Area riservata

Auser aderisce alla giornata di mobilitazione del 24 febbraio per il cessate il fuoco in Ucraina e Palestina

Scritto da
19 Febbraio 2024

“Le guerre calpestano i diritti umani, civili e sociali e inquinano le nostre esistenze”

La rete Auser nazionale aderisce e sostiene la giornata di mobilitazione del 24 febbraio 2024 nelle città italiane per il cessate il fuoco in Palestina e Ucraina.
Occorre fermare la criminale follia di tutte le guerre, la corsa al riarmo, la distruzione del pianeta costruendo un percorso di pace. Il numero dei conflitti è il più alto dalle guerre mondiali e risponde a logiche di potere e di dominio le cui vittime principali sono sempre le popolazioni civili e chi viene mandato a combattere. Le guerre calpestano i diritti umani, civili e sociali e inquinano le nostre esistenze. Non possono essere definiti democratici quegli Stati che utilizzano le guerre per allargare la loro influenza geopolitica. Non ci può essere retorica e ipocrisia nel descrivere la verità con la logica che bisogna sempre schierarsi con i più forti. Il rispetto delle convenzioni e del diritto internazionale deve essere garantito in ogni parte del mondo. Questi principi valgono per l’aggressione della Russia all’ Ucraina, per la strage di Hamas come per il popolo palestinese.
La guerra non può e non deve essere l’unico strumento di regolazione dei conflitti perché in tale logica si arriva fino all’utilizzo degli arsenali nucleari. Abbiamo condannato l’attacco di Hamas del 7 Ottobre 2023 che ha provocato 1200 morti, più di 200 persone prese in ostaggio, con stupri di donne israeliane. Ma non è moralmente accettabile quello che succede in Palestina con oltre 30 mila morti, di cui il 70% donne e bambini e anziani, la distruzione di ospedali e scuole, perfino delle Nazioni Unite, i tagli dei rifornimenti di carburante, cibo, acqua, assistenza sanitaria. Non si può rispondere all’attacco di Hamas con il genocidio del popolo palestinese. Occorre fare tacere le armi e abbattere il muro dell’odio per una soluzione negoziata che garantisca due popoli in due stati con uguali libertà, sicurezza e diritti.
Il nostro Paese, come l’Europa, non ha svolto una concreta azione diplomatica per prevenire e gestire i conflitti forse perché in gioco ci sono gli interessi delle industrie degli armamenti che stanno macinando enormi profitti. Se la guerra è sempre una sconfitta per l’umanità la pace vale sempre di più di una vittoria.

Per questa ragione, condividendo l’appello per la giornata di mobilitazione del 24 febbraio, la rete Auser sarà insieme ai tanti movimenti, reti, associazioni e sindacati nelle piazze per ribadire il no alle guerre e no al riarmo per costruire un mondo più giusto per tutti chiedendo alle istituzioni europee e italiane di non fare prevalere i meschini interessi economici sull’ aspirazione dei cittadini alla pace.

Testo dell’appello della Giornata di mobilitazione

 

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU