Area riservata

76° anniversario dal voto alle donne. Perchè è importante non dimenticare

Scritto da
10 Marzo 2022

Dichiarazione di Vilma Nicolini responsabile nazionale Auser – Osservatorio Pari Opportunità e politiche di genere

Oggi ricorre l’anniversario del primo appuntamento elettorale per le donne italiane nell’Italia Repubblicana: il 10 marzo 1946 si votò per le elezioni amministrative, attuando finalmente il decreto luogotenenziale sul suffragio femminile, entrato in vigore un anno prima. Per la prima volta le donne entrarono in massa nella storia d’Italia da protagoniste, a testa alta e come fattore decisivo.

All’inizio del secolo scorso la donna era ritenuta una sorta di accessorio dell’uomo. Nel lento cammino verso l’uguaglianza dei diritti, con la prima guerra mondiale, le donne sono state impegnate in lavori di responsabilità tipici dell’uomo. Con il fascismo la donna torna a ricoprire la figura della regina della casa e fu con il secondo conflitto mondiale che torna ad assaporare una sorta di parità con gli uomini. Durante la Resistenza sono molte le donne che divennero staffette, informatrici e parte attiva della lotta contro l’occupazione nazi fascista. Il ruolo che occupa oggi la donna nel nostro Paese è il frutto della sua coraggiosa partecipazione alla lotta di liberazione.

Le donne sono state protagoniste della nascita e della costruzione della nostra Repubblica ed è un dovere ricordare il tanto lavoro fatto dalle donne prima di noi, per permetterci di godere di libertà e diritti che fino ad un secolo fa non esistevano: diritti che abbiamo, che spesso ignoriamo o non difendiamo abbastanza. Dai diritti si passò alle politiche per le donne, lungo un cammino che le donne continuano a compiere per la promozione della parità e per il rispetto reciproco tra i generi.

Avete mai pensato che se non ci fossero state le donne, con le loro tenaci battaglie di emancipazione e liberazione, attraverso un profondo intreccio con le associazioni, i movimenti, i sindacati, i partiti, le istituzioni, l’Italia oggi sarebbe un Paese arretrato?

Tags:
Categorie articolo:
Notizie

I commenti sono chiusi

MENU