Area riservata

Genova: Auser e Spi Cgil insieme nella gestione di un bene confiscato alla mafia. Parte il progetto “nessun uomo è un’isola” coabitazione solidale fra generazioni

Scritto da
5 Maggio 2021

Auser e Spi-Cgil si stanno occupando a Genova nello storico quartiere di Sampierdarena del riutilizzo di due appartamenti confiscati alla mafia con l’obiettivo di farne due abitazioni per giovani e anziani. L’idea è quella di pensare a una coabitazione intergenerazionale ovvero a una forma di ciò che oggi va sotto il nome di co-housing. Abitare insieme per condividere tempi, spazi, ritmi, esperienze. Il progetto si chiama “Nessun uomo è un’isola” e nasce proprio con l’obiettivo di avviare processi virtuosi di socializzazione tra generazioni diverse riconsegnando alla collettività ciò che prima era in mano alla criminalità organizzata.
A Sampierdarena il sindacato dei pensionati si sta attivando insieme ad Auser per rendere operativo il riuso di due immobili confiscati che accoglieranno persone in difficoltà con problemi abitativi (o perché non possono far fronte al pagamento di un affitto o non hanno i requisiti per accedere all’edilizia residenziale pubblica).
Nei due appartamenti troveranno posto una decina di persone (4-5 ad appartamento). L’identikit potrebbe essere il seguente: giovani coppie con figli piccoli e coppie di anziani in grado di sostenersi vicendevolmente. Gli anziani potranno fornire assistenza e aiuto alla coppia dei genitori soprattutto se impegnati con il lavoro fuori casa tutto il giorno e, allo stesso tempo, potranno farsi portatori di storie e di esperienze e fornire così il loro contributo. I giovani, d’altro canto, saranno una buona compagnia per gli anziani ma potranno anche aiutarli nel disbrigo di tutte quelle pratiche che necessitano sempre più dell’utilizzo della tecnologia o anche potranno insegnare loro come si usa uno smartphone. Auser e Spi, dopo essersi fatti attivatori, promotori e artefici del progetto, potranno mettere a disposizione i propri servizi per tutto il quartiere. Auser con interventi di aiuto, accompagnamento degli anziani, trasporto sociale, compagnia telefonica. I pensionati della Cgil con i servizi previdenziali e quelli fiscali a tutela non solo degli anziani ma anche dei più giovani.
Il progetto di Spi e Auser infatti è stato condiviso anche dal Comune di Genova ed è diventato parte integrante del progetto più generale di riqualificazione del centro storico di Genova e di riutilizzo dei beni confiscati alla mafia.

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *