focus del progetto è identificato nell’area della mobilità, in particolare nell’identificazione e nella sperimentazione di una corretta mobilità, in termini di tempi di percorrenza e facilità di spostamento

Linee di attività principali                                                                                                                                 

A – Indagine sui fabbisogni in tema di mobilità con il coinvolgimento di diverse categorie di stakeholder, sia dal lato dell’offerta dei servizi, sia dal lato della domanda (indagine nazionale tramite questionario e focus group per ciascuna regione con il coinvolgimento sia di dirigenti e volontari Auser che di responsabili degli operatori di settore e Amministratori locali)

B – Formazione e manutenzione competenze degli operatori di sistema tese ad accrescere il livello qualitativo dei servizi proposti, con il coinvolgimento sia di dirigenti e volontari Auser che di responsabili degli operatori di settore e Amministratori locali.

C – Sperimentazione
La fase della sperimentazione riguarderà i territori di ameno cinque regioni da individuare (due al nord, una al centro e due al sud). Le attività saranno articolate e realizzate alla luce delle precondizioni presenti e alle sinergie attivabili sui singoli territori.

Le attività potranno riguardare tanto la realizzazione di servizi di accompagnamento, quanto il potenziamento delle attività di informazione e formazione locale specifica (previsti 3 incontri formativi in ciascuna delle 5 regioni con 20 partecipanti ciascuna). Obiettivo: almeno 750 assistiti beneficiari diretti dei servizi di accompagnamento realizzati

Valutazione di impatto
E’ prevista la valutazione ex post, ovvero i risultati conseguiti al termine delle attività e gli impatti raggiunti a due anni dalla conclusione del progetto

 

AFFIDAMENTI ESTERNI DI ATTIVITÀ

Agenzia FERPRESS (settore trasporti) – Le sarà affidata la gestione della comunicazione rivolta agli operatori di sistema. Inoltre Ferpress curerà assieme ad Auser la formazione e il tutoraggio all’interno dei Focus group per la rilevazione del fabbisogno su tutto il territorio e la progettazione di dettaglio delle sperimentazioni

Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti, ISFORT – Le sarà affidata l’attività di indagine campionaria che si accompagnerà ai Focus group nella fase di rilevazione del fabbisogno.

Idea Comunicazione – Le sarà affidata la cura della parte grafica e istituzionale della comunicazione relativa al progetto, per la produzione di materiali stampati e la realizzazione degli eventi.

Società Cooperativa Social Hub – Sarà incaricata di curare la valutazione di impatto delle attività con degli step di avanzamento in itinere, alla conclusione e due anni dopo il termine delle attività progettuali.

GASNET – Collegata alla fase di formazione, manutenzione e aggiornamento delle competenze, sarà l’attività di adeguamento e aggiornamento della piattaforma web nazionale che Auser utilizza in tutta Italia per la gestione organizzativa delle attività di accompagnamento e aiuto alla persona.

Studio di consulenza normativo fiscale MTEA – Durante la pianificazione delle sperimentazioni infine ci si avvarrà dello Studio MTEA per la cura delle possibili implicazioni in questi ambiti delle sperimentazioni per come esse dovranno essere realizzate nel territorio (es.: stipula dei protocolli d’intesa, aspetti fiscali degli oneri collegati alle peculiari attività realizzate, consulenza normativa per l’interazione fra associazione e utenza generale, ecc.)

COLLABORAZIONI GRATUITE:

Asstra – Associazione Nazionale Trasporti. Raggruppa oltre 150 aziende pubbliche che effettuano servizi di trasporto locale

Club Italia – L’associazione, a cui aderiscono tutte le aziende che producono, distribuiscono, istallano ed impiegano sistemi di bigliettazione elettronica e sistemi di infomobilità

Federmobilità – L’associazione, che raggruppa le Agenzie pubbliche della Mobilità di Comuni, Province e Regioni si è resa disponibile a partecipare alle iniziative di progetto, nel corso dello suo sviluppo Federmobilità potrà verificare la possibilità che nei capitolati di appalto per i servizi che le amministrazioni locali a partire dal 2019 debbono obbligatoriamente mettere a gara, siano inseriti elementi di premialità per le aziende che si impegnino a trovare forme di collaborazione attiva con il mondo del volontariato che gestisce trasporto sociale.

Auser – Federazione Nazionale Delle Associazioni di Volontariato –La Federazione metterà a disposizione gratuitamente il numero verde nazionale Auser di cui essa è titolare, 800 995 988, operativo 7 giorni su 7 da telefonia fissa, con cui gli utenti che ne avessero bisogno potranno gratuitamente contattare l’associazione per la richiesta di assistenza e accompagnamento.

Abitare e Anziani – Aiuterà nella fase di selezione delle regioni dove implementare le sperimentazioni, attraverso focus descrittivi dei rispettivi contesti urbani.

Forum Nazionale del Terzo Settore – Il supporto del Forum Nazionale del Terzo Settore consisterà nella promozione delle attività progettuali tesa al più ampio coinvolgimento degli altri ETS potenzialmente interessati dalle azioni stesse e al sostegno di nuove reti inter-associative.

mod.d

mod.e