Area riservata

Lecco, 35 giovani coinvolti dall’inizio dell’anno

Scritto da
9 Luglio 2024

Auser e i giovani: un binomio capace di dare risultati straordinari. L’associazione di volontariato lecchese traccia il bilancio del contributo che le ragazze e i ragazzi degli istituti superiori del territorio hanno dato ad Auser tramite l’alternanza scuola lavoro, o attraverso il servizio civile e la leva civica. Da settembre a giugno sono stati 35 i giovani coinvolti, grazie anche alla sensibilità dei docenti, nelle attività di volontariato in favore degli anziani e delle persone con disabilità, nell’organizzazione dei servizi, negli accompagnamenti protetti, nelle fasi di progettazione e gestione delle diverse attività di Auser.
Le ragazze e i ragazzi hanno espresso tutta la loro generosità ed empatia verso gli anziani, e costruito con gli altri volontari un rapporto di reciproca collaborazione, per un’esperienza umana e comunitaria che di certo ha arricchito il loro bagaglio di esperienze e conoscenze. Uno di loro ha raccontato, in una lettera consegnata ad Auser prima di cessare il suo periodo di attività, tutta la sua felicità nell’essere riuscito ad aiutare la comunità: quando usciva per accompagnare giovani ragazzi diversamente abili per accompagnarli alle strutture, si rendeva conto che stava contribuendo a qualcosa di importante. Così come quando telefonava a casa degli anziani, per ascoltare le loro storie di vita vissuta e raccogliere i loro bisogni.
“Il volontariato può offrire molte opportunità significative per i ragazzi, come lo sviluppo delle competenze pratiche e interpersonali, il miglioramento delle capacità di comunicazione, di gestione del tempo, di lavorare in una squadra di persone anche di età diversa – spiega il presidente di Auser provinciale Lecco, Claudio Dossi – Così come può essere un’esperienza preziosa quella del volontariato che può essere inclusa nei curriculum vitae, quando si è in cerca di un lavoro oppure nel fare domanda d’iscrizione all’università. E poi aiutare gli altri può dare un senso di soddisfazione personale, fa aumentare l’autostima e il benessere emotivo dei giovani. Fare volontariato permette di conoscere persone nuove, di fare nuove amicizie e anche opportunità professionali. Il volontariato consegna ai ragazzi l’opportunità di sperimentare le proprie abilità in situazioni e contesti sempre diversi, di aumentare la loro consapevolezza sociale e l’empatia verso gli altri”.

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU