Area riservata

Il 28 settembre la prima Giornata dell’Associazionismo

Scritto da
15 Settembre 2023

Il prossimo 28 settembre, a Roma, si terrà la Giornata dell’Associazionismo, promossa dalla Consulta Associazioni di Promozione Sociale del Forum Nazionale del Terzo Settore.

L’evento dal titolo: Siamo valore sociale. Il ruolo delle APS per la partecipazione e per una società inclusiva e sostenibile rappresenta la prima edizione di un appuntamento che puntiamo a rendere costante nel tempo.

Il presidente nazionale Auser Domenico Pantaleo interverrà come relatore, nel primo panel del programma previsto alle ore 10 dal titolo “Libertà, Democrazia, Partecipazione. La crescita culturale e sociale del Paese passa attraverso l’articolo 18 della Costituzione e i trattati europei sui diritti associativi”.

Siamo Valore Sociale – Programma della Giornata

Siamo Valore Sociale – Manifesto della Giornata:

Le due grandi emergenze globali che l’Italia ha dovuto affrontare negli ultimi anni, la pandemia e la guerra in Ucraina, hanno reso evidente il ruolo insostituibile del Terzo settore e della promozione sociale. Le APS (Associazioni di Promozione Sociale) hanno dato corpo al senso di responsabilità collettiva delle persone, promuovendo il volontariato, progettando e realizzando attività a sostegno delle comunità.

Con una giornata dedicata a queste realtà vogliamo raccontare la promozione sociale e valorizzarla come pratica di democrazia e di educazione alla convivenza, inclusione e socialità, contrasto alle solitudini, animazione sociale, promozione culturale, del territorio e dell’ambiente: una molteplicità di esperienze che uniscono l’azione civica e solidaristica con la dimensione del fare e dell’economia sociale.

Ma vogliamo anche rivolgerci alla politica, chiedendo che si mettano in campo azioni concrete per consentire la sopravvivenza della promozione sociale e favorirne lo sviluppo.

Le APS stanno compiendo un grande sforzo per adeguarsi alla riforma del Terzo settore, in particolare per trasmigrare nel Registro Unico (RUNTS). Esprimono inoltre forte preoccupazione per la mancata risoluzione della questione IVA e per la prolungata attesa della definizione della “questione fiscale”, ad oggi ferma in UE. Un’altra importante criticità riguarda la cosiddetta armonizzazione tra sport e promozione sociale: lo sport sociale non può rimanere fuori dal Terzo settore. Infine il tema della coprogrammazione e coprogettazione.

Gli interventi che chiediamo vengano prioritariamente messi in agenda:

  • Alleggerimento degli oneri amministrativi e burocratici previsti per le associazioni di piccole dimensioni.
  • Semplificazione delle procedure di iscrizione, aggiornamento delle informazioni e deposito degli atti nel RUNTS.
  • Ripristino del “fuori campo IVA” per le attività mutualistiche delle associazioni nei confronti dei soci.
  • La deducibilità Irap del costo del lavoro per allineare gli Enti del Terzo Settore non commerciali alla pressione, molto meno onerosa, prevista oggi per le società commerciali.

La qualità della partecipazione pubblica riflette l’etica di una società democratica. Per questo è compito di ogni Governo democratico sostenere e favorire l’associazionismo civico quale miglior contrasto alla “cultura dello scarto” che si sta pericolosamente radicando nella nostra società.

 


Per motivi organizzativi è necessario registrarsi a questo link: https://tinyurl.com/r9m53aeb

 

Categorie articolo:
Notizie

Comments

MENU